Guerra d'indipendenza angolana -
Angolan War of Independence

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Parte della guerra coloniale portoghese , la decolonizzazione dell'Africa e la guerra fredda
Sempreatentos...aoperigo!.jpg
Truppe portoghesi di pattuglia in Angola
Data 4 febbraio 1961-25 aprile 1974 (cessate il fuoco)
(13 anni, 2 mesi e 3 settimane)
11 novembre 1975 (indipendenza)
Posizione
Risultato

Vittoria militare portoghese, vittoria politica MPLA, FNLA e UNITA

  •  
    Jugoslavia
  •  
    Unione Sovietica
  •  
    Cuba
  •  
    Cina
  •  
    Germania dell'est
  •  
    Somalia
  •  
    stati Uniti
  •  
    Israele
  •  
    Zaire
  • Repubblica del Congo
    Congo
  •  
    Algeria
  •  
    Tunisia
  •  
    Tanzania
  •  
    Brasile
  •  
    Rodesia
    90.000 65.000
    ~10.000 uccisi 2.991 morti (1.526 KIA e 1.465 morti non in combattimento secondo il governo portoghese)
    9.000+ vittime (altre stime)
    4.684 con carenza permanente (fisica o psicologica)
    30.000-50.000 civili uccisi
    Mappa delle attuali province dell'Angola, corrispondenti quasi esattamente ai distretti di epoca portoghese.

    La guerra d'indipendenza angolana ( portoghese : Guerra de Independência de Angola ; 1961–1974), chiamata in Angola Luta Armada de Libertação Nacional ("Lotta armata di liberazione nazionale"), iniziò come una rivolta contro la coltivazione forzata del cotone, e divenne una lotta multifazione per il controllo della provincia d'oltremare del Portogallo dell'Angola tra tre movimenti nazionalisti e un movimento separatista . La guerra finì quando un colpo di stato militare di sinistra a Lisbona nell'aprile 1974 rovesciò la dittatura portoghese dell'Estado Novo e il nuovo regime interruppe immediatamente tutte le azioni militari nelle colonie africane, dichiarando la sua intenzione di concedere loro l'indipendenza senza indugio.

    Il conflitto è solitamente affrontato come un ramo o un teatro della più ampia guerra portoghese d'oltremare , che comprendeva anche le guerre di indipendenza della Guinea-Bissau e del Mozambico .

    È stata una guerriglia in cui l'esercito portoghese e le forze di sicurezza hanno condotto una campagna di contro -insurrezione contro gruppi armati per lo più dispersi in aree scarsamente popolate della vasta campagna angolana. Molte atrocità sono state commesse da tutte le forze coinvolte nel conflitto. Alla fine, i portoghesi ottennero la vittoria militare complessiva.

    In Angola, dopo il ritiro dei portoghesi, è scoppiato un conflitto armato tra i movimenti nazionalisti. Questa guerra terminò formalmente nel gennaio 1975 quando il governo portoghese, l' Unione nazionale per l'indipendenza totale dell'Angola (UNITA) , il Movimento popolare per la liberazione dell'Angola (MPLA) e il Fronte di liberazione nazionale dell'Angola (FNLA) ha firmato l' Accordo di Alvor . Informalmente, questa guerra civile riprese nel maggio 1975, compresi i combattimenti di strada a Luanda e nelle campagne circostanti.

    Sfondo del territorio

    . In cambio, il re del Congo offrì schiavi, avorio e minerali.

    Paulo Dias de Novais fondò Luanda nel 1575 come São Paulo da Assunção de Loanda . Novais occupò una striscia di terra con cento famiglie di coloni e quattrocento soldati, e stabilì un insediamento fortificato. La corona portoghese concesse a Luanda lo status di città nel 1605. Diversi altri insediamenti, forti e porti furono fondati e mantenuti dai portoghesi. Benguela , un forte portoghese dal 1587, una città dal 1617, fu un altro importante insediamento iniziale fondato e governato dal Portogallo.

    Il primo periodo dell'incursione portoghese fu punteggiato da una serie di guerre, trattati e controversie con i governanti africani locali, in particolare Nzinga Mbandi , che resistette al Portogallo con grande determinazione. La conquista del territorio dell'Angola contemporanea iniziò solo nel XIX secolo e non si concluse prima degli anni '20.

    Nel 1834, l'Angola e il resto dei domini portoghesi d'oltremare ricevettero lo status di province d'oltremare del Portogallo. Da quel momento in poi, la posizione ufficiale delle autorità portoghesi è sempre stata che l'Angola fosse parte integrante del Portogallo allo stesso modo delle province del Metropole (Portogallo europeo). Lo status di provincia fu brevemente interrotto dal 1926 al 1951, quando l'Angola ebbe il titolo di "colonia" (a sua volta divisa amministrativamente in più province), ma fu recuperata l'11 giugno 1951. La revisione costituzionale portoghese del 1971 aumentò l'autonomia del provincia, che divenne lo Stato dell'Angola.

    L'Angola ha sempre avuto una densità di popolazione molto bassa. Nonostante avesse un territorio più grande di Francia e Germania messe insieme, nel 1960, l'Angola aveva solo una popolazione di 5 milioni, di cui circa 180.000 erano bianchi, 55.000 erano di razza mista e i restanti erano neri. Negli anni '70 la popolazione era aumentata a 5,65 milioni, di cui 450.000 bianchi, 65.000 di razza mista e i restanti neri. Il politologo Gerald Bender ha scritto "... entro la fine del 1974 la popolazione bianca dell'Angola sarebbe stata di circa 335.000, o poco più della metà del numero comunemente riportato".

    Il governo provinciale dell'Angola era guidato dal Governatore Generale, che aveva poteri sia legislativi che esecutivi, a diretto riporto del Ministro portoghese degli Esteri . Era assistito da un gabinetto composto da un Segretario generale (che fungeva da vice governatore generale) e diversi segretari provinciali. C'era un Consiglio legislativo - che comprendeva membri sia nominati che eletti - con responsabilità legislative che furono gradualmente aumentate negli anni '60 e '70. Nel 1972 è stata trasformata nell'Assemblea legislativa dell'Angola. C'era anche un Consiglio di governo, incaricato di consigliare il Governatore generale nelle sue responsabilità legislative ed esecutive, che includeva gli alti funzionari pubblici della provincia.

    Nonostante fosse responsabile della polizia e di altre forze di sicurezza interna, il governatore generale non aveva responsabilità militari, che erano attribuite al comandante in capo delle forze armate dell'Angola. Il Comandante in Capo riportava direttamente al Ministro della Difesa Nazionale e al Capo di Stato Maggiore Generale delle Forze Armate .

    Nel 1961, l'amministrazione locale dell'Angola comprendeva i seguenti distretti : Cabinda , Congo , Luanda , Cuanza Norte , Cuanza Sul , Malanje , Lunda , Benguela , Huambo , Bié-Cuando-Cubango, Moxico , Moçâmedes e Huíla . Nel 1962 il Distretto del Congo fu diviso nei distretti dello Zaire e dell'Uige e quello di Bié-Cuando-Cubando nei distretti di Bié e Cuando-Cubango . Nel 1970 è stato creato anche il Distretto del Cunene dalla separazione della parte meridionale del Distretto di Huíla. Ciascuno era guidato da un governatore distrettuale, assistito da un consiglio distrettuale. Seguendo il modello portoghese di governo locale , i distretti erano costituiti da comuni ( concelhos ) e questi erano suddivisi in parrocchie civili ( freguesias ), ciascuna amministrata da consigli locali (rispettivamente câmara municipal e junta de freguesia ). Nelle regioni dove non era stato ancora raggiunto il necessario sviluppo sociale ed economico, i comuni e le parrocchie civili furono transitoriamente sostituiti, rispettivamente, da circoli amministrativi ( circunscrições ) e posti ( postos ), ciascuno di questi retto da un funzionario nominato dal governo che aveva ampi poteri amministrativi, svolgendo ruoli di governo locale, polizia, sanitario, economico, tributario e persino giudiziario. Gli amministratori del circolo ei capi degli incarichi amministrativi dirigevano gli agenti di polizia ausiliari locali autoctoni detti " sepoys " ( cipaios ). In queste regioni, le autorità tradizionali - inclusi re, governanti e capi tribù indigeni - erano mantenute e integrate nel sistema amministrativo, fungendo da intermediari tra le autorità provinciali e le popolazioni autoctone locali.

    belligeranti

    forze portoghesi

    Paracadutisti portoghesi nella foresta pluviale dell'Angola settentrionale

    Le forze portoghesi impegnate nel conflitto includevano principalmente le forze armate , ma anche le forze di sicurezza e paramilitari.

