Pandemia di covid19 -
COVID-19 pandemic

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Pandemia di covid-19
Covid-19 SP - UTI V. Nova Cachoeirinha.jpg
Professionisti medici che curano un paziente COVID-19 in condizioni critiche in una terapia intensiva a San Paolo nel maggio 2020
COVID-19 Outbreak World Map Totale decessi pro capite.svg
Morti confermate per 100.000 abitanti
al 15 gennaio 2022
Mappa del mondo dell'epidemia di COVID-19 pro capite.svg
Percentuale cumulativa della popolazione infetta
al 22 gennaio 2021
  •  
     >10%
  •  
     3–10%
  •  
     1–3%
  •  
     0,3–1%
  •  
     0,1–0,3%
  •  
     0,03–0,1%
  •  
     0–0,03%
  •  
     Nessuno o nessun dato
Malattia Malattia da coronavirus 2019 (COVID-19)
Specie di virus Sindrome respiratoria acuta grave
coronavirus 2
(SARS‑CoV‑2)
Fonte Pipistrelli, probabilmente indirettamente
Posizione In tutto il mondo
Caso indice Wuhan , Cina
Data
Casi confermati 350.065.624
Deceduti
5.594.389 (segnalato)
13,4–22,7 milioni (stimato)
.

I sintomi di COVID-19 vanno da non rilevabili a mortali, ma più comunemente includono febbre, tosse secca e affaticamento. Una malattia grave è più probabile nei pazienti anziani e in quelli con determinate condizioni mediche di base. Il COVID‑19 si trasmette quando le persone respirano aria contaminata da goccioline e piccole particelle sospese nell'aria contenenti il ​​virus. Il rischio di inspirarli è più alto quando le persone sono nelle immediate vicinanze, ma possono essere inalati a lunghe distanze, in particolare all'interno. La trasmissione può verificarsi anche se i fluidi contaminati raggiungono gli occhi, il naso o la bocca e, raramente, attraverso superfici contaminate. Le persone infette sono in genere contagiose per 10 giorni e possono diffondere il virus anche se non sviluppano sintomi. Le mutazioni hanno prodotto molti ceppi (varianti) con vari gradi di infettività e virulenza.

I vaccini COVID-19 sono stati approvati e ampiamente distribuiti in vari paesi da dicembre 2020. Altre misure preventive raccomandate includono l'allontanamento sociale , il mascheramento , il miglioramento della ventilazione e della filtrazione dell'aria e la messa in quarantena di coloro che sono stati esposti o sono sintomatici. I trattamenti includono anticorpi monoclonali , nuovi farmaci antivirali e controllo dei sintomi. Gli interventi governativi includono restrizioni di viaggio , blocchi , restrizioni e chiusure commerciali, controlli sui rischi sul posto di lavoro , quarantene, sistemi di test e tracciamento dei contatti degli infetti.

tra imperativi di salute pubblica e diritti individuali.

Etimologia

La pandemia è conosciuta con diversi nomi. Viene spesso definita dai media come la "pandemia di coronavirus", nonostante l'esistenza di altri coronavirus umani che hanno causato epidemie ed epidemie (es . SARS ).

Durante l'epidemia iniziale a Wuhan , il virus e la malattia erano comunemente indicati come "coronavirus", "coronavirus di Wuhan", "focolaio di coronavirus" e "focolaio di coronavirus di Wuhan" con la malattia a volte chiamata "polmonite di Wuhan". Nel gennaio 2020, l'OMS ha raccomandato la malattia respiratoria acuta 2019-nCoV e 2019-nCoV come nomi provvisori per il virus e la malattia secondo le linee guida internazionali del 2015 contro l'uso di luoghi geografici (es. Wuhan, Cina), specie animali o gruppi di persone malate e nomi di virus in parte per prevenire lo stigma sociale . L'OMS ha finalizzato i nomi ufficiali COVID-19 e SARS-CoV-2 l'11 febbraio 2020. Tedros Adhanom ha spiegato: CO

 
per corona , VI
 
per virus , D
 
per malattia e 19 per quando l'epidemia è stata identificata per la prima volta (31 dicembre 2019). L'OMS utilizza inoltre "il virus COVID-19" e "il virus responsabile del COVID-19" nelle comunicazioni pubbliche.

L' OMS nomina le varianti di interesse e le varianti di interesse utilizzando lettere greche . La pratica iniziale di denominarli in base a dove sono state identificate le varianti (ad es. Delta iniziò come "variante indiana") non è più comune. Uno schema di denominazione più sistematico riflette il lignaggio PANGO della variante (ad esempio, il lignaggio di Omicron è B.1.1.529) e viene utilizzato per altre varianti.

Epidemiologia

Per i dati a livello di paese , vedere:
732-grafico a barre
Dal 23 gennaio 2022

Sfondo

SARS-CoV-2 è un virus scoperto di recente che è strettamente correlato ai coronavirus dei pipistrelli, ai coronavirus del pangolino e alla SARS-CoV . Il primo focolaio noto è iniziato a Wuhan , Hubei, in Cina, nel novembre 2019. Molti dei primi casi erano collegati a persone che avevano visitato il mercato all'ingrosso di frutti di mare di Huanan , ma è possibile che la trasmissione da uomo a uomo sia iniziata prima.

Il consenso scientifico è che il virus è molto probabilmente di origine zoonotica , da pipistrelli o da un altro mammifero strettamente imparentato. Nonostante ciò, l'argomento ha generato ampie speculazioni su origini alternative. La controversia sull'origine ha acuito le divisioni geopolitiche, in particolare tra Stati Uniti e Cina.

La prima persona infetta conosciuta si è ammalata il 1°

 
dicembre 2019. Quell'individuo non aveva una connessione con il successivo cluster del mercato umido . Tuttavia, un caso precedente potrebbe essersi verificato il 17 novembre. Due terzi del cluster di casi iniziali erano collegati al mercato. L'analisi dell'orologio molecolare suggerisce che è probabile che il

Casi

Casi cumulativi confermati per paese, a partire dal 1° dicembre 2021
  •  
     10.000.000+
  •  
     1.000.000–9.999.999
  •  
     100.000–999.999
  •  
     10.000–99.999
  •  
     1.000–9.999
  •  
     100–999
  •  
     1–99
  •  
     0

I conteggi ufficiali dei "casi" si riferiscono al numero di persone che sono state testate per COVID-19 e il cui test è stato confermato positivo secondo i protocolli ufficiali indipendentemente dal fatto che abbiano manifestato o meno una malattia sintomatica. Molti paesi, all'inizio, avevano politiche ufficiali per non testare quelli con solo sintomi lievi. Numerosi studi hanno affermato che le infezioni totali sono considerevolmente maggiori dei casi segnalati. I fattori di rischio più forti per malattie gravi sono l'obesità, le complicanze del diabete , i disturbi d'ansia e il numero totale di condizioni.

