Dalia Nera -
Black Dahlia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Elizabeth Breve foto dal bollettino della polizia.jpg
Breve nel 1946
Nato
Elisabetta Corta

(
29-07-1924
)
29 luglio 1924
Boston , Massachusetts , Stati Uniti
Scomparso 9 gennaio 1947
Morto 15 gennaio 1947
(1947-01-15)
(22 anni)
Los Angeles , California , Stati Uniti
Causa di morte Emorragia cerebrale causata da omicidio
Luogo di riposo Cimitero di Mountain View (Oakland, California)
Altri nomi Dalia Nera
Occupazione Cameriera
anni attivi 1943–1947
Conosciuto per Vittima di omicidio
Famiglia 4 sorelle
in due in vita.

Originaria di Boston , Short trascorse la sua prima infanzia nel New England e in Florida prima di trasferirsi in California, dove viveva suo padre. Si ritiene comunemente che Short fosse un'aspirante attrice, sebbene non avesse crediti o lavori di recitazione noti durante il suo soggiorno a Los Angeles. Avrebbe acquisito il soprannome di Black Dahlia postumo, poiché i giornali dell'epoca spesso soprannominato crimini particolarmente luridi; il termine potrebbe aver avuto origine da un film noir giallo , The Blue Dahlia , uscito nel 1946. Dopo la scoperta del suo corpo, il dipartimento di polizia di Los Angeles (LAPD) ha avviato un'indagine approfondita che ha prodotto oltre 150 sospetti ma non ha prodotto arresti.

a catturare l'attenzione nazionale.

Vita

Infanzia

per sostenerli.

Turbata da bronchite e gravi attacchi di asma , Short ha subito un intervento chirurgico ai polmoni all'età di 15 anni, dopodiché i medici le hanno suggerito di trasferirsi periodicamente in un clima più mite per prevenire ulteriori problemi respiratori. La madre di Short l'ha mandata a trascorrere gli inverni a Miami , in Florida , con gli amici di famiglia per i successivi tre anni. Nel suo secondo anno, Short lasciò la Medford High School .

Trasferimento in California

Foto di arresto di Short del 1943 per alcolismo da parte di minorenni
Il maggiore Matthew Michael Gordon, Jr.

Alla fine del 1942 la madre di Short ricevette una lettera di scuse dal presunto marito deceduto, che rivelò che era effettivamente vivo e aveva iniziato una nuova vita in California . A dicembre, all'età di 18 anni, Short si è trasferita a Vallejo, in California , per vivere con suo padre, che non vedeva dall'età di 6 anni. All'epoca stava lavorando presso il vicino cantiere navale di Mare Island nella baia di San Francisco . Le discussioni tra Short e suo padre la portarono a trasferirsi nel gennaio 1943.

Short accettò un lavoro alla Base Exchange di Camp Cooke (ora Vandenberg Air Force Base ) vicino a Lompoc , vivendo brevemente con un sergente dell'aeronautica militare statunitense che, secondo quanto riferito, abusò di lei . Lasciò Lompoc a metà del 1943 e si trasferì a Santa Barbara , dove fu arrestata il 23 settembre 1943 per aver bevuto in un bar locale quando era minorenne. Le autorità minorili l'hanno rimandata in Massachusetts, ma è tornata invece in Florida, facendo solo visite occasionali alla sua famiglia vicino a Boston.

Mentre era in Florida, Short incontrò il maggiore Matthew Michael Gordon, Jr., un ufficiale dell'aeronautica militare decorato del 2nd Air Commando Group , che si stava addestrando per il dispiegamento nel teatro del sud-est asiatico della seconda guerra mondiale . Short in seguito disse agli amici che Gordon aveva scritto per proporre il matrimonio mentre si stava riprendendo dalle ferite riportate in un incidente aereo in India. Ha accettato la sua offerta, ma Gordon è morto in un secondo incidente il 10 agosto 1945, meno di una settimana prima della fine della guerra.

. È stata variamente descritta e raffigurata come un'aspirante attrice o "aspirante". Secondo alcune fonti, in effetti aspirava a diventare una star del cinema, sebbene non avesse lavori o crediti di recitazione noti.

Omicidio

Prima dell'omicidio

miglia (600 m) dal Biltmore.