    Forze armate

    Le forze armate portoghesi in Angola includevano forze di terra, navali e aeree, che passavano sotto il comando congiunto del comandante in capo delle forze armate dell'Angola. Fino al 17 giugno 1961 non c'era un comandante in capo nominato, con il comando congiunto nelle prime fasi del conflitto esercitato dai comandanti delle forze di terra, i generali Monteiro Libório (fino a giugno 1961) e Silva Freire (da giugno-settembre 1961). Da quel momento in poi, il ruolo di comandante in capo fu svolto successivamente dai generali Venâncio Deslandes (1961–1962, in qualità di governatore generale), Holbeche Fino (1962–1963), Andrade e Silva (1963–1965), Soares Pereira (1965–1970), Costa Gomes (1970–1972), Luz Cunha (1972–1974) e Franco Pinheiro (1974), tutti dell'esercito, tranne il primo che proveniva dall'aeronautica. Il comandante in capo fungeva da comandante del teatro e coordinava le forze dei tre rami di stanza nella provincia, con i rispettivi comandanti di ramo che fungevano da assistenti comandanti in capo. Con il corso del conflitto, il ruolo operativo del Comandante in Capo e del suo staff si è sempre più rafforzato a spese dei comandanti di ramo. Nel 1968, l'Area Militare 1 - responsabile dell'area insorta di Dembos - è stata istituita sotto il diretto controllo del Comandante in Capo e, dal 1970, anche le zone militari sono state poste sotto il suo diretto controllo, con la Zona Militare Orientale divenuta un comando congiunto. Quando scoppiò il conflitto, le forze armate portoghesi in Angola includevano solo 6500 uomini, di cui 1500 metropolitani (europei) e i restanti locali. Alla fine del conflitto, il numero era aumentato a oltre 65.000, di cui il 57,6% erano metropoliti e il resto erano locali.

    , una speciale unità di cavalli di controinsurrezione cresciuta a metà degli anni '60.

    Le forze della marina portoghese erano sotto il comando del comando navale dell'Angola. Queste forze includevano la Zaire Flotilla (con motovedette e mezzi da sbarco operanti nel fiume Zaire ), assetti navali (comprese fregate e corvette schierate in Angola a rotazione), compagnie di marines e distaccamenti di marines speciali. Mentre le compagnie dei Marines fungevano da fanteria navale regolare con il ruolo di proteggere le installazioni e le navi della Marina, gli Special Marines erano forze speciali, che fungevano da unità mobili di intervento, specializzate in assalti anfibi. L'obiettivo iniziale della Marina era principalmente il fiume Zaire, con la missione di interdire l'infiltrazione di guerriglie nel nord dell'Angola dalla confinante Repubblica dello Zaire. Successivamente, la Marina operò anche nei fiumi dell'Angola orientale, nonostante fosse una remota regione interna a circa 1000 km di distanza dall'Oceano.

    Un SA-330 Puma dell'aeronautica militare portoghese.
    Un F-84 portoghese caricato con ordigni negli anni '60, presso la base aerea di Luanda, durante la guerra coloniale portoghese .
    F-84 Thunderjet dell'aeronautica portoghese.
    , con la creazione di due centri di supporto aereo congiunti portoghesi-sudafricani.

    Forze di sicurezza

    Le forze di sicurezza in Angola erano sotto il controllo delle autorità civili, guidate dal governatore generale della provincia. La principale di queste forze impegnate nella guerra fu la Polizia di Pubblica Sicurezza (PSP) e la PIDE (ribattezzata DGS nel 1969). Entro la metà degli anni '60, queste forze includevano 10.000 poliziotti della PSP e 1.100 agenti della PIDE.

    La PSP era la polizia preventiva in uniforme dell'Angola. È stato modellato sul PSP portoghese europeo , ma copriva l'intero territorio della provincia, comprese le sue aree rurali e non solo le principali aree urbane come nel Portogallo europeo. Il PSP dell'Angola comprendeva un comando generale a Luanda e comandi distrettuali in ciascuno dei numerosi capoluoghi distrettuali, con una rete di stazioni di polizia e postazioni sparse sul territorio. Il PSP angolano è stato rafforzato con compagnie di polizia mobile schierate dal PSP portoghese europeo. Il PSP comprendeva anche la Guardia Rurale, che era responsabile della protezione delle aziende agricole e di altre aziende agricole. Oltre a questo, il PSP aveva il compito di inquadrare le milizie distrettuali, che erano impiegate principalmente nell'autodifesa dei villaggi e di altri insediamenti.

    La PIDE (Polizia di Difesa Internazionale e di Stato) era la polizia segreta e di frontiera portoghese. La delegazione PIDE dell'Angola comprendeva una serie di sottodelegazioni, posti di frontiera e posti di sorveglianza. Durante la guerra, ha operato come un servizio di intelligence. Il PIDE allevava e controllava i Flechas , un'unità paramilitare di forze speciali composta da indigeni. Inizialmente i Flecha dovevano servire principalmente come tracciatori, ma grazie alla loro efficacia furono sempre più impiegati in operazioni più offensive, comprese le operazioni pseudoterroristiche.

    Forze paramilitari e irregolari

    Oltre alle forze armate e di sicurezza regolari, c'erano un certo numero di forze paramilitari e irregolari, alcune delle quali sotto il controllo dei militari e altre controllate dalle autorità civili.

    L'OPVDCA ( Organizzazione Provinciale dei Volontari e della Protezione Civile dell'Angola ) era un corpo di tipo miliziano responsabile dei ruoli di sicurezza interna e di protezione civile , con caratteristiche simili a quelle della Legione Portoghese esistente nel Portogallo europeo. Era sotto il diretto controllo del Governatore Generale della provincia. La sua origine fu il Corpo dei Volontari organizzato all'inizio del conflitto, che divenne Organizzazione Provinciale del Volontariato nel 1962, assumendo anche il ruolo di protezione civile nel 1964, quando divenne l'OPVDCA. Era composto da volontari che prestavano servizio part-time, la maggior parte dei quali inizialmente bianchi, ma in secondo luogo sempre più multirazziali. Nel conflitto, l'OPVDCA è stato impiegato principalmente nella difesa delle persone, linee di comunicazione e installazioni sensibili. Comprendeva un comando provinciale centrale e un comando distrettuale in ciascuno dei distretti angolani. Si stima che alla fine del conflitto c'erano 20.000 volontari OPVDCA.

    Le forze paramilitari irregolari, comprendevano una serie di diversi tipi di unità, con caratteristiche diverse. Sotto il controllo militare c'erano i Gruppi Speciali (GE) e le Truppe Speciali (TE). I GE erano gruppi di combattimento delle dimensioni di un plotone di forze speciali composti da volontari nativi, che operavano nell'Angola orientale, solitamente assegnati alle unità dell'esercito. I TE avevano caratteristiche simili, ma erano costituiti da disertori dell'FNLA, operanti a Cabinda e nell'Angola settentrionale. Sotto il controllo delle autorità civili c'erano i Fieis (fedeli) e i Leais (leali). Il Fieis era una forza composta principalmente da gendarmi katangesi in esilio dal Fronte di liberazione nazionale congolese , che si opponeva al regime di Mobutu , essendo organizzato in tre battaglioni. I Leai erano una forza composta da esiliati politici dallo Zambia.

    Razza ed etnia nelle forze armate portoghesi

    Dal 1900 all'inizio degli anni '50 i portoghesi mantennero un esercito coloniale separato nei loro possedimenti africani, composto principalmente da un numero limitato di companhias indígenas (compagnie autoctone). Ufficiali e sottufficiali senior furono distaccati dall'esercito metropolitano, mentre i sottufficiali giovani provenivano principalmente da coloni portoghesi residenti nei territori d'oltremare. La base era un misto di volontari neri africani e coscritti bianchi della comunità dei coloni che svolgevano il servizio militare obbligatorio. In teoria anche gli assimilados neri erano soggetti alla coscrizione, ma in pratica solo un numero limitato era chiamato a prestare servizio. Con il cambiamento dello status ufficiale dei territori africani da colonie a province d'oltremare nel 1951, l'esercito coloniale perse il suo status separato e fu integrato nelle forze regolari del Portogallo stesso. La base delle assunzioni per le unità estere è rimasta sostanzialmente invariata.

    Secondo lo storico mozambicano João Paulo Borges Coelho, l'esercito coloniale portoghese era segregato secondo linee di razza ed etnia. Fino al 1960 c'erano tre classi di soldati: soldati incaricati (bianchi europei e africani), soldati d'oltremare ( assimilados o civilizados dell'Africa nera ) e soldati nativi (africani che facevano parte del regime indigenato ). Queste categorie furono ribattezzate in 1a, 2a e 3a classe nel 1960, che corrispondeva effettivamente alla stessa classificazione. In seguito, sebbene il colore della pelle cessò di essere una discriminazione ufficiale, in pratica il sistema cambiò poco, anche se dalla fine degli anni '60 in poi i neri furono ammessi come alfieri ( alferes ), il grado più basso nella gerarchia degli ufficiali incaricati.