Il 9 aprile 2020, i risultati preliminari hanno rilevato che a Gangelt , il centro di un importante cluster di infezione in Germania, il 15% di un campione di popolazione è risultato positivo agli anticorpi . Lo screening per COVID-19 nelle donne in gravidanza a New York City e nei donatori di sangue nei Paesi Bassi ha rilevato tassi di test anticorpali positivi che indicavano più infezioni di quanto riportato. Le stime basate sulla sieroprevalenza sono prudenti poiché alcuni studi mostrano che le persone con sintomi lievi non hanno anticorpi rilevabili.

Un'analisi all'inizio del 2020 dei casi in Cina per età ha indicato che una percentuale relativamente bassa di casi si è verificata in individui di età inferiore ai 20 anni. Non era chiaro se ciò fosse dovuto al fatto che i giovani avevano meno probabilità di essere infettati o meno probabilità di sviluppare sintomi e testato. Uno studio di coorte retrospettivo in Cina ha rilevato che bambini e adulti avevano la stessa probabilità di essere infettati.

Le stime iniziali del numero di riproduzione di base (R 0 ) per COVID-19 a gennaio erano comprese tra 1,4 e 2,5, ma un'analisi successiva ha affermato che potrebbe essere circa 5,7 (con un intervallo di confidenza del 95% compreso tra 3,8 e 8,9).

A dicembre 2021, il numero di casi ha continuato a salire a causa di diversi fattori, comprese le nuove varianti di COVID-19. Al 28

 
dicembre 282.790.822 persone in tutto il mondo erano state confermate come infette.

Deceduti

Deceduto in un "obitorio mobile" refrigerato fuori da un ospedale di Hackensack, New Jersey , USA, nell'aprile 2020
I becchini che indossano protezioni contro la contaminazione seppelliscono il corpo di un uomo sospettato di essere morto di COVID-19 nel cimitero di Vila Alpina, nella parte orientale di San Paolo , nell'aprile 2020.

Al 23 gennaio 2022, oltre 5,59

 
milioni di decessi erano stati attribuiti al COVID-19. Il primo decesso confermato è stato a Wuhan il 9 gennaio 2020. Questi numeri variano in base alla regione e nel tempo, influenzati dal volume dei test, dalla qualità del sistema sanitario, dalle opzioni di trattamento, dalla risposta del governo, dal tempo trascorso dall'epidemia iniziale e dalle caratteristiche della popolazione, come età, sesso e salute generale.

Molteplici misure vengono utilizzate per quantificare la mortalità. I conteggi ufficiali dei decessi in genere includono le persone morte dopo essere risultate positive. Tali conteggi escludono i decessi senza un test. Al contrario, possono essere incluse le morti di persone morte per condizioni sottostanti a seguito di un test positivo. Paesi come il Belgio includono decessi per casi sospetti, compresi quelli senza test, aumentando così i conteggi.

È stato affermato che i conteggi ufficiali dei decessi sottostimano il bilancio delle vittime effettivo, perché i dati sull'eccesso di mortalità (il numero di decessi in un periodo rispetto a una media a lungo termine) mostrano un aumento dei decessi che non è spiegato dai soli decessi COVID-19. Utilizzando tali dati, le stime del numero reale di decessi per COVID-19 in tutto il mondo hanno incluso un intervallo da 9,5 a 18,6 milioni di The Economist , nonché oltre 10,3 milioni di Institute for Health Metrics and Evaluation . Tali decessi includono decessi dovuti a limitazioni e priorità della capacità sanitaria, nonché riluttanza a cercare assistenza (per evitare possibili infezioni).

Il tempo tra l'insorgenza dei sintomi e la morte varia da

 
6 a 41 giorni, in genere circa 14 giorni. I tassi di mortalità aumentano in funzione dell'età. Le persone a maggior rischio di mortalità sono gli anziani e quelli con patologie pregresse.

Tasso di mortalità per infezione (IFR)

Stima IFR
per fascia di
età
Fascia di età IFR
0–34 0,004%
35–44 0,068%
45–54 0,23%
55–64 0,75%
65–74 2,5%
75–84 8,5%
85+ 28,3%

Il tasso di mortalità per infezione (IFR) è il numero cumulativo di decessi attribuiti alla malattia diviso per il numero cumulativo di individui infetti (comprese le infezioni asintomatiche e non diagnosticate). È espresso in punti percentuali (non come decimale). Altri studi si riferiscono a questa metrica come al "rischio di mortalità per infezione".

Nel novembre 2020, un articolo di revisione su Nature ha riportato stime degli IFR ponderati per la popolazione per vari paesi, esclusi i decessi nelle strutture di assistenza agli anziani, e ha riscontrato un intervallo mediano compreso tra lo 0,24% e l'1,49%.

Gli IFR aumentano in funzione dell'età (da 0,002% a 10 anni e 0,01% a 25 anni, a 0,4% a 55 anni, 1,4% a 65 anni, 4,6% a 75 anni e 15% a 85 anni). Questi tassi variano di un fattore di ~ 10.000 tra i gruppi di età. Per fare un confronto, l'IFR per gli adulti di mezza età è due ordini di grandezza più probabile del rischio annualizzato di un incidente automobilistico mortale e molto più pericoloso dell'influenza stagionale.

Nel dicembre 2020, una revisione sistematica e una meta-analisi hanno stimato che l'IFR ponderato per la popolazione era compreso tra lo 0,5% e l'1% in alcuni paesi (Francia, Paesi Bassi, Nuova Zelanda e Portogallo), dall'1% al 2% in altri paesi (Australia, Inghilterra , Lituania e Spagna) e circa il 2,5% in Italia. Questo studio ha riportato che la maggior parte delle differenze rifletteva le differenze corrispondenti nella struttura per età della popolazione e il modello di infezione specifico per età.

Tasso di mortalità dei casi (CFR)

Un'altra metrica nella valutazione del tasso di mortalità è il case fatality ratio (CFR), che è il rapporto tra morti e diagnosi. Questa metrica può essere fuorviante a causa del ritardo tra l'inizio dei sintomi e la morte e perché i test si concentrano su individui sintomatici.