Scoperta

di un negozio scartato . Quando ha capito che si trattava di un cadavere, si è precipitata in una casa vicina e ha telefonato alla polizia.

Il corpo gravemente mutilato di Short è stato completamente mozzato in vita e prosciugato di sangue, lasciando la sua pelle di un bianco pallido. I medici legali hanno stabilito che era morta da circa dieci ore prima della scoperta, lasciando l'ora della sua morte durante la sera del 14 gennaio o le prime ore del mattino del 15 gennaio. Il corpo era stato apparentemente lavato dall'assassino. Il viso di Short era stato tagliato dagli angoli della bocca alle orecchie, creando un effetto noto come il " sorriso di Glasgow ". Aveva diversi tagli sulla coscia e sul seno, dove intere porzioni di carne erano state tagliate via. La metà inferiore del suo corpo era posizionata a un piede di distanza dalla parte superiore e il suo intestino era stato infilato ordinatamente sotto le sue natiche. Il cadavere era stato "posto", con le mani sopra la testa, i gomiti piegati ad angolo retto e le gambe divaricate.

è stata tra le prime ad arrivare sulla scena e ha scattato diverse foto del cadavere e della scena del crimine. Vicino al corpo, gli investigatori hanno individuato un'impronta di tallone a terra tra le tracce di pneumatici e nelle vicinanze è stato trovato anche un sacco di cemento contenente sangue acquoso.

Autopsia e identificazione

Un'autopsia del corpo di Short fu eseguita il 16 gennaio 1947 da Frederick Newbarr, il coroner della contea di Los Angeles. Il rapporto dell'autopsia di Newbarr affermava che Short era alto 5 piedi e 5 pollici (1,65 m), pesava 115 libbre (52 kg) e aveva occhi azzurri, capelli castani e denti gravemente cariati. C'erano segni di legatura su caviglie, polsi e collo e una "lacerazione irregolare con perdita di tessuto superficiale" sul seno destro. Newbarr ha anche notato lacerazioni superficiali sull'avambraccio destro, sulla parte superiore del braccio sinistro e sul lato inferiore sinistro del torace.

Il corpo era stato tagliato completamente a metà da una tecnica insegnata negli anni '30 chiamata emicorporectomia . La metà inferiore del suo corpo era stata rimossa sezionando la colonna lombare tra la seconda e la terza vertebra lombare , recidendo così l'intestino al duodeno . Il rapporto di Newbarr ha notato "pochissime" ecchimosi (lividi) lungo la linea di incisione, suggerendo che fosse stata eseguita dopo la morte. Un'altra "lacerazione aperta" di

4
+
1
4
pollici (110 mm) di lunghezza correvano longitudinalmente dall'ombelico alla regione sovrapubica . Le lacerazioni su ciascun lato del viso, che si estendevano dagli angoli delle labbra, erano misurate a tre pollici (75 mm) sul lato destro del viso e
2
+
1
2
pollici (65 mm) a sinistra. Il cranio non era fratturato, ma erano presenti lividi sulla parte anteriore e destra del cuoio capelluto, con una piccola quantità di sanguinamento nello spazio subaracnoideo sul lato destro, coerente con i colpi alla testa. La causa della morte è stata determinata da un'emorragia dovuta alle lacerazioni al viso e allo shock causato dai colpi alla testa e al viso. Newbarr ha notato che il canale anale di Short era dilatato a
1
+
3
4
pollici (45 mm), suggerendo che potrebbe essere stata violentata. Sono stati prelevati campioni dal suo corpo per verificare la presenza di sperma, ma i risultati sono risultati negativi.

il 17 gennaio, hanno ritenuto l'omicidio un "omicidio di demoni sessuali".

Indagine

Indagine iniziale

Lettere e interviste

Il 21 gennaio 1947, una persona che affermava di essere l'assassino di Short fece una telefonata all'ufficio di James Richardson, l'editore dell'Examiner , congratulandosi con Richardson per la copertura del caso da parte del giornale, e dichiarò che aveva intenzione di consegnarsi alla fine, ma non prima di aver permesso alla polizia di inseguirlo ulteriormente. Inoltre, il chiamante ha detto a Richardson di "aspettarsi alcuni souvenir di Beth Short per posta".