    Numericamente, i soldati neri non sono mai stati più del 41% dell'esercito coloniale, passando da appena il 18% allo scoppio della guerra. Coelho ha osservato che la percezione dei soldati africani variava molto tra gli alti comandanti portoghesi durante il conflitto in Angola, Guinea e Mozambico. Il generale Costa Gomes, forse il comandante della controinsurrezione di maggior successo, cercò buoni rapporti con i civili locali e impiegò unità africane nel quadro di un piano organizzato di controinsurrezione. Il generale Spínola, al contrario, ha fatto appello a un uso più politico e psicosociale dei soldati africani. Il generale Kaúlza, il più conservatore dei tre, temeva le forze africane al di fuori del suo stretto controllo e sembra non essere andato oltre la sua iniziale percezione razzista degli africani come esseri inferiori.

    Le truppe dei nativi africani, sebbene ampiamente dispiegate, furono inizialmente impiegate in ruoli subordinati come truppe arruolate o sottufficiali. Con il progredire della guerra, un numero crescente di nativi angolani salì a posizioni di comando, sebbene di grado minore. Dopo 500 anni di dominio coloniale, il Portogallo non era riuscito a produrre alcun governatore, preside, ispettore di polizia o professore nero nativo; non era inoltre riuscito a produrre un singolo comandante di grado superiore commissionato nell'esercito d'oltremare.

    Qui gli amministratori coloniali portoghesi caddero vittime dell'eredità delle proprie politiche discriminatorie e limitate nell'istruzione, che in gran parte impedirono agli indigeni angolani un'istruzione uguale e adeguata fino a ben dopo lo scoppio dell'insurrezione. All'inizio degli anni '70, le autorità portoghesi avevano pienamente percepito questi difetti come sbagliati e contrari alle loro ambizioni all'estero nell'Africa portoghese, e accettarono di buon grado una vera politica daltonismo con una maggiore spesa in opportunità di istruzione e formazione, che iniziò a produrre un numero maggiore di professionisti neri di alto rango, compreso il personale militare.

    Forze nazionaliste e separatiste

    UPA/FNLA

    L'UPA è stata creata il 7 luglio 1954, come Unione dei Popoli dell'Angola del Nord, da Holden Roberto , discendente della vecchia Casa Reale Kongo , nato nell'Angola del Nord ma che ha vissuto fin dalla prima infanzia nel Congo Belga , dove venne a lavorare per le autorità coloniali locali. Nel 1958, il movimento adotta una denominazione più ampia, diventando l'Unione dei Popoli dell'Angola (UPA). Nel 1960 Holden Roberto firmò un accordo con l'MPLA affinché i due movimenti combattessero insieme contro le forze portoghesi, ma finì di combattere da solo. Nel 1962, l'UPA si fonde con il Partito Democratico dell'Angola, diventando il Fronte di Liberazione Nazionale dell'Angola (FNLA), assumendosi come organizzazione filoamericana e antisovietica. Nello stesso anno crea il Governo Rivoluzionario dell'Angola in Esilio (GRAE) . L'UPA e successivamente l'FNLA furono sostenuti principalmente dal gruppo etnico Bakongo che occupava le regioni dell'antico regno del Kongo , tra cui l'Angola nordoccidentale e settentrionale, nonché parti del Congo francese e belga. Ha sempre avuto forti legami con l'ex Congo belga (chiamato Zaire dal 1971), anche perché Holden Roberto era amico e cognato di Mobutu Sese Seko .

    Il ramo armato dell'FNLA era l'Esercito di liberazione nazionale dell'Angola (ELNA). Era sostenuto principalmente dal Congo/Zaire, dove le sue truppe erano basate e addestrate, e dall'Algeria. Furono finanziati dagli Stati Uniti e, nonostante si considerassero anticomunisti, ricevettero armi dai paesi dell'Europa orientale.

    MPLA

    Il Movimento Popolare di Liberazione dell'Angola (MPLA) è stato fondato nel 1956 dalla fusione del Partito della Lotta Unita per gli Africani in Angola (PLUA) e del Partito Comunista dell'Angola (PCA) . L'MPLA era un'organizzazione della politica di sinistra , che comprendeva membri di razza mista e bianchi dell'intellighenzia angolana e delle élite urbane, supportati dagli Ambundu e da altri gruppi etnici dei distretti di Luanda, Bengo, Cuanza Norte, Cuanza Sul e Malllange. Era guidato da Agostinho Neto (presidente) e Viriato da Cruz (segretario generale), entrambi intellettuali urbani di formazione portoghese. Era principalmente supportato esternamente dall'Unione Sovietica e da Cuba , con il suo tentativo di ricevere supporto dagli Stati Uniti fallito, poiché questi stavano già supportando UPA / FNLA.

    L'ala armata dell'MPLA era l'Esercito popolare di liberazione dell'Angola (EPLA). Al suo apice, l'EPLA comprendeva circa 4500 combattenti, organizzati in regioni militari. Era principalmente equipaggiato con armi sovietiche, per lo più ricevute attraverso lo Zambia, che includevano pistola Tokarev , mitragliatrici PPS , fucili automatici Simonov , fucili d'assalto Kalashnikov , mitragliatrici, mortai, granate a razzo , mine anticarro e mine antiuomo

    UNITA'

    L'Unione per l'indipendenza totale dell'Angola (UNITA) è stata creata nel 1966 da Jonas Savimbi , un dissidente dell'FNLA. Jonas Savimbi era il ministro degli Esteri del GRAE ma entrò in corso di scontro con Holden Roberto, accusandolo di complicità con gli Usa e di seguire una politica imperialista . Savimbi era membro della tribù Ovimbundu dell'Angola centrale e meridionale, figlio di un pastore evangelico, che andò a studiare medicina nel Portogallo europeo, pur non laureandosi.

    Le Forze Armate di Liberazione dell'Angola (FALA) costituivano il ramo armato dell'UNITA. Avevano un piccolo numero di combattenti e non erano ben equipaggiati. Le sue elevate difficoltà hanno portato Savimbi a stringere accordi con le autorità portoghesi, concentrandosi maggiormente sulla lotta all'MPLA.

    Quando la guerra finì, l'UNITA fu l'unico dei movimenti nazionalisti in grado di mantenere le forze operanti all'interno del territorio angolano, con le forze dei restanti movimenti eliminate o espulse dalle forze portoghesi.

    FLEC

    Il Fronte per la Liberazione dell'Enclave di Cabinda (FLEC) è stato fondato nel 1963, dalla fusione del Movimento per la Liberazione dell'Enclave di Cabinda (MLEC) , il Comitato d'Azione dell'Unione Nazionale di Cabinda (CAUNC) e il Mayombe Alleanza Nazionale (ALLIAMA) . Al contrario dei restanti tre movimenti, il FLEC non si batteva per l'indipendenza dell'intera Angola, ma solo per l'indipendenza di Cabinda , che considerava un paese separato. Sebbene le sue attività siano iniziate ancora prima del ritiro del Portogallo dall'Angola, le azioni militari del FLEC sono avvenute principalmente dopo, essendo dirette contro le forze armate e di sicurezza angolane. FLEC è l'unico dei movimenti nazionalisti e separatisti che mantiene ancora una guerriglia fino ad oggi.

    RDL

    La Rivolta Orientale (RDL) era un'ala dissidente dell'MPLA, creata nel 1973, sotto la guida di Daniel Chipenda , in opposizione alla linea di Agostinho Neto . Una seconda ala dissidente fu l'Active Revolt, creata contemporaneamente.

    Eventi prebellici

    Politiche internazionali

    La politica internazionale della fine degli anni Quaranta e Cinquanta è stata segnata dalla Guerra Fredda e dal vento di cambiamento nelle colonie europee in Asia e in Africa.

    Nell'ottobre 1954, la guerra d'Algeria fu iniziata da una serie di esplosioni ad Algeri . Questo conflitto porterebbe alla presenza di oltre 400.000 militari francesi in Algeria fino alla sua fine nel 1962. Prevedendo un conflitto simile nei suoi territori africani, l'esercito portoghese prestò grande attenzione a questa guerra, inviando osservatori e personale ad essere addestrato nel contrasto -tattiche di guerra d'insurrezione impiegate dai francesi.

    .

    Dopo l'ammissione del Portogallo alle Nazioni Unite nel dicembre 1955, il Segretario generale chiese ufficialmente al governo portoghese se il paese avesse territori non autonomi sotto la sua amministrazione. Mantenendo la coerenza con la sua dottrina ufficiale secondo cui tutte le province portoghesi d'oltremare erano parte integrante del Portogallo così come lo era il territorio portoghese europeo, il governo portoghese ha risposto che il Portogallo non aveva alcun territorio che potesse essere qualificato come non autonomo e quindi non ne aveva hanno l'obbligo di fornire tutte le informazioni richieste ai sensi dell'articolo 73 della Carta delle Nazioni Unite .

    Nel 1957, il Ghana (ex British Gold Cost ) diventa la prima colonia europea in Africa a raggiungere l'indipendenza, sotto la guida di Kwame Nkrumah . Nel 1958 organizzò la Conferenza degli Stati indipendenti africani , che mirava a diventare l'African Bandung.