Sulla base delle statistiche della Johns Hopkins University , il CFR globale è

dell'1,60% (5.594.389 decessi per 350.065.624 casi) al 23 gennaio 2022. Il numero varia in base alla regione e generalmente è diminuito nel tempo.

Malattia

segni e sintomi

I sintomi del COVID-19

I sintomi di COVID-19 sono variabili e vanno da sintomi lievi a malattie gravi. I sintomi più comuni includono mal di testa , perdita dell'olfatto e del gusto , congestione nasale e naso che cola , tosse , dolori muscolari , mal di gola , febbre , diarrea e difficoltà respiratorie . Le persone con la stessa infezione possono avere sintomi diversi e i loro sintomi possono cambiare nel tempo. Sono stati identificati tre gruppi comuni di sintomi: un gruppo di sintomi respiratori con tosse, espettorato , mancanza di respiro e febbre; un cluster di sintomi muscoloscheletrici con dolore muscolare e articolare, mal di testa e affaticamento; un gruppo di sintomi digestivi con dolore addominale, vomito e diarrea. Nelle persone senza precedenti disturbi dell'orecchio, del naso e della gola, la perdita del gusto combinata con la perdita dell'olfatto è associata a COVID-19 ed è segnalata nell'88% dei casi.

Trasmissione

La malattia si trasmette principalmente per via respiratoria quando le persone inalano goccioline e piccole particelle sospese nell'aria (che formano un aerosol ) che le persone infette espirano mentre respirano, parlano, tossiscono, starnutiscono o cantano. Le persone infette hanno maggiori probabilità di trasmettere il COVID-19 quando sono fisicamente vicine. Tuttavia, l'infezione può verificarsi su lunghe distanze, in particolare all'interno.

Causa

SARS‑CoV‑2 appartiene all'ampia famiglia di virus noti come coronavirus . È un virus a RNA a filamento singolo (+ssRNA) a senso positivo, con un singolo segmento di RNA lineare. I coronavirus infettano gli esseri umani, altri mammiferi, compresi il bestiame e gli animali da compagnia, e le specie aviarie. I coronavirus umani sono in grado di causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la sindrome respiratoria mediorientale (MERS, tasso di mortalità ~ 34%). SARS-CoV-2 è il settimo coronavirus conosciuto a infettare le persone, dopo 229E , NL63 , OC43 , HKU1 , MERS-CoV e il SARS-CoV originale .

Diagnosi

I metodi standard di test per la presenza di SARS-CoV-2 sono i test dell'acido nucleico , che rilevano la presenza di frammenti di RNA virale. Poiché questi test rilevano l'RNA ma non il virus infettivo, la sua "capacità di determinare la durata dell'infettività dei pazienti è limitata". Il test viene tipicamente eseguito su campioni respiratori ottenuti con tampone nasofaringeo ; tuttavia, è possibile utilizzare anche un tampone nasale o un campione di espettorato. L'OMS ha pubblicato diversi protocolli di test per la malattia.

Prevenzione

Le misure preventive per ridurre le possibilità di infezione includono vaccinarsi, rimanere a casa, indossare una maschera in pubblico, evitare luoghi affollati, mantenere le distanze dagli altri, ventilare gli spazi interni, gestire le potenziali durate di esposizione, lavarsi le mani con acqua e sapone spesso e per a almeno venti secondi, praticando una buona igiene respiratoria ed evitando di toccarsi gli occhi, il naso o la bocca con le mani non lavate.

Coloro a cui è stato diagnosticato il COVID-19 o che credono di essere infetti sono consigliati dal CDC di rimanere a casa tranne che per ottenere assistenza medica, chiamare in anticipo prima di visitare un operatore sanitario, indossare una mascherina prima di entrare nell'ufficio dell'operatore sanitario e quando si trovano in qualsiasi stanza o veicolo con un'altra persona, coprire tosse e starnuti con un fazzoletto, lavarsi regolarmente le mani con acqua e sapone ed evitare di condividere oggetti domestici personali.

Vaccini

Un medico del Walter Reed National Military Medical Center che ha ricevuto una vaccinazione contro il COVID-19 nel dicembre 2020

Un vaccino COVID‑19 è un vaccino destinato a fornire l'immunità acquisita contro la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS‑CoV‑2), il virus che causa la malattia da coronavirus 2019 ( COVID‑19 ). Prima della pandemia di COVID-19 , esisteva un corpus consolidato di conoscenze sulla struttura e la funzione dei coronavirus che causano malattie come la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e la sindrome respiratoria mediorientale (MERS). Questa conoscenza ha accelerato lo sviluppo di varie piattaforme di vaccini all'inizio del 2020. L'obiettivo iniziale dei vaccini SARS-CoV-2 era la prevenzione di malattie sintomatiche, spesso gravi. Il 10 gennaio 2020 i dati della sequenza genetica SARS-CoV-2 sono stati condivisi tramite GISAID e, entro il 19 marzo, l'industria farmaceutica globale ha annunciato un importante impegno per affrontare il COVID-19. I vaccini COVID‑19 sono ampiamente accreditati per il loro ruolo nel ridurre la gravità e la morte causate da COVID‑19.

Alla fine di dicembre 2021, oltre 4,49 miliardi di persone avevano ricevuto una o più dosi (8+ miliardi in totale) in oltre 197 paesi. Il vaccino Oxford-AstraZeneca è stato il più utilizzato.

Trattamento

), per il trattamento di pazienti adulti. La FDA in seguito gli ha dato un EUA.

La maggior parte dei casi di COVID-19 sono lievi. In questi, la terapia di supporto include farmaci come paracetamolo o FANS per alleviare i sintomi (febbre, dolori muscolari, tosse), un'adeguata assunzione di liquidi orali e riposo. Si raccomanda inoltre una buona igiene personale e una dieta sana .

La terapia di supporto include il trattamento per alleviare i sintomi , la fluidoterapia , il supporto dell'ossigeno e il posizionamento prono e i farmaci o i dispositivi per supportare altri organi vitali colpiti. I casi più gravi possono richiedere un trattamento in ospedale. In quelli con bassi livelli di ossigeno, si raccomanda l'uso del glucocorticoide desametasone , per ridurre la mortalità. La ventilazione non invasiva e, in definitiva, il ricovero in un'unità di terapia intensiva per la ventilazione meccanica possono essere necessarie per supportare la respirazione. L'ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) è stata utilizzata per affrontare il problema dell'insufficienza respiratoria.