Il 24 gennaio, un impiegato del servizio postale degli Stati Uniti ha scoperto una busta di manila sospetta: la busta era stata indirizzata a "The Los Angeles Examiner e altri giornali di Los Angeles" con singole parole che erano state tagliate e incollate da ritagli di giornale; inoltre, un grande messaggio sul lato anteriore della busta diceva: "Ecco gli effetti personali di Dahlia [,] lettera a seguire". La busta conteneva il certificato di nascita di Short, biglietti da visita, fotografie, nomi scritti su pezzi di carta e una rubrica con il nome Mark Hansen in rilievo sulla copertina. Il pacchetto era stato accuratamente pulito con benzina, in modo simile al corpo di Short, il che ha portato la polizia a sospettare che il pacchetto fosse stato inviato direttamente dal suo assassino. Nonostante gli sforzi per pulire il pacchetto, diverse impronte digitali parziali sono state prelevate dalla busta e inviate al Federal Bureau of Investigation per il test; tuttavia, le impronte sono state compromesse durante il trasporto e quindi non hanno potuto essere analizzate correttamente. Lo stesso giorno in cui il pacco è stato ricevuto dall'esaminatore , è stato riferito che una borsa e una scarpa di pelle scamosciata nera sono state viste sopra un bidone della spazzatura in un vicolo a breve distanza da Norton Avenue, a due miglia (tre chilometri) da dove il corpo di Short era stato scoperto. Gli oggetti sono stati recuperati dalla polizia, ma sono stati anche puliti con benzina, distruggendo le impronte digitali.

Il 14 marzo, un apparente biglietto d'addio scarabocchiato a matita su un pezzo di carta è stato trovato nascosto in una scarpa in una pila di abiti da uomo in riva all'oceano, ai piedi di Breeze Ave. Venice. La nota diceva: "A chi potrebbe interessare: ho aspettato che la polizia mi catturasse per l'omicidio di Black Dahlia, ma non l'ho fatto. Sono troppo codardo per costituirmi, quindi questa è la via d'uscita migliore per me. Non ho potuto trattenermi per quello, o per questo. Scusa, Mary." Il mucchio di vestiti è stato visto per la prima volta da un custode della spiaggia, che ha riferito la scoperta a John Dillon, capitano del bagnino. Dillon informò immediatamente il capitano LE Christensen della stazione di polizia di West Los Angeles. I vestiti includevano un cappotto e pantaloni di tweed a spina di pesce blu, una maglietta marrone e bianca, pantaloncini bianchi da fantino, calzini marrone chiaro e scarpe per il tempo libero mocassino marrone chiaro, taglia circa otto. I vestiti non davano indizi sull'identità del loro proprietario.

La polizia ha anche intervistato diverse persone trovate elencate nella rubrica di Hansen, incluso Martin Lewis, che era stato un conoscente di Short. Lewis è stato in grado di fornire un alibi per la data dell'omicidio di Short, poiché era a Portland, nell'Oregon, in visita a suo suocero, che stava morendo di insufficienza renale.

Un totale di 750 investigatori del LAPD e di altri dipartimenti hanno lavorato al caso durante le sue fasi iniziali, inclusi 400 agenti dello sceriffo e 250 agenti della California State Patrol . Sono state perquisite varie località per potenziali prove, compresi i canali di scolo in tutta Los Angeles, strutture abbandonate e vari siti lungo il fiume Los Angeles , ma le ricerche non hanno prodotto ulteriori prove. Il consigliere comunale Lloyd G. Davis ha pubblicato una ricompensa di

$ 10.000
(equivalenti a $ 115.902 nel 2020) per informazioni che hanno portato la polizia all'assassino di Short. Dopo l'annuncio della ricompensa, varie persone si sono fatte avanti con confessioni, la maggior parte delle quali la polizia ha liquidato come false. Molti dei falsi confessori sono stati accusati di intralcio alla giustizia .

risposta dei media; declino

Il 26 gennaio, l' esaminatore ha ricevuto un'altra lettera , questa volta scritta a mano, che diceva: "Eccola. Consegna mercoledì 29 gennaio, ore 10. Mi sono divertito con la polizia. Black Dahlia Avenger". La lettera indicava anche un luogo in cui il presunto assassino si sarebbe consegnato. La polizia ha aspettato sul posto la mattina del 29 gennaio, ma il presunto assassino non si è presentato. Invece, alle 13:00, gli uffici dell'esaminatore hanno ricevuto un'altra lettera tagliata e incollata, che diceva: "Ho cambiato idea. Non mi daresti un accordo quadrato. L'uccisione di Dalia era giustificata".