    L'ex Congo belga e vicino settentrionale dell'Angola divenne indipendente nel 1960, come Repubblica del Congo (conosciuta come "Congo-Léopoldville" e successivamente "Congo-Kinshasa", ribattezzata " Repubblica dello Zaire " nel 1971), con Joseph Kasa -Vubu come presidente e Patrice Lumumba come primo ministro. Immediatamente dopo l'indipendenza, si sono verificati numerosi disordini violenti che hanno portato alla crisi del Congo . La popolazione bianca è diventata un bersaglio, con oltre 80.000 residenti belgi costretti a fuggire dal paese. Il Katanga si separò sotto la guida di Moïse Tshombe . La crisi ha portato all'intervento delle Nazioni Unite e delle forze militari belghe . I conflitti interni congolesi culmineranno con l'ascesa al potere di Mobutu Sese Seko nel 1965.

    John F. Kennedy fu nominato Presidente degli Stati Uniti il 20 gennaio 1961. La sua amministrazione iniziò a sostenere i movimenti nazionalisti africani, con l'obiettivo di neutralizzare la crescente influenza sovietica in Africa. Per quanto riguarda l'Angola, gli Stati Uniti hanno iniziato a dare sostegno diretto all'UPA e hanno assunto un atteggiamento ostile nei confronti del Portogallo, vietandogli l'uso di armi americane in Africa.

    Nel 1964, la Rhodesia del Nord divenne indipendente come Zambia , sotto la guida di Kenneth Kaunda . Da quel momento in poi, l'Angola è stata quasi interamente circondata da paesi con regimi ostili al Portogallo, ad eccezione dell'Africa sudoccidentale .

    Politica interna e ascesa del nazionalismo angolano

    L' Angola evidenziata su una mappa dell'Africa moderna

    La legge coloniale portoghese - approvata il 13 giugno 1933 - definì il rapporto tra i territori portoghesi d'oltremare e la metropoli, fino a quando non fu respinta nel 1951. La legge coloniale rifletteva una visione imperialistica dei territori d'oltremare tipica delle potenze coloniali europee della fine degli anni '20 e anni '30. Durante il periodo in cui era in vigore, i territori portoghesi d'oltremare persero lo status di "province" che avevano dal 1834, diventando designati "colonie", con l'intero territorio portoghese d'oltremare che divenne ufficialmente designato " Impero coloniale portoghese ". Il Colonial Act riconosceva sottilmente la supremazia dei portoghesi sui nativi, e anche se i nativi potevano proseguire tutti gli studi, compresa l' università , la situazione de facto era di evidente svantaggio a causa delle profonde differenze culturali e sociali tra la maggior parte delle comunità indigene tradizionali e il etnici portoghesi che vivono in Angola.

    A causa del suo orientamento imperialista, il Colonial Act iniziò a essere messo in discussione. Nel 1944, José Ferreira Bossa , ex ministro delle Colonie, propose la revisione della legge, inclusa la fine della designazione "colonie" e il ripristino della tradizionale designazione "province d'oltremare". L'11 giugno 1951, una nuova legge approvata dall'Assemblea nazionale portoghese ha riesaminato la Costituzione, respingendo finalmente la legge coloniale. Come parte di questi, lo status di provincia è stato restituito a tutti i territori portoghesi d'oltremare. Con questa legge, il territorio portoghese dell'Angola cessò di essere chiamato Colónia de Angola (Colonia dell'Angola) e riprese ad essere ufficialmente chiamato Província de Angola (Provincia dell'Angola).

    Nel 1948, Viriato da Cruz e altri fondarono il Movimento dei giovani intellettuali , un'organizzazione che promuoveva la cultura angolana. I nazionalisti hanno inviato una lettera alle Nazioni Unite chiedendo che l'Angola ricevesse lo status di protettorato sotto la supervisione delle Nazioni Unite.

    Negli anni '50, una nuova ondata di insediamenti portoghesi in tutta l'Africa portoghese , inclusa la provincia d'oltremare dell'Angola, fu incoraggiata dal governo al potere di António de Oliveira Salazar .

    Nel 1953, i separatisti angolani fondarono il Partito della Lotta Unita per gli Africani in Angola (PLUA), il primo partito politico a sostenere l'indipendenza dell'Angola dal Portogallo. Nel 1954, i nazionalisti di etnia Bakongo nel Congo belga e in Angola formarono l'Unione dei popoli dell'Angola settentrionale (UPA), che sosteneva l'indipendenza dello storico Regno del Kongo , che comprendeva altri territori al di fuori della provincia portoghese d'oltremare dell'Angola.

    Nel 1955, Mário Pinto de Andrade e suo fratello Joaquim formarono il Partito Comunista Angolano (PCA). Nel dicembre 1956 PLUA si è fusa con l'APC per formare il Movimento Popolare per la Liberazione dell'Angola (MPLA). L'MPLA, guidato da da Cruz, Mário Andrade, Ilidio Machado e Lúcio Lara , derivò il sostegno dell'Ambundu e di Luanda .

    Nel marzo 1959, durante l'inaugurazione del nuovo poligono di tiro militare di Luanda, il Governatore Generale dell'Angola, Sá Viana Rebelo, pronunciò il famoso Discorso al poligono di tiro, in cui predisse un possibile conflitto in Angola.

    Il generale Monteiro Libório assunse il comando delle forze di terra dell'Angola, con prerogative di comandante in capo, nel settembre 1959. Sarebbe stato il comandante militare portoghese in carica allo scoppio del conflitto.

    Álvaro Silva Tavares ha assunto la carica di governatore generale dell'Angola nel gennaio 1960, essendo il titolare della carica quando è scoppiato il conflitto.

    .

    (3° CCE).

    La rivolta della Baixa de Cassanje

    Sebbene di solito considerato un evento precedente alla Guerra d'Indipendenza dell'Angola, alcuni autori considerano la rivolta della Baixa de Cassanje (nota anche come "Guerra di Maria") come l'evento iniziale del conflitto. Era un conflitto sindacale, non correlato alla rivendicazione dell'indipendenza dell'Angola. La Baixa do Cassanje era una ricca regione agricola del distretto di Malanje, al confine con l'ex Congo belga, con le dimensioni all'incirca del Portogallo continentale , che fu l'origine della maggior parte della produzione di cotone dell'Angola. I campi di cotone della regione erano nelle mani della Cotonang - General Company of the Cottons of Angola, una società per lo più detenuta da capitale belga e che impiegava molti indigeni. Nonostante il suo contributo allo sviluppo della regione, Cotonang era stato più volte accusato di non aver rispettato la legislazione sul lavoro in merito alle condizioni di lavoro dei suoi dipendenti, facendolo diventare oggetto di indagine delle autorità portoghesi, ma senza che fossero state ancora intraprese azioni rilevanti contro di essa .

    Sentendosi scontenti di Cotonang, nel dicembre 1960 molti dei suoi lavoratori iniziarono a boicottare il lavoro, chiedendo migliori condizioni di lavoro e salari più alti. Il malcontento è stato colto da indottrinatori infiltrati del PSA congolese (Partito di Solidarietà Africano) per fomentare una rivolta delle popolazioni locali. A quel tempo, l'unica unità dell'esercito portoghese di stanza nella regione era la 3a Compagnia Speciale di Caçadores (3a CCE), incaricata del pattugliamento e della protezione del confine con l'ex Congo belga. Nonostante avesse ricevuto lamentele da bianchi locali che sentivano minacciata la loro sicurezza, il governatore del distretto di Malanje, Júlio Monteiro - capoverdiano di razza mista - non autorizzò il 3° CCE ad agire contro i ribelli e vietò anche l'acquisizione di armi di autodifesa da parte di la popolazione bianca. Dal 9 all'11 gennaio 1961 la situazione peggiorò, con l'omicidio di un caposquadra del Cotonang di razza mista e l'ambiente circostante di una pattuglia del 3 ° CCE da parte di centinaia di ribelli. Infine, il 2 febbraio, sono scoppiati gli scontri tra ribelli e forze di sicurezza, con i primi colpi sparati, che hanno provocato 11 morti. A quel punto, la rivolta si era estesa all'intero distretto di Malanje e minacciava di estendersi ai distretti vicini. I capi ribelli hanno approfittato delle convinzioni superstiziose della maggior parte dei loro seguaci per convincerli che i proiettili delle forze militari portoghesi erano fatti d'acqua e quindi non potevano nuocere. Presumibilmente a causa di questa convinzione, i ribelli, armati di machete e canhangulos (fucili fatti in casa), attaccarono i militari in massa, in campo aperto, senza preoccuparsi della propria protezione, cadendo sotto il fuoco delle truppe.

