Bisciola -
Bisciola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Bisciola valtellina cellulare.jpeg
Nomi alternativi Panettone valtellinese, pan di fich
Tipo Pane dolce
Luogo d'origine Italia
Regione o stato Lombardia
italiano
Temperatura di servizio Temperatura ambiente
Ingredienti principali

La Bisciola ( pronuncia italiana: 

) è un pane lievitato dolce italiano artigianale originario della Valtellina della Lombardia , Italia. In genere è preparato per il Natale durante il quale è una componente essenziale delle festività natalizie.

È conosciuto anche come panettone valtellinese , besciola e pan di fich , nome quest'ultimo in dialetto locale che letteralmente significa pane di fichi .

Etimologia

Il termine bisciola deriva probabilmente dal latino buccella (lett: bocconcino ).

Una leggenda narra che nel 1797 Napoleone fosse di passaggio nella regione e ordinò al suo cuoco di preparare un dolce utilizzando ingredienti locali. Il cuoco ottenne farina di grano saraceno, burro, fichi secchi, uva, miele e noci, e creò quella che poi prese il nome di bisciola. Secondo La cucina Italiana , Napoleone non è mai stato in Valtellina.

Poiché la bisciola era tradizionalmente un alimento contadino, la sua ricetta originale non è mai stata registrata ed è probabilmente una "ricetta di un dolce antico".

Descrizione

Il pane è stato descritto come avente un aspetto rustico e paragonato a un panettone più tradizionale. Si tratta di una pagnotta gustosa, soda e croccante dal profumo gradevole. Come pani dolci simili dall'Italia, tra cui la colomba pasquale , il pandolce , il pandoro e il panettone , la bisciola preparata finale ha un'umidità che va dal 18% al 24%.

Viene tradizionalmente servito dopo pranzo (pranzo) o il pranzo di Natale , a temperatura ambiente o leggermente riscaldato. Fuori pasto, può essere consumato per consuetudine dopo averlo inzuppato nella grappa , o anche con il caffè. Può essere servito anche con lo zabaione .

Preparazione

Il pane richiede una pasta madre naturale per la preparazione. La farina utilizzata è una delle farina di segale , tipo 00 farina di frumento , o di farina integrale . Le versioni artigianali sono realizzate con farina di grano saraceno . L'impasto è inoltre composto da burro, latte, zucchero e lievito . Gli ingredienti aggiunti all'impasto includono fichi secchi , miele , uvetta e noci . Alcune versioni possono sostituire uno o più di questi ingredienti con nocciole , pinoli , mandorle o albicocche secche .

Il processo richiede dalle 20 alle 36 ore per ottenere la pasta madre piena; un impasto madre (detto anche antipasto ) viene impastato con la farina e l'acqua, quindi messo da parte a lievitare per un massimo di 6 ore. A questa si aggiunge poi altra farina e acqua e si fa nuovamente lievitare per 3-4 ore. Nella fase finale della pasta madre si aggiunge altra farina e acqua, e una piccola parte si lascia lievitare 18-36 ore. Questo è il nuovo impasto madre , e il resto viene diviso in porzioni più piccole e usato per preparare la bisciola. All'impasto di ogni porzione si aggiungono fichi secchi, uvetta e noci, tutti tagliati a pezzi e ben integrati nell'impasto, dopodiché si lascia lievitare per circa un'ora. Viene quindi modellato in una pagnotta, lavata con le uova e cotta per 40-50 minuti.

segno geografico

Il 7 giugno 2013, al pane è stato concesso il Marchio Collettivo Geografico , marchio geografico non registrato, dopo che un gruppo di lavoro composto dalla Camera di Commercio di Sondrio e da vari produttori della regione ha stabilito le caratteristiche del pane, gli ingredienti costitutivi, i sostituti locali accettabili, e condizioni per l'uso del termine bisciola . Ha inoltre specificato il Regolamento d'uso del Marchio Collettivo "Bisciola" , che stabilisce i termini di licenza per l'uso del termine bisciola .

Il piano di controllo definito dai specifica del gruppo che il produttore è responsabile per garantire la zona di produzione (sempre entro Sondrio), ingredienti impiegati nella produzione, i mezzi di produzione, il processo di impastare la pasta, la forma in cui è formato, e il processo di cottura. Il confezionatore deve assicurarsi che il prodotto provenga e confezionato a Sondrio, assicurarsi che il prodotto da forno sia conforme agli standard e alle caratteristiche definite, verificare la presenza degli ingredienti richiesti, applicare un'etichettatura che identifichi l'origine del prodotto e ne indichi la conformità al Regolamento d'uso del Marchio Collettivo "Bisciola" .

Guarda anche

Riferimenti

Ulteriori letture

  • Strada, Annalisa; Spini, Gianluigi; Coppini, Clementina (2001). Guida insolita ai di misteri, ai di alle leggende e alle curiosità della segreti, Lombardia [ guida atipico per i misteri, i segreti, le leggende e le curiosità della Lombardia ]. Guida insolita (in italiano). 35 . Newton Compton Editori . ISBN 9788882896386.