La natura grafica del crimine e le successive lettere ricevute dall'esaminatore avevano provocato una frenesia mediatica sull'omicidio di Short. Sia le pubblicazioni locali che quelle nazionali hanno coperto ampiamente la storia, molte delle quali hanno ristampato rapporti sensazionalistici che suggeriscono che la Short fosse stata torturata per ore prima della sua morte; l'informazione, tuttavia, era falsa, ma la polizia ha permesso che i rapporti circolassero in modo da nascondere al pubblico la vera causa della morte di Short, l'emorragia cerebrale. Sono stati pubblicizzati ulteriori rapporti sulla vita personale di Short, inclusi i dettagli sul suo presunto declino delle avances romantiche di Hansen; inoltre, una spogliarellista che conosceva Short ha detto alla polizia che "le piaceva che i ragazzi si agitassero per lei, ma li lasciava appesi a secco". Ciò ha portato alcuni giornalisti (in particolare l' Herald-Express

'
s Bevo Means) e investigatori a esaminare la possibilità che Short fosse lesbica e iniziare a interrogare dipendenti e clienti dei bar gay di Los Angeles; questa affermazione, tuttavia, è rimasta infondata. L' Herald-Express ha anche ricevuto diverse lettere dal presunto assassino, sempre fatte con ritagli tagliati e incollati, una delle quali diceva: "Smetterò di uccidere Dahlia se avrò 10 anni. Non cercare di trovarmi. "

Il 1 ° febbraio, il Los Angeles Daily News ha riferito che il caso era "incappato in un muro di pietra", senza nuove piste da perseguire per gli investigatori. L' esaminatore ha continuato a pubblicare storie sull'omicidio e sull'indagine, che è stata una notizia in prima pagina per 35 giorni dopo la scoperta del corpo.

Quando è stato intervistato, l'investigatore capo, il capitano Jack Donahue, ha detto alla stampa che credeva che l'omicidio di Short fosse avvenuto in un edificio remoto o una baracca alla periferia di Los Angeles e che il suo corpo fosse stato trasportato nella città dove era stato smaltito. Sulla base dei tagli precisi e della dissezione del cadavere di Short, il LAPD ha esaminato la possibilità che l'assassino fosse un chirurgo, un medico o qualcuno con conoscenze mediche. A metà febbraio 1947, il LAPD ha notificato un mandato alla University of Southern California Medical School , che si trovava vicino al sito in cui era stato scoperto il corpo di Short, richiedendo un elenco completo degli studenti del programma. L'università ha accettato fintanto che le identità degli studenti sono rimaste private. Sono stati condotti controlli in background, ma non hanno prodotto risultati.

Gran giuria e conseguenze

Nessun indizio ha avuto conclusioni. Una volta trovato qualcosa, sembrava scomparire davanti ai nostri occhi.

—Sgt. Finis Brown, sui vari vicoli ciechi del caso

Nella primavera del 1947, l'omicidio di Short era diventato un caso freddo con poche nuove piste. Il sergente Finis Brown, uno dei principali investigatori del caso, ha accusato la stampa di aver compromesso le indagini attraverso l'indagine dei dettagli da parte dei giornalisti e la segnalazione non verificata. Nel settembre 1949, un gran giurì si riunì per discutere delle inadeguatezze nell'unità omicidi della polizia di Los Angeles sulla base della loro incapacità di risolvere numerosi omicidi, in particolare quelli di donne e bambini, negli ultimi anni, tra cui Short è uno di questi. All'indomani del gran giurì, sono state condotte ulteriori indagini sul passato di Short, con gli investigatori che hanno tracciato i suoi movimenti tra Massachusetts, California e Florida e hanno anche intervistato persone che la conoscevano in Texas e New Orleans. Tuttavia, le interviste non hanno prodotto informazioni utili sull'omicidio.