I farmaci esistenti come idrossiclorochina , lopinavir/ritonavir , ivermectina e il cosiddetto trattamento precoce non sono raccomandati dalle autorità sanitarie statunitensi o europee. Sono disponibili due terapie a base di anticorpi monoclonali per l'uso precoce nei casi ad alto rischio. Il remdesivir antivirale è disponibile negli Stati Uniti, in Canada, in Australia e in molti altri paesi, con restrizioni variabili; tuttavia, non è raccomandato per l'uso con la ventilazione meccanica ed è del tutto sconsigliato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), a causa delle prove limitate della sua efficacia.

Varianti

Video dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che descrive come le varianti proliferano nelle aree non vaccinate

Diverse varianti sono state nominate dall'OMS ed etichettate come una variante di preoccupazione (VoC) o una variante di interesse (VoI). Condividono la mutazione D614G più infettiva : Delta ha dominato e poi eliminato il precedente VoC dalla maggior parte delle giurisdizioni. La capacità di fuga immunitaria di Omicron può consentirgli di diffondersi tramite infezioni rivoluzionarie , che a loro volta possono consentirgli di coesistere con Delta, che più spesso infetta i non vaccinati.

Varianti
Nome Lignaggio Rilevato Paesi Priorità
Alfa B.1.1.7 UK 190 VoC
Beta B.1.351 Sud Africa 140 VoC
Delta B.1.617.2 India 170 VoC
Gamma P.1 Brasile 90 VoC
Lambda C.37 Perù 30 Voi
Mu B.1.621 Colombia 57 Voi
Omicron B.1.1.529 Botswana 77 VoC

Prognosi

La gravità del COVID-19 varia. La malattia può avere un decorso lieve con pochi o nessun sintomo, simile ad altre comuni malattie delle vie respiratorie superiori come il comune raffreddore . Nel 3-4% dei casi (7,4% per le persone di età superiore ai 65 anni) i sintomi sono sufficientemente gravi da causare il ricovero in ospedale. I casi lievi in ​​genere si riprendono entro due settimane, mentre quelli con malattie gravi o critiche possono richiedere da tre a sei settimane per riprendersi. Tra coloro che sono morti, il tempo dall'inizio dei sintomi alla morte è variato da due a otto settimane. Il tempo di protrombina prolungato e livelli elevati di proteina C-reattiva al momento del ricovero in ospedale sono associati a un decorso grave di COVID-19 e al trasferimento in terapia intensiva.

Strategie

Gli obiettivi di mitigazione includono ritardare e ridurre il carico di picco sull'assistenza sanitaria ( appiattimento della curva ) e ridurre i casi complessivi e l'impatto sulla salute. Inoltre, incrementi progressivamente maggiori della capacità sanitaria ( alzando la linea ), ad esempio aumentando il numero di posti letto, il personale e le attrezzature, contribuiscono a soddisfare l'aumento della domanda.

Molti paesi hanno tentato di rallentare o fermare la diffusione del COVID-19 raccomandando, imponendo o vietando cambiamenti di comportamento, mentre altri si sono affidati principalmente alla fornitura di informazioni. Le misure andavano da avvisi pubblici a severi blocchi. Le strategie di controllo delle epidemie si dividono in eliminazione e mitigazione. Gli esperti distinguono tra strategie di eliminazione (comunemente note come " zero-COVID ") che mirano a fermare completamente la diffusione del virus all'interno della comunità e strategie di mitigazione (comunemente note come " appiattimento della curva ") che tentano di ridurre gli effetti del virus virus sulla società, ma che tollerano comunque un certo livello di trasmissione all'interno della comunità. Queste strategie iniziali possono essere perseguite in modo sequenziale o simultaneo durante la fase dell'immunità acquisita attraverso l'immunità naturale e indotta dal vaccino .

Nature ha riferito nel 2021 che il 90% degli immunologi che hanno risposto a un sondaggio "pensa che il coronavirus diventerà endemico".

Contenimento

Il contenimento è intrapreso per impedire che un focolaio si diffonda nella popolazione generale. Gli individui infetti vengono isolati mentre sono infettivi. Le persone con cui hanno interagito vengono contattate e isolate abbastanza a lungo da garantire che non siano infette o non siano più contagiose. Lo screening è il punto di partenza per il contenimento. Lo screening viene effettuato controllando i sintomi per identificare le persone infette, che possono quindi essere isolate o offerte cure. La strategia Zero-COVID prevede l'utilizzo di misure di salute pubblica come tracciamento dei contatti , test di massa , quarantena dei confini , blocchi e software di mitigazione al fine di fermare la trasmissione comunitaria di COVID-19 non appena viene rilevata, con l'obiettivo di riavere l'area azzerare i contagi rilevati e riprendere le normali attività economiche e sociali. Il contenimento o la soppressione riusciti riduce Rt a meno di 1.

Mitigazione

Se il contenimento fallisce, gli sforzi si concentrano sulla mitigazione: misure adottate per rallentarne la diffusione e limitarne gli effetti sul sistema sanitario e sulla società. Una corretta mitigazione ritarda e diminuisce il picco epidemico, noto come "appiattimento della curva epidemica ". Ciò riduce il rischio di sovraccaricare i servizi sanitari e fornisce più tempo per lo sviluppo di vaccini e trattamenti.

Il comportamento individuale è cambiato in molte giurisdizioni. Molte persone hanno lavorato da casa invece che nei loro luoghi di lavoro tradizionali.

Interventi non farmaceutici

Persona che si lava le mani (igiene)

Gli interventi non farmaceutici che possono ridurre la diffusione includono azioni personali come l' igiene delle mani , l'uso di mascherine e l'auto-quarantena; misure comunitarie volte a ridurre i contatti interpersonali come la chiusura di luoghi di lavoro e scuole e l'annullamento di grandi assembramenti; impegno della comunità per incoraggiare l'accettazione e la partecipazione a tali interventi; nonché misure ambientali come la pulizia delle superfici. Molte di queste misure sono state criticate come teatro dell'igiene .