    Dati i limiti del 3° CCE per far fronte alla rivolta in una regione così vasta, il Comando della 3° Regione Militare di Luanda decise di organizzare un'operazione con una forza militare più forte per soggiogarla. Un battaglione provvisorio sotto il comando del maggiore Rebocho Vaz fu organizzato dal Reggimento di Fanteria di Luanda, integrando il 3° CCE, il 4° CCE (di stanza a Luanda) e il 5° CCE (che era ancora in rotta dal Metropole all'Angola). Il 4 febbraio, il 4° CCE era già imbarcato sul treno pronto per essere inviato a Malanje, quando scoppiò una rivolta a Luanda, con diverse prigioni e strutture di polizia prese d'assalto. Nonostante la situazione indefinita a Luanda e nonostante avesse poche unità combattenti disponibili lì, il generale Libório, comandante della 3a regione militare decise di procedere con l'invio del 4° CCE a Malanje, che vi arrivò il 5 febbraio. Il battaglione provvisorio iniziò gradualmente le operazioni per domare la rivolta.

    Le forze di terra sono state supportate dall'aeronautica militare portoghese, che ha impiegato l'osservazione della luce Auster e aerei da attacco al suolo PV-2. Le forze militari sono state in grado di assumere il controllo della regione entro l'11 febbraio. Entro il 16, il battaglione provvisorio fu finalmente rinforzato con il 5° CCE che si era tenuto a Luanda come forza di riserva dopo lo sbarco in Angola. Baixa do Cassanje è stata ufficialmente considerata pacificata il 27 febbraio. Le forze anti-portoghesi hanno affermato che, durante la sottomissione della rivolta, i militari portoghesi hanno bombardato i villaggi della zona, usando napalm e uccidendo tra 400 e 7000 indigeni. Tuttavia, l'esercito portoghese ha riferito che nelle operazioni non è mai stato utilizzato napalm e che il numero dei ribelli morti era inferiore a 300, più 100 feriti registrati curati all'ospedale di Malanje. Le forze armate hanno subito due morti e quattro feriti.

    Dopo la repressione della rivolta, l'esercito portoghese ha fatto pressioni sul governo generale dell'Angola affinché intraprendesse azioni per migliorare le condizioni di lavoro dei dipendenti di Cotonang al fine di risolvere definitivamente la situazione. Il governatore generale Silva Tavares ha adottato misure per calmare la situazione e il 2 maggio 1961 il governo ha decretato la modifica della legislazione sul lavoro relativa alla coltura del cotone. Apparentemente, queste misure sono riuscite a ridurre profondamente il malcontento tra i lavoratori della Baixa de Cassanje, con la regione che è rimasta pacifica anche dopo gli attacchi dell'UPA del 15 marzo 1961.

    Gli eventi del 4 e 10 febbraio a Luanda

    I fatti sui fatti del 4 e 10 febbraio 1961 sono ancora molto offuscati dalla propaganda e dalle notizie contraddittorie diffuse dai vari partiti su quanto realmente accaduto.

    In un momento in cui Luanda era piena di giornalisti stranieri che stavano coprendo il possibile arrivo in Angola della nave dirottata Santa Maria e con la rivolta della Baixa de Casanje al culmine, la mattina presto del 4 febbraio 1961, un certo numero di militanti neri, per lo più armati di machete , hanno teso un'imboscata a una pattuglia della polizia di pubblica sicurezza (PSP) e hanno preso d'assalto la prigione civile di San Paolo, la casa di rilevamento militare e la caserma della compagnia mobile della PSP, con l'apparente obiettivo di liberare i prigionieri politici che erano detenuti in quelle strutture. Non sono stati in grado di assaltare altri obiettivi pianificati come l' aeroporto , la National Broadcast Station, l'ufficio postale e le caserme militari. Diverse fonti indicano che il numero di militanti evoluti nei numerosi attacchi è compreso tra 50 e diverse centinaia. I militanti sono riusciti ad uccidere l'equipaggio della pattuglia, prendendo le loro armi, ma i loro assalti contro le varie strutture sono stati respinti, non riuscendo a liberare alcun prigioniero. Negli assalti, le forze di sicurezza hanno subito sette morti, di cui cinque poliziotti bianchi e uno nero e un caporale bianco dell'esercito, oltre a diversi elementi gravemente feriti. Diverse fonti indicano tra i 25 ei 40 aggressori uccisi.

    , che lo arrestò e lo mandò al Metropole, dove fu internato in case religiose.

    Il 5 febbraio si è tenuto un emozionante funerale per i poliziotti deceduti, al quale hanno partecipato migliaia di persone, la maggior parte dei quali bianchi abitanti di Luanda. Durante il funerale, scoppiarono disordini, che avrebbero causato ulteriori morti. Ci sono diverse versioni contraddittorie di ciò che è successo. La linea antiportoghese afferma che i disordini sono stati originati dai bianchi, che desideravano vendicare i poliziotti morti, commettendo atti casuali di violenza contro la maggioranza etnica nera che viveva nei bassifondi di Luanda ( musseques ). Versioni contrarie affermano che i disordini sono stati causati quando sono stati sparati colpi provocatori vicino al cimitero dove si teneva il funerale, provocando il panico tra gli assistenti. Le rivolte hanno causato un numero di morti, il cui numero varia in base alle fonti. La linea anti-portoghese descrive un massacro portato via dagli abitanti bianchi e dalle forze di sicurezza, con centinaia di neri uccisi. Seguendo questa linea di pensiero:

    La vendetta portoghese è stata fantastica. La polizia ha aiutato i vigilantes civili a organizzare massacri notturni nei bassifondi di Luanda. I bianchi tirarono fuori gli africani dalle loro fragili capanne di una stanza, spararono loro e lasciarono i loro corpi per le strade. Un missionario metodista... ha testimoniato di essere stato personalmente a conoscenza della morte di quasi trecento persone.

    —  Giovanni Marco

    Tuttavia, altre fonti riferiscono che la teoria del massacro è mera falsa propaganda antiportoghese e che solo 19 persone sono morte nei disordini. Seguendo questa riga:

    Durante i funerali dei poliziotti del PSP, giunto a una gigantesca manifestazione di dolore, con il cimitero gremito di gente, si sono uditi all'esterno degli spari che hanno causato il panico diffuso, soprattutto all'interno, dove le persone praticamente non si adattavano. Nella confusione che ne seguì, e degli spari, risultarono diciannove morti e numerosi feriti, incidente che diede origine ad un altro mito di strage, che avrebbe raggiunto centinaia di morti, feriti e carcerati, numeri del tutto falsi. C'è da dire che molte di queste persone furono probabilmente disarmate, anche la forza che doveva fare le salve dell'ordine, per accompagnare le più alte individualità di Luanda e che si trattava di un veicolo militare chiamato in occasione, che arrivò al luogo, e pose fine al disordine generalizzato. Inoltre nessuno ha spiegato, fino ad oggi, chi ha avviato questi disordini e sparato i primi colpi.

    —  AL Pires Nunes

    Il 10 febbraio, un attacco simile è stato effettuato contro il carcere di San Paolo. Tuttavia, le forze di sicurezza erano più preparate e sono state in grado di respingere gli attacchi senza che nessuno dei loro uomini venisse ucciso, tuttavia, 22 degli aggressori sono stati uccisi. Apparentemente, altri attacchi erano stati pianificati, ma sono stati scoperti e scongiurati dalle forze di sicurezza.

    Corso del conflitto

    Inizio del conflitto

    Truppe coloniali portoghesi in parata a Luanda
    Distintivo UPA

    Il 15 marzo 1961, l' Unione dei Popoli dell'Angola (UPA), sotto la guida di Holden Roberto , lanciò un'incursione nel nord dell'Angola dalla sua base nel Congo-Léopoldville (ex Congo belga), portando da 4.000 a 5.000 militanti. Le sue forze presero fattorie, avamposti governativi e centri commerciali, uccidendo e mutilando funzionari e civili, la maggior parte dei quali "lavoratori a contratto" di Ovimbundu degli altopiani centrali. Fu l'inizio della guerra d'indipendenza angolana e della più ampia guerra d'oltremare portoghese. I militanti dell'UPA hanno preso d'assalto i distretti angolani di Zaire , Uíge , Cuanza Norte e Luanda , massacrando la popolazione civile durante la loro avanzata, uccidendo 1.000 bianchi e 6.000 neri (donne e bambini inclusi sia di origine bianca europea che nera africana). Oltre all'uccisione di persone, i militanti dell'UPA hanno distrutto le infrastrutture che trovavano sulla loro strada, comprese case, fattorie, strade e ponti, creando caos e panico generale. Le popolazioni terrorizzate si rifugiarono nelle foreste o fuggirono nelle regioni vicine e in Congo-Léopoldville .

    Tuttavia e contrariamente alle aspettative dell'UPA, la maggior parte degli abitanti bianchi che sono riusciti a sopravvivere agli attacchi iniziali non sono fuggiti, ad eccezione di alcune donne e bambini che sono stati evacuati a Luanda. Si trincerarono invece in diversi paesi e villaggi della regione – tra cui Carmona , Negage , Sanza Pombo , Santa Cruz , Quimbele e Mucaba – resistendo agli assalti quasi senza l'appoggio delle poche forze militari esistenti.