Sospetti e confessioni

La notorietà dell'omicidio di Short ha stimolato un gran numero di confessioni nel corso degli anni, molte delle quali sono state ritenute false. Durante le indagini iniziali sul suo omicidio, la polizia ha ricevuto un totale di 60 confessioni, la maggior parte fatte da uomini. Da allora, oltre 500 persone hanno confessato il delitto, alcune delle quali non erano nemmeno nate al momento della sua morte. Il sergente John P. St. John , un detective che ha lavorato al caso fino al suo pensionamento, ha dichiarato: "È incredibile quante persone offrano un parente come assassino".

Nel 2003, Ralph Asdel, uno degli investigatori originali del caso, disse al Times di ritenere di aver intervistato l'assassino di Short, un uomo che era stato visto con la sua berlina parcheggiata vicino al lotto libero dove il suo corpo era stato scoperto la mattina presto. ore del 15 gennaio 1947. Un vicino che guidava in quel giorno si fermò per smaltire un sacco di erba tagliata nel terreno libero quando vide una berlina parcheggiata, presumibilmente con la portiera posteriore destra aperta; l'autista della berlina era fermo nel parcheggio. Il suo arrivo a quanto pare ha spaventato il proprietario della berlina, che si è avvicinato alla sua auto e ha sbirciato nel finestrino prima di tornare alla berlina e allontanarsi. Il proprietario della berlina è stato seguito in un ristorante locale dove lavorava, ma alla fine è stato scagionato da ogni sospetto.

.

La polizia arrivò a considerare George Hill Hodel Jr. un sospetto dopo l'omicidio di Elizabeth Short nel 1947. Non è mai stato formalmente accusato del crimine e ha attirato l'attenzione più ampia come sospetto dopo la sua morte quando è stato accusato da suo figlio, il detective della omicidi di Los Angeles Steve Hodel, di aver ucciso Short e di aver commesso diversi omicidi aggiuntivi. Prima del caso Dahlia, era anche sospettato della morte della sua segretaria, Ruth Spaulding, ma non è stato accusato; ed è stato accusato di aver violentato sua figlia, Tamar, ma è stato assolto. Fuggì più volte dal paese e trascorse dal 1950 al 1990 nelle Filippine.

La polizia cerca resti negli omicidi del torso di Cleveland , 1936; alcuni giornalisti e forze dell'ordine hanno ipotizzato una connessione tra i crimini di Cleveland e l'omicidio di Short.
ha suggerito che Ness conoscesse l'identità dell'assassino responsabile di entrambi i casi.

Anche l'omicidio di Jeanne French a Los Angeles il 10 febbraio 1947 fu considerato dai media e dagli investigatori come forse collegato all'omicidio di Short. Il corpo di French è stato scoperto nella zona ovest di Los Angeles, sul Grand View Boulevard, nudo e duramente picchiato. Scritto sulla pancia con il rossetto c'era quello che sembrava dire "Fuck You BD" e le lettere "TEX" sotto. L' Herald-Express ha trattato ampiamente la storia e ha fatto paragoni con l'omicidio di Short meno di un mese prima, supponendo che le iniziali "BD" stessero per "Black Dahlia". Secondo lo storico Jon Lewis, tuttavia, lo scarabocchio in realtà leggeva "PD", apparentemente in piedi per "dipartimento di polizia".

Autori del crimine come Steve Hodel (figlio di George Hill Hodel ) e William Rasmussen hanno suggerito un legame tra l'omicidio Short e l'omicidio e lo smembramento del 1946 di Suzanne Degnan, sei anni, a Chicago, Illinois. Il capitano Donahoe della polizia di Los Angeles ha dichiarato pubblicamente di ritenere che Black Dahlia e Chicago Lipstick Murders fossero "probabilmente collegati". Tra le prove citate c'è il fatto che il corpo di Short è stato trovato su Norton Avenue, tre isolati a ovest di Degnan Boulevard, essendo Degnan il cognome della ragazza di Chicago. C'erano anche sorprendenti somiglianze tra la calligrafia sulla richiesta di riscatto di Degnan e quella del "Black Dahlia Avenger". Entrambi i testi usavano una combinazione di maiuscole e minuscole (la nota di Degnan leggeva in parte "BuRN This For her SAfTY" [ sic ]), ed entrambe le note contengono una lettera P deforme simile e hanno una parola che corrisponde esattamente. Il serial killer condannato William Heirens ha scontato l'ergastolo per l'omicidio di Degnan. Inizialmente arrestato a 17 anni per aver fatto irruzione in una residenza vicina a quella di Degnan, Heirens ha affermato di essere stato torturato dalla polizia, costretto a confessare e fatto un capro espiatorio per l'omicidio. Dopo essere stato prelevato dall'infermeria medica presso il Dixon Correctional Center il 26 febbraio 2012, per problemi di salute, Heirens è morto presso l' University of Illinois Medical Center il 5 marzo 2012, a 83 anni.