Altre misure

In varie giurisdizioni sono state tentate azioni più drastiche, come la messa in quarantena di intere popolazioni e severi divieti di viaggio. I blocchi di Cina e Australia sono stati i più severi. La Nuova Zelanda ha implementato le restrizioni di viaggio più severe. La Corea del Sud ha introdotto screening di massa e quarantene localizzate e ha emesso avvisi sui movimenti delle persone infette. Singapore ha fornito supporto finanziario, messo in quarantena e imposto multe salate per coloro che hanno infranto la quarantena.

Tracciamento dei contatti

Il tracciamento dei contatti tenta di identificare i contatti recenti di individui appena infetti e di schermarli per l'infezione; l'approccio tradizionale consiste nel richiedere un elenco di contatti agli infetti, quindi telefonare o visitare i contatti.

Un altro approccio consiste nel raccogliere dati sulla posizione dai dispositivi mobili per identificare coloro che sono entrati in contatto significativo con gli infetti, il che ha sollevato problemi di privacy. Il 10 aprile 2020, Google e Apple hanno annunciato un'iniziativa per il tracciamento dei contatti a tutela della privacy. In Europa e negli Stati Uniti, Palantir Technologies inizialmente forniva servizi di monitoraggio del COVID-19.

Assistenza sanitaria

Un ospedale temporaneo per pazienti COVID-19 in Brasile nel marzo 2021

L'OMS ha descritto l'aumento della capacità e l'adattamento dell'assistenza sanitaria come una mitigazione fondamentale. L'ECDC e l'ufficio regionale europeo dell'OMS hanno pubblicato linee guida per ospedali e servizi di assistenza sanitaria di base per lo spostamento delle risorse a più livelli, inclusa la focalizzazione dei servizi di laboratorio verso i test, l'annullamento di procedure elettive, la separazione e l'isolamento dei pazienti e l'aumento delle capacità di terapia intensiva mediante la formazione del personale e l'aumento dei ventilatori e letti. La pandemia ha portato all'adozione diffusa della telemedicina .

Produzione improvvisata

A causa delle limitazioni delle catene di approvvigionamento della capacità , alcuni produttori hanno iniziato a stampare materiale 3D come tamponi nasali e parti di ventilatori. In un esempio, una startup italiana ha ricevuto minacce legali a causa di una presunta violazione di brevetto dopo il reverse engineering e la stampa di cento valvole di ventilazione richieste durante la notte. Il 23 aprile 2020, la NASA ha riferito di aver costruito, in 37 giorni, un ventilatore che è in fase di ulteriori test. Individui e gruppi di produttori hanno creato e condiviso progetti open source e dispositivi di produzione utilizzando materiali di provenienza locale, cucito e stampa 3D. Sono stati realizzati milioni di visiere , camici protettivi e mascherine. Altre forniture mediche ad hoc includevano copriscarpe, cappucci chirurgici, respiratori a purificazione dell'aria e disinfettante per le mani . Sono stati creati nuovi dispositivi come paraorecchie , caschi

Immunità di gregge

Nel luglio 2021, diversi esperti hanno espresso preoccupazione per il fatto che il raggiungimento dell'immunità di gregge potrebbe non essere possibile perché Delta può trasmettere tra individui vaccinati. Il CDC ha pubblicato dati che mostrano che le persone vaccinate potrebbero trasmettere Delta, qualcosa che i funzionari ritenevano fosse meno probabile con altre varianti. Di conseguenza, l'OMS e il CDC hanno incoraggiato le persone vaccinate a continuare con interventi non farmaceutici come il mascheramento, il distanziamento sociale e la quarantena se esposti.

Storia

2019

Desc-i.svg
Mappa interattiva della sequenza temporale dei casi confermati per milione di persone
(trascinare il cerchio per regolare; potrebbe non funzionare su dispositivi mobili)

L' epidemia è stata scoperta a Wuhan nel novembre 2019. È possibile che la trasmissione da uomo a uomo stesse avvenendo prima della scoperta. Sulla base di un'analisi retrospettiva a partire da dicembre 2019, il numero di casi nell'Hubei è gradualmente aumentato, arrivando a 60 entro il 20 dicembre e ad almeno 266 entro il 31 dicembre.

Un grappolo di polmonite è stato osservato il 26 dicembre e curato dal dottor Zhang Jixian . Ha informato il CDC di Wuhan Jianghan il 27 dicembre. Vision Medicals ha segnalato la scoperta di un nuovo coronavirus al China CDC (CCDC) il 28 dicembre.

Il 30 dicembre, un rapporto di prova di CapitalBio Medlab indirizzato al Wuhan Central Hospital ha riportato un risultato positivo errato per la SARS , costringendo i medici ad allertare le autorità. Otto di quei medici, tra cui Li Wenliang (anch'egli punito il 3

 
gennaio), sono stati successivamente ammoniti dalla polizia per aver diffuso false voci; e Ai Fen fu rimproverato. Quella sera, la Wuhan Municipal Health Commission (WMHC) ha emesso un avviso sul "trattamento della polmonite di causa sconosciuta". Il giorno successivo, WMHC ha reso pubblico l'annuncio, confermando 27 casi, sufficienti per avviare un'indagine.

Il 31 dicembre, l'ufficio dell'OMS in Cina è stato informato dei casi di polmonite e ha immediatamente avviato un'indagine.

Fonti ufficiali cinesi hanno affermato che i primi casi erano per lo più legati al mercato all'ingrosso di frutti di mare di Huanan, che vendeva anche animali vivi. Tuttavia, nel maggio 2020, il direttore del CCDC George Gao ha indicato che il mercato non era l'origine (campioni di animali erano risultati negativi).

2020

Medici cinesi nella città di Huanggang , Hubei, il 20 marzo 2020

L'11 gennaio, l'OMS è stata informata dalla Commissione sanitaria nazionale cinese che l'epidemia era associata a esposizioni nel mercato e che la Cina aveva identificato un nuovo tipo di coronavirus, che ha isolato il 7 gennaio.

Inizialmente, il numero di casi raddoppiava ogni sette giorni e mezzo circa. All'inizio e alla metà di gennaio, il virus si è diffuso in altre province cinesi , aiutato dalla migrazione del capodanno cinese . Wuhan era un hub di trasporto e un importante interscambio ferroviario. Il 10 gennaio il genoma del virus è stato condiviso tramite GISAID . Uno studio retrospettivo pubblicato a marzo ha rilevato che 6.174 persone avevano segnalato sintomi entro il 20 gennaio. Un rapporto del 24 gennaio indicava la trasmissione umana, raccomandava dispositivi di protezione individuale per gli operatori sanitari e sosteneva i test, dato il "potenziale pandemico" dell'epidemia. Il 31 gennaio il primo studio di modellizzazione pubblicato ha avvertito di inevitabili "focolai autosufficienti indipendenti nelle principali città del mondo" e ha chiesto "interventi di salute pubblica su larga scala".