    Lo stesso 15 marzo e il 16, la 7a e la 9a compagnia di Caçadores speciali e la 1a compagnia di paracadutisti furono inviate dal Metropole all'Angola per via aerea. Altre piccole unità dello stesso tipo furono spedite nei giorni successivi. Piccole colonne militari hanno lasciato Luanda e Carmona per cercare di salvare alcune delle popolazioni isolate delle aree sotto gli attacchi dell'UPA. Il 21 marzo, il battaglione provvisorio del maggiore Rebocho Vaz - che ha agito nella rivolta della Baixa de Cassange - si è trasferito a Cuanza Norte per affrontare l'avanzata dell'UPA.

    Senza rilevanti rinforzi militari giunti dal Metropole, il 28 marzo è stato creato il Corpo dei Volontari dell'Angola , al fine di incastrare ufficialmente i volontari civili che già combattevano l'UPA.

    All'inizio di aprile si verificò il massacro di Cólua. Il villaggio di Cólua, vicino ad Aldeia Viçosa , Uíge era stato attaccato ei suoi abitanti massacrati dall'UPA. Una colonna militare del Battaglione Provvisorio è stata inviata al villaggio per cercare di raccogliere i cadaveri. Tuttavia, un gruppo isolato di soldati (tra cui due ufficiali) che è rimasto indietro è caduto in un'imboscata, con i loro corpi ritrovati orribilmente mutilati. Anche un'altra pattuglia militare inviata nell'area è caduta in un'imboscata, con alcuni dei loro membri che sono caduti nelle mani dell'UPA e sono stati anche torturati, mutilati e uccisi. 30 civili e 11 militari furono infine uccisi a Cólua. Testimonianze successive riferiscono che i militanti dell'UPA hanno praticato atti di cannibalismo, mangiando parti dei cadaveri dei soldati. Gli eventi di Cólua hanno avuto un importante effetto psicologico nelle forze portoghesi, non solo a causa degli atti orribili praticati contro i suoi soldati, ma anche perché si sono resi conto che gli insorti ora osavano attaccare le forze militari e non solo i civili indifesi.

    , avviando una serie di riforme liberali nei territori portoghesi d'oltremare.

    partì per l'Angola, trasportando materiale bellico. In una dimostrazione di forza, le unità militari sono recentemente arrivate a Luanda sfilando lungo il viale principale della città.

    Il 13 maggio le unità arrivate dal Metropole iniziano a spostarsi nell'Angola settentrionale, per occupare posizioni strategiche. Fino a giugno, le unità dell'esercito erano posizionate a Damba , Sanza Pombo, São Salvador do Congo e Cuimba , mentre Fuzileiros (Marines) occupava Tomboco . A causa delle strade bloccate, dei ponti distrutti e delle imboscate, il movimento delle unità è lento, con le forze portoghesi che subiscono numerose vittime. Dopo aver occupato queste posizioni, le unità portoghesi avviano la graduale rioccupazione delle aree controllate dall'UPA.

    A giugno, il generale dell'aeronautica Augusto Venâncio Deslandes è stato nominato governatore generale dell'Angola, in sostituzione di Silva Tavares. Il generale António Libório è stato sostituito dal generale Carlos Silva Freire nel ruolo di comandante della 3a regione militare (comandante delle forze di terra dell'Angola). Il generale Silva Freire manterrà le prerogative di comandante in capo congiunto fino a settembre, quando Venâncio Deslandes fu anche nominato comandante in capo delle forze armate dell'Angola, accumulando questo ruolo con quello di governatore generale.

    Il 10 luglio, le forze portoghesi avviano la sua prima grande operazione del conflitto, questa è l'operazione Viriato ( Viriathus ), volta a riconquistare la città di Nambuangongo , nella foresta di Dembos , che era stata proclamata capitale dall'UPA. L'operazione era ancora pianificata come una manovra di tipo convenzionale, con i battaglioni Caçadores 96 e 114 e lo Squadrone di cavalleria 149 che convergevano a Nambuangongo attraverso tre assi di attacco, con il supporto di artiglieria, ingegneria e forze aeree. Il 9 agosto arrivò finalmente l'avanguardia del battaglione 96 del tenente colonnello Armando Maçanita che rioccupò il Nambuagongo. Nella loro avanzata, le tre unità militari subiscono 75 vittime, di cui 21 morti.

    Le forze portoghesi si sono concentrate nella rioccupazione del villaggio di Quipedro , al fine di eliminare le forze ribelli nell'area e interrompere la loro fuga da Nambuangongo a nord, come seguito dell'operazione Viriato. Per questo, hanno iniziato l'operazione Nema, che includeva il primo assalto aereo in combattimento della storia militare portoghese. L'operazione si è svolta tra l'11 e il 21 agosto, con la 1a Compagnia del Battaglione Paracadutisti 21 dell'Angola, di recente creazione, che è saltata con il paracadute sopra il bersaglio, dopo la preparazione di attacchi aerei. I ribelli furono colti di sorpresa, con i paracadutisti che riuscirono ad occupare Quipedro quasi senza resistenza. Hanno quindi costruito una pista improvvisata e hanno aspettato l'arrivo dello squadrone di cavalleria 149 che stava avanzando via terra da Nambuangongo.

    Ad agosto, per ordine del generale Silva Freire, è stata creata la Zona di Intervento Settentrionale (ZIN), che comprende i distretti di Luanda, Cabinda, Uige, Zaire, Malange e Cuanza Norte, in sostituzione della cosiddetta "Zona di Rivolta Settentrionale". Nonostante non esista ancora un conflitto in quest'area, nel mese successivo viene creata anche una Zona di intervento orientale (ZIL) che copre i distretti di Lunda e Moxico.

    Nell'ambito delle sue riforme, il 6 agosto il ministro Adriano Moreira ha decretato la repulsione dello Statuto degli indigeni portoghesi delle province di Guinea, Angola e Mozambico . Con l'abolizione di questo statuto, tutti gli angolani, indipendentemente dalla loro razza, educazione, religione e costumi, ottengono identici diritti e doveri di cittadinanza portoghese.

    Il 10 aprile, l'Operazione Esmeralda (Emerald) - volta a pulire e riprendere il controllo di Pedra Verde, l'ultima base dell'UPA nel nord dell'Angola - è stata avviata dal Battaglione Speciale Caçadores 261, supportato da paracadutisti, artiglieria, auto blindate ed elementi dell'aviazione. L'assalto iniziale fu respinto dalle forze dell'UPA, con i portoghesi che subirono importanti perdite. I portoghesi si raggrupparono e, giorni dopo, lanciarono un secondo assalto, prendendo finalmente il controllo di Pedra Verde il 16 settembre.

    Il 9 giugno, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato la risoluzione 163 , dichiarando l'Angola un territorio non autonomo e invitando il Portogallo a desistere dalle misure repressive contro il popolo angolano. La risoluzione è stata approvata con i voti di Cina, Stati Uniti, Unione Sovietica e di tutti i membri non permanenti, con l'astensione di Francia e Regno Unito.

    Le grandi operazioni militari terminarono finalmente il 3 ottobre, quando un plotone della Compagnia di Artiglieria 100 rioccupò Caiongo, nel circolo di Alto Cauale , Uíge, l'ultimo posto amministrativo abbandonato rimasto non recuperato. Questa rioccupazione pose fine al periodo di quasi sei mesi durante il quale i combattenti dell'UPA furono in grado di controllare un'area geografica quattro volte più grande del Portogallo europeo.

    In un discorso pronunciato il 7 ottobre, il governatore generale e comandante in capo Venâncio Deslandes annuncia la fine delle operazioni militari e che da allora saranno svolte solo operazioni di polizia, anche se in parte a scopo militare.

    Durante una ricognizione aerea nel sud dell'Angola il 10 novembre, l'aereo che trasportava il generale Silva Freire e il suo staff si è schiantato uccidendo lui e quasi tutti gli ufficiali del quartier generale delle forze di terra dell'Angola. A causa di questo incidente, il generale Francisco Holbeche Fino è stato nominato comandante della 3a regione militare.

    Nel primo anno di guerra furono uccisi da 20.000 a 30.000 angolani e tra 300.000 e 500.000 rifugiati fuggirono nello Zaire o Luanda. I militanti dell'UPA si sono uniti ai rifugiati indipendentisti e hanno continuato a lanciare attacchi da oltre confine nello Zaire, creando più rifugiati e terrore tra le comunità locali. Una pattuglia dell'UPA prese 21 prigionieri militanti dell'MPLA e poi li giustiziò il 9 ottobre 1961 nell'incidente di Ferreira, scatenando ulteriori violenze tra le due parti.

    dal 1963 al 1969.

    La Romania è stato il primo stato a firmare accordi con l'MPLA. Nel maggio 1974, Nicolae Ceaușescu riaffermò il sostegno della Romania all'indipendenza dell'Angola. Ancora nel settembre 1975 Bucarest sostenne pubblicamente tutti e tre i movimenti di liberazione angolani (FNLA, MPLA e UNITA).