Inoltre, Steve Hodel ha implicato suo padre, George Hodel , come l'assassino di Short, citando la formazione di suo padre come chirurgo come prova circostanziale. Nel 2003, nelle note del rapporto del gran giurì del 1949 è stato rivelato che gli investigatori avevano intercettato la casa di Hodel e ottenuto una conversazione registrata su di lui con un visitatore non identificato, dicendo: "Supponendo che abbia ucciso la Dalia Nera. Non potevano provarlo ora. Non possono parlare con la mia segretaria perché è morta. Pensavano che ci fosse qualcosa di sospetto. Comunque, ora potrebbero averlo capito. L'hanno uccisa. Forse ho ucciso la mia segretaria."

Nel 1991, Janice Knowlton, una donna che aveva dieci anni al momento dell'omicidio di Short, affermò di aver assistito a suo padre, George Knowlton, picchiare a morte Short con un martello da carpentiere nel garage distaccato della casa della sua famiglia a Westminster . Ha anche pubblicato un libro intitolato Daddy was the Black Dahlia Killer nel 1995, in cui ha affermato che suo padre l'ha molestata sessualmente . Il libro è stato condannato come "spazzatura" dalla sorellastra di Knowlton, Jolane Emerson, nel 2004, che ha dichiarato: "Ci credeva, ma non era la realtà. Lo so, perché ho vissuto con suo padre per sedici anni". Inoltre, il detective St. John ha detto al Times che le affermazioni di Knowlton "non erano coerenti con i fatti del caso".

Il libro di John Gilmore del 1994 Severed: The True Story of the Black Dahlia Murder , suggerisce una possibile connessione tra l'omicidio di Short e quello di Georgette Bauerdorf , una socialite che fu strangolata a morte nella sua casa di West Hollywood nel 1944. Gilmore suggerisce che il lavoro di Short alla Hollywood Canteen , dove Bauerdorf lavorava anche come hostess, potrebbe essere un potenziale collegamento tra le due donne. Tuttavia, l'affermazione che Short abbia mai lavorato all'Hollywood Canteen è stata contestata da altri, come il copyeditor in pensione del Times Larry Harnisch (vedi Rumors and factual disputes ).

Il libro del 2017 Black Dahlia, Red Rose di Piu Eatwell si concentra su Leslie Dillon, un fattorino che era l'ex assistente di un impresario di pompe funebri ; i suoi soci Mark Hansen e Jeff Connors; e il sergente Finis Brown, un detective capo che aveva legami con Hansen ed era presumibilmente corrotto. Eatwell ipotizza che Short sia stata uccisa perché sapeva troppo del coinvolgimento degli uomini in un piano per rapinare hotel. Suggerisce inoltre che Short sia stato ucciso all'Aster Motel di Los Angeles, dove i proprietari hanno riferito di aver trovato una delle loro stanze "coperta di sangue e materia fecale" la mattina in cui è stato trovato il corpo di Short. L' Examiner dichiarò nel 1949 che il capo della polizia di Los Angeles William A. Worton negò che il Flower Street [Aster] Motel avesse qualcosa a che fare con il caso, anche se il suo giornale rivale, il Los Angeles Herald , affermava che l'omicidio era avvenuto lì. Eatwell sta lavorando a un documentario televisivo e un'edizione rivista del suo libro dovrebbe essere pubblicata nell'autunno del 2018.