Il 30 gennaio erano state confermate 7.818 infezioni, portando l'OMS a dichiarare l'epidemia un'emergenza sanitaria pubblica di rilevanza internazionale (PHEIC). L'11 marzo l'OMS l'ha elevata a pandemia.

Entro il 31 gennaio, l'Italia ha avuto i suoi primi contagi confermati, in due turisti provenienti dalla Cina. Il 19 marzo l'Italia ha superato la Cina come Paese con il maggior numero di decessi segnalati. Entro il 26 marzo, gli Stati Uniti avevano superato Cina e Italia come Paese con il maggior numero di contagi confermati. L'analisi genomica ha indicato che la maggior parte delle infezioni confermate di New York proveniva dall'Europa, piuttosto che direttamente dall'Asia. I test su campioni precedenti hanno rivelato una persona che è stata infettata in Francia il 27 dicembre 2019 e una persona negli Stati Uniti che è morta a causa della malattia il 6

 
febbraio.

Un paziente in Ucraina nel maggio 2020 indossa una maschera subacquea in assenza di ventilazione artificiale .

Ad aprile la Russia ha inviato un aereo cargo con assistenza medica negli Stati Uniti.

A ottobre, l'OMS ha riferito che una persona su dieci in tutto il mondo potrebbe essere stata infettata, ovvero 780 milioni di persone, mentre erano state confermate solo 35 milioni di infezioni.

Il 9 novembre, Pfizer ha pubblicato i risultati della sperimentazione per un vaccino candidato, che mostra un'efficacia del 90% contro le infezioni. Quel giorno, Novavax ha presentato una domanda Fast Track della FDA per il loro vaccino.

Il 14 dicembre, Public Health England ha riferito che una variante era stata scoperta nel sud-est del Regno Unito, principalmente nel Kent . La variante, in seguito denominata Alpha , ha mostrato modifiche alla proteina spike che potrebbero essere più infettive. Al 13 dicembre erano state confermate 1.108 infezioni.

Una donna anziana si rimbocca la manica mentre due infermiere somministrano un vaccino.
Vaccinazioni in una casa di riposo a Gijón , in Spagna, nel dicembre 2020

Il 4 febbraio 2020, il segretario alla salute e ai servizi umani degli Stati Uniti Alex Azar ha rinunciato alla responsabilità per i produttori di vaccini.

2021

Il 2 gennaio, la variante Alpha , scoperta per la prima volta nel Regno Unito, era stata identificata in 33 paesi.

Il 6 gennaio, la variante Gamma è stata identificata per la prima volta nei viaggiatori giapponesi di ritorno dal Brasile.

Il 29 gennaio, è stato riferito che il vaccino Novavax era efficace al 49% contro la variante Beta in uno studio clinico in Sud Africa. Il vaccino CoronaVac è stato segnalato per essere efficace al 50,4% in uno studio clinico in Brasile.

Il 12 marzo, diversi paesi hanno smesso di usare il vaccino Oxford-AstraZeneca COVID-19 a causa di problemi di coagulazione del sangue, in particolare la trombosi del seno venoso cerebrale (CVST). Il 20 marzo l'OMS e l'Agenzia europea per i medicinali non hanno trovato alcun collegamento con il trombo , portando diversi paesi a riprendere il vaccino.

A marzo l'OMS ha riferito che l'origine più probabile era un ospite animale, senza escludere altre possibilità.

La variante Delta è stata identificata per la prima volta in India. A metà aprile, la variante è stata rilevata per la prima volta nel Regno Unito e due mesi dopo si era trasformata in una terza ondata lì, costringendo il governo a ritardare la riapertura originariamente prevista per giugno.

Il 10 novembre, la Germania ha sconsigliato il vaccino Moderna per le persone sotto i 30 anni.

Il 24 novembre è stata rilevata in Sud Africa la variante Omicron ; pochi giorni dopo l'Organizzazione Mondiale della Sanità lo ha dichiarato un VoC (variante di preoccupazione). La nuova variante è più contagiosa della variante Delta.

2022

Il 1° gennaio, l'Europa ha superato 100 milioni di casi in un'impennata della variante Omicron.

Il 14 gennaio, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato due nuovi trattamenti, Baricitinib e Sotrovimab (anche se a condizioni).

Risposte nazionali

Le reazioni nazionali variavano da severi blocchi all'istruzione pubblica. L'OMS ha raccomandato che il coprifuoco e il blocco siano misure a breve termine per riorganizzare, raggruppare, riequilibrare le risorse e proteggere il sistema sanitario. Al 26 marzo 2020, 1,7 miliardi di persone nel mondo erano sotto una qualche forma di blocco. Questa cifra è aumentata a 3,9 miliardi di persone entro la prima settimana di aprile, più della metà della popolazione mondiale .

Asia

Alla fine del 2021, il picco dell'Asia era arrivato contemporaneamente e allo stesso livello del mondo nel suo insieme, a maggio 2021. Tuttavia, cumulativamente avevano registrato solo la metà della media mondiale.

Un ospedale temporaneo costruito a Wuhan nel febbraio 2020

La Cina ha optato per il contenimento, infliggendo severi blocchi per eliminare la diffusione. I vaccini distribuiti in Cina includevano BIBP , WIBP e CoronaVac . L'11 dicembre 2021 è stato riferito che la Cina aveva vaccinato 1.162 miliardi di cittadini, ovvero l'82,5% della popolazione totale del paese contro il COVID-19. Diverse fonti mettono in dubbio l'accuratezza del bilancio delle vittime della Cina, con alcune che suggeriscono la soppressione intenzionale dei dati.

Il primo caso in India è stato segnalato il 30 gennaio 2020. L'India ha ordinato un blocco nazionale a partire dal 24 marzo 2020, con uno sblocco graduale a partire dal 1 giugno 2020. Sei città hanno rappresentato circa la metà dei casi segnalati : Mumbai , Delhi , Ahmedabad , Chennai , Pune e Calcutta . Una seconda ondata ha colpito l'India nell'aprile 2021, mettendo a dura prova i servizi sanitari. Il 21 ottobre 2021 è stato riferito che il paese aveva superato 1 miliardo di vaccinazioni.