    L'MPLA tenne un congresso del partito a Leopoldville nel 1962, durante il quale Viriato da Cruz  - ritenuto lento, negligente e contrario alla pianificazione - fu sostituito da Agostinho Neto . Oltre al cambio di leadership, l'MPLA ha adottato e riaffermato le sue politiche per un'Angola indipendente:

    Savimbi lasciò l'FNLA nel 1964 e fondò l' UNITA in risposta alla riluttanza di Roberto a diffondere la guerra al di fuori del tradizionale Regno del Kongo . Neto incontrò il leader marxista Che Guevara nel 1965 e presto ricevette finanziamenti dai governi di Cuba , Repubblica Democratica Tedesca e Unione Sovietica .

    Apertura del fronte orientale

    Nel maggio 1966 Daniel Chipenda , allora membro dell'MPLA, fondò il Frente Leste (Fronte orientale), ampliando notevolmente la portata dell'MPLA in Angola. Quando l'EF è crollato, Chipenda e Neto hanno incolpato ciascuno le fazioni dell'altro.

    L'UNITA ha effettuato il suo primo attacco il 25 dicembre 1966, impedendo ai treni di passare attraverso la ferrovia Benguela a Teixeira de Sousa , al confine con lo Zambia . L'UNITA fece deragliare la ferrovia due volte nel 1967, facendo arrabbiare il governo dello Zambia, che esportava rame attraverso la ferrovia. Il presidente Kenneth Kaunda ha risposto cacciando i 500 combattenti dell'UNITA dallo Zambia. Savimbi si trasferì al Cairo , in Egitto , dove visse per un anno. Entrò segretamente in Angola attraverso lo Zambia e lavorò con l'esercito portoghese contro l'MPLA.

    L'UNITA aveva la sua base principale nelle lontane province sudorientali dell'Angola, dove l'influenza portoghese e dell'FNLA erano a tutti gli effetti molto bassa e dove non c'era alcuna guerriglia. L'UNITA è stata fin dall'inizio molto meglio organizzata e disciplinata dell'MPLA o dell'FNLA. I suoi combattenti hanno anche mostrato una comprensione molto migliore delle operazioni di guerriglia. Erano particolarmente attivi lungo la ferrovia di Benguela, causando ripetutamente danni ai portoghesi, alla Repubblica del Congo e allo Zambia , che utilizzavano entrambi la ferrovia per il trasporto delle loro esportazioni verso i porti angolani.

    Il 19 maggio 1968, l'FNLA è entrato nell'Angola orientale e ha compiuto le sue prime azioni violente nella regione contro le popolazioni locali.

    Nell'ottobre 1968, le forze portoghesi avviarono l'operazione Vitória (Vittoria) contro l'MPLA, attaccando e distruggendo le sue basi principali nell'Angola orientale. Tra le altre, la base di Mandume III (sede della III Regione Militare dell'MPLA) fu assalita dai Commandos portoghesi, portando alla cattura di importanti documenti.

    Durante la fine degli anni '60, l'FNLA e l'MPLA si combatterono l'un l'altro tanto quanto i portoghesi, con le forze dell'MPLA che assistevano i portoghesi nella ricerca di nascondigli dell'FNLA.

    Raio).

    Rifocalizzazione portoghese a est

    represse la ribellione per conto di Roberto.

    Addestramento di soldati dell'FNLA in un campo nello Zaire nel 1973

    Nel 1973 Chipenda lasciò l'MPLA, fondando la rivolta orientale con 1.500 ex seguaci dell'MPLA. Il presidente della Tanzania Julius Nyerere ha convinto la Repubblica popolare cinese , che aveva iniziato a finanziare l'MPLA nel 1970, ad allearsi con l'FNLA contro l'MPLA nel 1973. Roberto ha visitato la RPC a dicembre e si è assicurato il sostegno cinese. L'Unione Sovietica interruppe completamente gli aiuti all'MPLA nel 1974, quando Revolta Activa si separò dall'MPLA tradizionale. A novembre l'Unione Sovietica ha ripreso gli aiuti all'MPLA dopo che Neto ha riaffermato la sua leadership.

    Le forze combinate dell'MPLA, dell'UNITA e dell'FNLA riuscirono nella ribellione non per il loro successo in battaglia, ma per il colpo di stato del Movimento das Forças Armadas in Portogallo. L'AMF era un'organizzazione di ufficiali di grado inferiore delle forze armate portoghesi responsabile della rivoluzione dei garofani del 25 aprile 1974, che pose fine alla guerra coloniale portoghese e portò all'indipendenza dei territori portoghesi d'oltremare.

    L'AMF ha rovesciato il governo di Lisbona in segno di protesta contro il regime politico autoritario e le guerre coloniali africane in corso, in particolare il conflitto particolarmente impegnativo nella Guinea portoghese . Il governo rivoluzionario portoghese rimosse gli elementi rimanenti delle sue forze coloniali e accettò una rapida consegna del potere ai movimenti nazionalisti africani. Ciò pose fine immediatamente alla guerra di indipendenza contro il Portogallo, ma aprì la porta a un aspro conflitto armato tra le forze indipendentiste ei loro rispettivi alleati. Holden Roberto , Agostinho Neto e Jonas Savimbi si sono incontrati a Bukavu , nello Zaire, a luglio e hanno concordato di negoziare con i portoghesi come entità politica, ma in seguito la rissa è scoppiata di nuovo.

    Fine del conflitto

    I tre leader del partito si incontrarono di nuovo a Mombasa , in Kenya , il 5 gennaio 1975 e accettarono di smettere di combattersi, delineando ulteriormente i negoziati costituzionali con i portoghesi. Si sono incontrati per la terza volta, con funzionari del governo portoghese, ad Alvor , in Portogallo, dal 10 al 15 gennaio. Hanno firmato il 15 gennaio quello che è diventato noto come l' Accordo di Alvor , garantendo l'indipendenza dell'Angola l'11 novembre e stabilendo un governo di transizione.

    L'accordo pose fine alla guerra per l'indipendenza, segnando il passaggio alla guerra civile . Il Fronte per la Liberazione dell'Enclave di Cabinda (FLEC) e la Rivolta Orientale non hanno mai firmato l'accordo in quanto esclusi dai negoziati. Il governo di coalizione stabilito dall'Accordo di Alvor cadde presto quando le fazioni nazionaliste, dubitando dell'impegno reciproco nel processo di pace, cercarono di prendere il controllo della colonia con la forza.

    Le parti hanno deciso di tenere le prime elezioni dell'assemblea nell'ottobre 1975. Dal 31 gennaio fino all'indipendenza avrebbe governato un governo di transizione composto dall'Alto Commissario portoghese Rosa Coutinho e da un Consiglio del Primo Ministro . Il PMC era composto da tre rappresentanti, uno per ogni partito angolano, e un premier a rotazione tra i rappresentanti. Ogni decisione richiedeva il sostegno della maggioranza dei due terzi. I dodici ministeri sono stati divisi equamente tra i partiti angolani e il governo portoghese: tre ministeri per ogni partito. L'autore Witney Wright Schneidman ha criticato questa disposizione in Engaging Africa: Washington and the Fall of Portugal's Colonial Empire per aver assicurato una "paralisi virtuale nell'autorità esecutiva". Il Bureau of Intelligence and Research ha avvertito che un desiderio eccessivo di preservare l'equilibrio di potere nell'accordo ha danneggiato la capacità di funzionamento del governo angolano di transizione.

    L'obiettivo principale del governo portoghese nei negoziati era prevenire l'emigrazione di massa degli angolani bianchi. Paradossalmente, l'accordo consentiva solo all'MPLA, all'FNLA e all'UNITA di nominare candidati alle elezioni della prima assemblea, privando deliberatamente i diritti di Bakongo , Cabindan e bianchi. I portoghesi pensavano che gli angolani bianchi avrebbero dovuto unirsi ai movimenti separatisti e che i separatisti avrebbero dovuto moderare le loro piattaforme per espandere le loro basi politiche.

    L'accordo prevedeva l'integrazione delle ali militanti delle parti angolane in un nuovo esercito, le Forze di difesa angolane . L'ADF avrebbe 48.000 personale attivo, composto rispettivamente da 24.000 combattenti portoghesi e 8.000 MPLA, FNLA e UNITA. Ciascun gruppo manteneva baracche e avamposti separati. Ogni decisione militare richiedeva il consenso unanime del quartier generale di ciascuna parte e del comando militare congiunto. Le forze portoghesi mancavano di equipaggiamento e impegno per la causa, mentre i nazionalisti angolani erano antagonisti tra loro e mancavano di addestramento. Il trattato, al quale il Fronte per la Liberazione dell'Enclave di Cabinda (FLEC) non ha mai accettato, descriveva Cabinda come una "parte integrante e inalienabile dell'Angola". I separatisti consideravano l'accordo una violazione del diritto di Cabindan all'autodeterminazione .