Nel 2000, Buz Williams, un detective in pensione del dipartimento di polizia di Long Beach , scrisse un articolo per la newsletter della LBPD The Rap Sheet sull'omicidio di Short. Il padre di Williams, Richard F. Williams, e il suo amico, Con Keller, erano entrambi membri della Gangster Squad di Los Angeles che indagavano sul caso. Williams Sr credeva che Dillon fosse l'assassino e che quando Dillon tornò nel suo stato d'origine, l'Oklahoma, fosse in grado di evitare l' estradizione in California perché la sua ex moglie Georgia Stevenson era cugina di secondo grado del governatore Adlai Stevenson II dell'Illinois, che contattò il governatore dell'Oklahoma per conto di Dillon. Keller credeva che Hansen fosse l'assassino, poiché aveva studiato in una scuola di chirurgia in Svezia e aveva organizzato feste elaborate a cui partecipavano importanti funzionari della polizia di Los Angeles. L'articolo di Williams dice che Dillon ha citato in giudizio la polizia di Los Angeles per $ 3 milioni, ma che la causa è stata ritirata. Harnisch lo contesta, sostenendo che Dillon è stato scagionato dalla polizia dopo un'indagine approfondita e che i file del procuratore distrettuale lo hanno collocato positivamente a San Francisco quando Short è stato ucciso. Harnisch afferma che non c'è stato alcun insabbiamento della polizia di Los Angeles e che Dillon ha effettivamente ricevuto un accordo finanziario dalla città di Los Angeles, ma non ha prodotto prove concrete per dimostrarlo.

Voci e controversie di fatto

Numerosi dettagli riguardanti la vita personale e la morte di Short sono stati oggetto di controversia pubblica. Il coinvolgimento ansioso sia del pubblico che della stampa nella risoluzione del suo omicidio sono stati accreditati come fattori che hanno complicato in modo significativo l'indagine, risultando in una narrativa degli eventi complessa, a volte incoerente. Secondo Anne Marie DiStefano del Portland Tribune , molte "storie infondate" sono circolate su Short nel corso degli anni: "Era una prostituta, era frigida, era incinta, era lesbica. E in qualche modo, invece di svanire tempo, la leggenda della Dalia Nera continua a diventare sempre più contorta." Harnisch ha confutato diverse presunte voci e concezioni popolari su Short e il suo omicidio e ha anche contestato la validità del libro di Gilmore Severed , sostenendo che il libro è "il 25% di errori e il 50% di finzione". Harnisch aveva anche esaminato i fascicoli del procuratore distrettuale (ha affermato che Steve Hodel ne ha esaminati alcuni relativi a suo padre, insieme all'editorialista del Times Steve Lopez) e contrariamente alle affermazioni di Eatwell, i fascicoli hanno mostrato che Dillon era stato indagato a fondo ed era determinato ad avere stato a San Francisco quando Short fu ucciso. Harnisch ha ipotizzato che Eatwell non abbia trovato questi file o abbia scelto di ignorarli.

Omicidio e stato del corpo

Diverse persone, nessuna delle quali conosceva la Short, hanno contattato la polizia e i giornali e hanno affermato di averla vista durante la sua cosiddetta "settimana scomparsa", tra la sua scomparsa il 9 gennaio e il ritrovamento del suo corpo, il 15 gennaio. Gli investigatori del procuratore distrettuale hanno escluso ogni presunto avvistamento; in alcuni casi, gli intervistati identificavano altre donne che avevano scambiato per Short. Non si sa dove si trovi Short nei giorni precedenti il ​​suo omicidio e la scoperta del suo corpo.

inflittele mentre era ancora in vita, sebbene non vi siano indicazioni di ciò nel suo rapporto ufficiale dell'autopsia.

In Severed , Gilmore afferma che il medico legale che ha eseguito l'autopsia di Short ha suggerito durante una conversazione di essere stata costretta a consumare le feci sulla base delle sue scoperte durante l'esame del contenuto del suo stomaco. Questa affermazione è stata smentita da Harnisch e non è nemmeno indicata nell'autopsia ufficiale di Short, sebbene sia stata ristampata su diversi media cartacei e online.

Soprannome

Secondo i giornali poco dopo l'omicidio, Short ricevette il soprannome di "Black Dahlia " dal personale e dai clienti di una farmacia di Long Beach a metà del 1946 come gioco di parole nel film The Blue Dahlia (1946). Altre voci diffuse affermano che i media abbiano creato il nome perché Short si è adornata i capelli con dalie . Secondo il sito ufficiale dell'FBI , ha ricevuto la prima parte del soprannome dalla stampa "per la sua presunta predilezione per i vestiti neri trasparenti".

a causa della natura brutale del crimine.