Disinfezione dei treni della metropolitana di Teheran contro la trasmissione del COVID-19. Misure simili sono state adottate anche in altri paesi.

L'Iran ha segnalato i suoi primi casi confermati il ​​19 febbraio 2020 a Qom . Le prime misure includevano la cancellazione di concerti e altri eventi culturali, la preghiera del venerdì e la chiusura dell'istruzione. L'Iran è diventato un centro della pandemia nel febbraio 2020. Più di dieci paesi avevano tracciato i loro focolai in Iran entro il 28 febbraio, indicando un focolaio più grave rispetto ai 388 casi segnalati. Il parlamento iraniano ha chiuso, dopo che 23 dei suoi 290 membri sono risultati positivi il ​​3

 
marzo 2020. Almeno dodici politici e funzionari governativi iraniani in carica o ex iraniani erano morti entro il 17 marzo 2020. Nell'agosto 2021, la quinta ondata della pandemia ha raggiunto il picco, con oltre 400 decessi in 1 giorno.

COVID-19 è stato confermato in Corea del Sud il 20 gennaio 2020. Le basi militari sono state messe in quarantena dopo che i test hanno mostrato tre soldati infetti. La Corea del Sud ha introdotto quello che allora era considerato il programma di screening più grande e meglio organizzato al mondo, isolando le persone infette e rintracciando e mettendo in quarantena i contatti. I metodi di screening includevano l'auto-segnalazione obbligatoria da parte dei nuovi arrivi internazionali tramite un'applicazione mobile, combinata con test drive-through e l'aumento della capacità di test a 20.000 persone al giorno. Nonostante alcune prime critiche, il programma della Corea del Sud è stato considerato un successo nel controllo dell'epidemia senza mettere in quarantena intere città.

Europa

Morti ogni 100.000 residenti

La pandemia globale di COVID-19 è arrivata in Europa con il suo primo caso confermato a Bordeaux , in Francia , il 24 gennaio 2020, e successivamente si è diffusa ampiamente in tutto il continente. Entro il 17 marzo 2020, ogni Paese in Europa aveva confermato un caso e tutti hanno riportato almeno un decesso, ad eccezione della Città del Vaticano . L' Italia è stata la prima nazione europea a sperimentare un grave focolaio all'inizio del 2020, diventando il primo Paese al mondo a introdurre un blocco nazionale . Entro il 13 marzo 2020, l' Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato l'Europa l'epicentro della pandemia e tale è rimasta fino a quando l'OMS non ha annunciato di essere stata superata dal Sud America il 22 maggio. Entro il 18 marzo 2020, oltre 250 milioni di persone erano in isolamento in Europa. Nonostante il dispiegamento dei vaccini contro il COVID-19 , l'Europa è tornata ad essere l'epicentro della pandemia alla fine del 2021.

L'epidemia italiana è iniziata il 31 gennaio 2020, quando due turisti cinesi sono risultati positivi al SARS-CoV-2 a Roma. I casi hanno iniziato a crescere rapidamente, il che ha spinto il governo a sospendere i voli da e per la Cina e dichiarare lo stato di emergenza. Il 22 febbraio 2020 il Consiglio dei ministri ha annunciato un nuovo decreto legge per contenere l'epidemia, mettendo in quarantena oltre 50.000 persone nel nord Italia. Il 4 marzo il governo italiano ha ordinato la chiusura di scuole e università poiché l'Italia ha raggiunto un centinaio di morti. Lo sport è stato sospeso completamente per almeno un mese. L'11 marzo Conte ha interrotto quasi tutte le attività commerciali ad eccezione di supermercati e farmacie. Il 19 marzo l'Italia ha superato la Cina come Paese con il maggior numero di decessi correlati al COVID-19. Il 19 aprile la prima ondata è diminuita, poiché i decessi in 7 giorni sono scesi a 433. Il 13 ottobre, il governo italiano ha nuovamente emesso regole restrittive per contenere la seconda ondata. Il 10 novembre l'Italia ha superato il milione di contagi confermati. Il 23 novembre è stato riferito che la seconda ondata del virus aveva portato alcuni ospedali a smettere di accettare pazienti.

È stato confermato che il virus si è diffuso per la prima volta in Spagna il 31 gennaio 2020, quando un turista tedesco è risultato positivo al SARS-CoV-2 a La Gomera , nelle Isole Canarie. L'analisi genetica post-hoc ha mostrato che almeno 15 ceppi del virus erano stati importati e la trasmissione nella comunità è iniziata a metà febbraio. Il 29 marzo è stato annunciato che, a partire dal giorno successivo, a tutti i lavoratori non essenziali è stato ordinato di rimanere a casa per i successivi 14 giorni. Il numero di casi è nuovamente aumentato a luglio in alcune città tra cui Barcellona , Saragozza e Madrid , il che ha portato alla reimposizione di alcune restrizioni ma nessun blocco nazionale. A settembre 2021, la Spagna era uno dei paesi con la più alta percentuale della sua popolazione vaccinata (76% completamente vaccinato e 79% con la prima dose), pur essendo anche uno dei paesi più favorevoli ai vaccini contro COVID-19 (quasi Il 94% della sua popolazione era già vaccinata o voleva esserlo). Tuttavia, al 21 gennaio 2022, questa cifra era aumentata solo all'80,6%. Tuttavia, la Spagna è al primo posto in Europa per tassi di vaccinazione completa pro capite. L'Italia è al 2° posto con il 75%.

La statua di "Wee Annie" a Gourock , in Scozia, ha ricevuto una maschera durante la pandemia.

La Svezia differiva dalla maggior parte degli altri paesi europei in quanto è rimasta per lo più aperta. Secondo la costituzione svedese, l' Agenzia per la salute pubblica svedese ha un'autonomia che impedisce l'interferenza politica e l'agenzia è favorevole a rimanere aperta. La strategia svedese si è concentrata su misure a più lungo termine, partendo dal presupposto che dopo il lockdown il virus avrebbe ripreso a diffondersi, con lo stesso risultato. Entro la fine di giugno, la Svezia non aveva più un eccesso di mortalità .