    Tutte e tre le parti ebbero presto forze in numero maggiore di quelle portoghesi, mettendo in pericolo la capacità del potere coloniale di mantenere la pace. I combattimenti tra fazioni si rinnovarono, raggiungendo nuove vette con l'aumento delle forniture di armi straniere. A febbraio il governo cubano ha avvertito il blocco orientale che l'accordo di Alvor non avrebbe avuto successo. Entro la primavera il Congresso nazionale africano e l'Organizzazione popolare dell'Africa sudoccidentale ( SWAPO ) stavano facendo eco all'avvertimento di Cuba. I leader dell'Organizzazione per l'Unità Africana hanno organizzato una conferenza di pace moderata dal presidente del Kenya Jomo Kenyatta con i tre leader a Nakuru , in Kenya, a giugno. I leader angolani hanno emesso la Dichiarazione di Nakuru il 21 giugno, accettando di attenersi alle disposizioni dell'Accordo di Alvor, pur riconoscendo una reciproca mancanza di fiducia che ha portato alla violenza.

    A luglio sono scoppiati di nuovo i combattimenti e l'MPLA è riuscito a costringere l'FNLA a lasciare Luanda; L'UNITA si ritirò volontariamente dalla capitale nella sua roccaforte nel sud da dove si impegnò anche nella lotta per il Paese. Ad agosto l'MPLA aveva il controllo di 11 dei 15 capoluoghi di provincia, tra cui Cabinda e Luanda. Il 12 agosto, il Portogallo ha iniziato il trasporto aereo di oltre 200.000 angolani portoghesi bianchi da Luanda a Lisbona, tramite "Operation Air Bridge". Le forze sudafricane invasero l'Angola il 23 ottobre 1975, inviando di nascosto da 1.500 a 2.000 soldati dalla Namibia nell'Angola meridionale. Le forze FNLA-UNITA-Sudafricane hanno conquistato cinque capoluoghi di provincia, tra cui Novo Redondo e Benguela in tre settimane. Il 10 novembre i portoghesi lasciarono l'Angola. Le forze cubane-MPLA sconfissero le forze sudafricane-FNLA, mantenendo il controllo su Luanda. L'11 novembre Neto ha dichiarato l'indipendenza della Repubblica popolare dell'Angola . L'FNLA e l'UNITA hanno risposto proclamando il proprio governo con sede a Huambo . L'esercito sudafricano si ritirò e, con l'aiuto delle forze cubane, l'MPLA riconquistò la maggior parte del sud all'inizio del 1976.

    Molti analisti hanno accusato il governo di transizione portoghese delle violenze seguite all'accordo di Alvor, criticando la mancanza di preoccupazione per la sicurezza interna dell'Angola e il favoritismo nei confronti dell'MPLA. L'Alto Commissario Coutinho, uno dei sette leader della Giunta di Salvezza Nazionale , ha apertamente fornito equipaggiamento militare portoghese alle forze dell'MPLA. Edward Mulcahy , vicesegretario di Stato ad interim per gli affari africani presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti , ha detto a Tom Killoran, console generale degli Stati Uniti in Angola, di congratularsi con il PMC piuttosto che con l'FNLA e l'UNITA da soli e con Coutinho per l'"instancabile e protratta sforzi" per un accordo di pace. Il segretario di Stato Henry Kissinger considerava inaccettabile qualsiasi governo che coinvolgesse l'MPLA filo-sovietico e comunista e il presidente Gerald Ford ha supervisionato l'aumento degli aiuti all'FNLA.

    Influenza straniera

    stati Uniti

    La situazione dei portoghesi nella loro provincia d'oltremare dell'Angola divenne presto motivo di preoccupazione per un certo numero di potenze straniere, in particolare i suoi alleati militari nella NATO . Gli Stati Uniti, ad esempio, erano preoccupati per la possibilità che un regime marxista venisse instaurato a Luanda. Ecco perché ha iniziato a fornire armi e munizioni all'UPA, che nel frattempo è cresciuta notevolmente e si è fusa con il Partito Democratico dell'Angola per formare l'FNLA.

    I leader dell'FNLA, tuttavia, non erano soddisfatti del sostegno degli Stati Uniti. Savimbi ha quindi stabilito buoni collegamenti con la Repubblica popolare cinese, da dove hanno iniziato ad arrivare spedizioni ancora più grandi. Gli Stati Uniti concessero alla compagnia Aero Associates, di Tucson, Arizona , il permesso di vendere sette bombardieri Douglas B-26 Invader al Portogallo all'inizio del 1965, nonostante le preoccupazioni del Portogallo sul loro sostegno ai marxisti di Cuba e dell'URSS.

    L'aereo è stato portato in Africa da John Richard Hawke - secondo quanto riferito un ex pilota della Royal Air Force - che all'inizio di uno dei voli per l'Angola ha volato così in basso sopra la Casa Bianca , che l' aeronautica degli Stati Uniti lo ha costretto ad atterrare e lui è stato arrestato. Nel maggio 1965 Hawke fu incriminato per vendita illegale di armi e sostegno ai portoghesi, ma fu imprigionato per meno di un anno. I B-26 non sarebbero stati schierati in Angola fino a diversi anni dopo.

    Rhodesia e Sud Africa

    Oltre agli Stati Uniti, altre due nazioni furono coinvolte in questa guerra. Questi erano Rhodesia e Sud Africa, entrambi governati dalla minoranza bianca. I loro governi eletti dai bianchi erano preoccupati per il proprio futuro in caso di sconfitta portoghese. La Rhodesia e il Sud Africa inizialmente limitarono la loro partecipazione alle spedizioni di armi e rifornimenti. Tuttavia, nel 1968 i sudafricani iniziarono a fornire elicotteri Alouette III con equipaggi all'aeronautica militare portoghese (FAP) e infine a diverse compagnie di fanteria delle forze di difesa sudafricane (SADF) che furono schierate nell'Angola meridionale e centrale. Tuttavia, le notizie contemporanee su di loro a guardia delle miniere di ferro di Cassinga non furono mai confermate.

    Infine, è stato riferito che un certo numero di piloti rhodesiani sono stati reclutati per pilotare elicotteri FAP. Tuttavia, quando la prima unità portoghese fu equipaggiata con elicotteri Aerospaziale Puma , nel 1969, i suoi equipaggi erano quasi esclusivamente sudafricani. I piloti rhodesiani erano considerati troppo preziosi dalla Royal Rhodesian Air Force (RRAF) per essere schierati a sostegno dei portoghesi. La SADF disponeva di piloti ed elicotteri operanti dal Centro Conjunto de Apoio Aéreo (CCAA - Joint Air Support Centre), istituito a Cuito Cuanavale nel 1968.

    URSS

    Alla fine degli anni '60 anche l'URSS fu coinvolta nella guerra in Angola, sebbene quasi esclusivamente tramite l'MPLA. Mentre l'FNLA riceveva solo spedizioni di armi molto limitate dagli Stati Uniti e l'UNITA riceveva pochissimo sostegno dall'esterno del paese, l'MPLA marxista sviluppò relazioni molto strette con Mosca e presto iniziò a ricevere importanti spedizioni di armi attraverso la Tanzania e lo Zambia.

    Nel 1969 l'MPLA concordò con l'URSS che in cambio delle armi e dei rifornimenti consegnati ai sovietici, dopo l'indipendenza, sarebbero stati concessi i diritti per stabilire basi militari nel paese. Di conseguenza, all'inizio degli anni '70, l'MPLA divenne il più forte movimento anticoloniale angolano e il più potente partito politico.

    Conseguenze

    Non appena l'accordo tra MPLA e Portogallo per il trasferimento del potere è diventato pubblico, è iniziato un esodo di massa. Oltre 300.000 persone hanno lasciato l'Angola entro novembre, la maggior parte è stata evacuata a bordo del TAP Boeing 707 . Anche la Royal Air Force britannica ha dato una mano, inviando aerei di linea Vickers VC10 per evacuare circa 6.000 rifugiati aggiuntivi. In questa fase, la guerra civile angolana era iniziata e si era diffusa in tutto il paese appena indipendente. La devastante guerra civile è durata diversi decenni e ha causato un milione di vittime e rifugiati nell'Angola indipendente.

    Sulla scia del conflitto, l'Angola ha dovuto affrontare il deterioramento della pianificazione centrale , dello sviluppo economico e della crescita, delle questioni relative alla sicurezza, all'istruzione e al sistema sanitario. Come gli altri territori africani recentemente indipendenti coinvolti nella guerra coloniale portoghese , il grado dell'Angola nelle tabelle mondiali dello sviluppo umano e del PIL pro capite è diminuito. Dopo l'indipendenza, la recessione economica e sociale , la corruzione , la povertà , la disuguaglianza e il fallimento della pianificazione centrale hanno eroso le aspettative iniziali dopo l'indipendenza. Un livello di sviluppo economico paragonabile a quello che era esistito sotto il dominio portoghese divenne un obiettivo importante per i governi del territorio indipendente. La forte recessione e il caos in molte aree della vita angolana hanno eroso lo slancio iniziale del fervore nazionalistico. Ci sono state anche eruzioni di razzismo nero nell'ex provincia d'oltremare contro angolani bianchi e mulatti.

    Guarda anche

    Riferimenti