Presunta prostituzione e storia sessuale

del 1977 , che è in parte basato sul crimine.

Un'altra voce ampiamente diffusa (a volte usata per contrastare le affermazioni secondo cui Short fosse una prostituta) sostiene che Short non fosse in grado di avere rapporti sessuali a causa di un difetto congenito che ha provocato la disgenesia gonadica , nota anche come "genitali infantili". I fascicoli del procuratore distrettuale della contea di Los Angeles affermano che gli investigatori avevano interrogato tre uomini con cui Short aveva avuto rapporti sessuali, incluso un agente di polizia di Chicago sospettato nel caso; I file dell'FBI sul caso contengono anche una dichiarazione di uno dei presunti amanti di Short. La stessa autopsia di Short, che è stata ristampata per intero nel libro di Michael Newton del 2009 The Encyclopedia of Unsolved Crimes , rileva che il suo utero era "piccolo"; tuttavia, non vengono fornite altre informazioni nell'autopsia che suggeriscano che i suoi organi riproduttivi fossero altro che anatomicamente normali. L'autopsia afferma anche che Short non era e non era mai stata incinta, contrariamente a quanto affermato prima e dopo la sua morte.

Un'altra voce - che Short fosse lesbica - è circolata spesso; secondo Gilmore, questa voce è iniziata dopo che a Bevo Means of the Herald-Express è stato detto dal vice coroner che Short "non stava facendo sesso con uomini" a causa dei suoi presunti genitali "piccoli". Significa che questo significava che Short ha fatto sesso con donne, e sia lui che il giornalista Sid Hughes hanno iniziato a indagare inutilmente sui bar gay di Los Angeles per ulteriori informazioni.

Eredità

La tomba di Short a Oakland, in California

Short viene sepolto nel cimitero di Mountain View a Oakland . Dopo che le sue sorelle più giovani sono cresciute e si sono sposate, la loro madre, Phoebe, si è trasferita a Oakland per stare vicino alla tomba di sua figlia. Alla fine è tornata sulla costa orientale negli anni '70, dove ha vissuto fino ai 90 anni. Il 2 febbraio 1947, appena due settimane dopo l'omicidio di Short, il caso ha spinto il membro dell'assemblea statale repubblicana C. Don Field a presentare un disegno di legge che chiedeva la formazione di un registro di reati sessuali ; lo stato della California diventerebbe il primo stato degli Stati Uniti a rendere obbligatoria la registrazione degli autori di reati sessuali.

L'omicidio di Short è stato descritto come uno dei crimini più brutali e culturalmente duraturi nella storia americana e la rivista Time lo ha elencato come uno dei casi irrisolti più famigerati al mondo.

La vita e la morte di Short sono state la base di numerosi libri e film, sia di fantasia che di saggistica. Il caso è stato al centro della quarta stagione, episodio 13 di Hunter , in cui i personaggi principali, insieme a un (fittizio) ex detective della polizia (interpretato da Lawrence Tierney ), hanno indagato e portato a termine l'arresto di un sospetto fittizio. dopo 41 anni. Elizabeth Short è stata qui interpretata da Jessica Nelson.

Tra i resoconti di fantasia più famosi della morte di Short c'è il romanzo di James Ellroy del 1987 The Black Dahlia , che, oltre all'omicidio, ha esplorato "i campi più ampi della politica, del crimine, della corruzione e della paranoia nella Los Angeles del dopoguerra". secondo il critico culturale David M. Fine. Il romanzo di Ellroy è stato adattato in un film del 2006 con lo stesso nome dal regista Brian De Palma : Short è stato interpretato dall'attrice Mia Kirshner . Sia il romanzo di Ellroy che il suo adattamento cinematografico hanno poca relazione con i fatti del caso.

Il corto è stato anche interpretato in resoconti fortemente romanzati da Lucie Arnaz nel film televisivo del 1975 Who Is the Black Dahlia? e ancora da Mena Suvari nella serie American Horror Story nel 2011, con Short nella trama dell'episodio " Spooky Little Girl ", e ancora nel 2018 con " Ritorno alla casa del delitto ".

Guarda anche

Appunti

Riferimenti

Fonti

Ulteriori letture