La devoluzione nel Regno Unito ha significato che ciascuno dei suoi quattro paesi ha sviluppato la propria risposta. Le restrizioni dell'Inghilterra furono di più breve durata rispetto alle altre. Il governo del Regno Unito ha iniziato ad applicare misure di distanziamento sociale e quarantena il 18 marzo 2020. Il 16 marzo, il primo ministro Boris Johnson ha sconsigliato i viaggi e i contatti sociali non essenziali, elogiando il lavoro da casa ed evitando luoghi come pub, ristoranti e teatri. Il 20 marzo, il governo ha ordinato la chiusura di tutti gli stabilimenti per il tempo libero e ha promesso di prevenire la disoccupazione. Il 23 marzo, Johnson ha vietato gli assembramenti e limitato i viaggi non essenziali e le attività all'aperto. A differenza delle misure precedenti, queste restrizioni erano applicabili dalla polizia attraverso multe e dispersione degli assembramenti. Alla maggior parte delle attività non essenziali è stata ordinata la chiusura. Il 24 aprile 2020 è stato riferito che in Inghilterra era iniziata una promettente sperimentazione sul vaccino; il governo ha impegnato più di 50 milioni di sterline per la ricerca. Il 16 aprile 2020 è stato riferito che il Regno Unito avrebbe avuto il primo accesso al vaccino Oxford, a causa di un contratto precedente; se la prova avesse successo, sarebbero disponibili circa 30 milioni di dosi. Il 2 dicembre 2020, il Regno Unito è diventato il primo paese sviluppato ad approvare il vaccino Pfizer; 800.000 dosi erano immediatamente disponibili per l'uso.

Nord America

Il virus è arrivato negli Stati Uniti il 13 gennaio 2020. Sono stati segnalati casi in tutti i paesi del Nord America dopo che Saint Kitts e Nevis hanno confermato un caso il 25 marzo e in tutti i territori del Nord America dopo che Bonaire ha confermato un caso il 16 aprile.

La nave ospedale USNS Comfort arriva a Manhattan il 30 marzo 2020.

70.495.874 casi confermati sono stati segnalati negli Stati Uniti con 865.968 decessi, la maggior parte di qualsiasi paese e il diciannovesimo più alto pro capite al mondo. COVID-19 è la pandemia più mortale nella storia degli Stati Uniti ; è stata la terza causa di morte negli Stati Uniti nel 2020, dietro a malattie cardiache e cancro. Dal 2019 al 2020, l'aspettativa di vita negli Stati Uniti è diminuita di 3

 
anni per gli ispanici americani, 2,9
 
anni per gli afroamericani e 1,2
 
anni per i bianchi americani. Questi effetti sono persistiti poiché i decessi negli Stati Uniti dovuti al COVID-19 nel 2021 hanno superato quelli del 2020. Negli Stati Uniti, i vaccini COVID-19 sono diventati disponibili nel dicembre 2020, in regime di emergenza, iniziando il programma nazionale di vaccinazione , con il primo vaccino ufficialmente approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) il 23 agosto 2021.

Nel marzo 2020, quando i casi di trasmissione comunitaria sono stati confermati in tutto il Canada , tutte le sue province e territori hanno dichiarato lo stato di emergenza. Province e territori hanno, in varia misura, implementato chiusure di scuole e asili nido, divieti di assembramenti, chiusure di attività non essenziali e restrizioni all'ingresso. Il Canada ha severamente limitato l'accesso alle frontiere, escludendo i viaggiatori provenienti da tutti i paesi con alcune eccezioni. I casi sono aumentati in tutto il Canada, in particolare nelle province della Columbia Britannica , dell'Alberta , del Quebec e dell'Ontario , con la formazione della bolla atlantica , un'area del paese con restrizioni di viaggio (formata dalle quattro province atlantiche ). I passaporti vaccinali sono stati adottati in tutte le province e in due dei territori.

Sud America

Disinfezione dell'area pubblica a Itapevi , Brasile ad aprile 2020

È stato confermato che la pandemia di COVID-19 ha raggiunto il Sud America il 26 febbraio 2020, quando il Brasile ha confermato un caso a San Paolo . Entro il 3 aprile, tutti i paesi e territori del Sud America avevano registrato almeno un caso. Il 13 maggio 2020 è stato riferito che l'America Latina e i Caraibi avevano segnalato oltre 400.000 casi di infezione da COVID-19 con 23.091 decessi. Il 22 maggio 2020, citando il rapido aumento dei contagi in Brasile , l' Organizzazione Mondiale della Sanità OMS ha dichiarato il Sud America l'epicentro della pandemia. Al 16 luglio 2021, il Sud America aveva registrato 34.359.631 casi confermati e 1.047.229 decessi per COVID-19. A causa della carenza di test e strutture mediche, si ritiene che l'epidemia sia molto più grande di quanto mostrano i numeri ufficiali.

È stato confermato che il virus si è diffuso in Brasile il 25 febbraio 2020, quando un uomo di San Paolo che si era recato in Italia è risultato positivo al virus. La malattia si era diffusa in ogni unità federativa del Brasile entro il 21 marzo. Il 19 giugno 2020, il paese ha segnalato il suo milionesimo caso e quasi 49.000 decessi segnalati. Una stima della sotto-segnalazione era del 22,62% della mortalità totale per COVID-19 segnalata nel 2020. Al 24 gennaio 2022, il Brasile, con 23.931.609 casi confermati e 623.191 decessi, ha il terzo numero più alto di casi confermati e il secondo più alto numero di vittime dal COVID-19 nel mondo, dietro solo a quelli degli Stati Uniti e dell'India .

Africa

Il personale dell'aeronautica americana scarica un aereo C-17 che trasporta circa 1.800 kg (4.000 libbre) di forniture mediche a Niamey , in Niger , nell'aprile 2020.

È stato confermato che la pandemia di COVID-19 si è diffusa in Africa il 14 febbraio 2020, con il primo caso confermato annunciato in Egitto . Il primo caso confermato nell'Africa subsahariana è stato annunciato in Nigeria alla fine di febbraio 2020. Nel giro di tre mesi, il virus si era diffuso in tutto il continente, poiché il Lesotho , l'ultimo stato sovrano africano ad essere rimasto libero dal virus, ha riportato un caso il 13 maggio 2020. Entro il 26 maggio sembrava che la maggior parte dei paesi africani stesse sperimentando la trasmissione comunitaria, sebbene la capacità di test fosse limitata. La maggior parte dei casi importati identificati è arrivata dall'Europa e dagli Stati Uniti piuttosto che dalla Cina, dove ha avuto origine il virus. Molte misure preventive sono state implementate da diversi paesi africani, comprese restrizioni di viaggio, cancellazioni di voli e cancellazioni di eventi.

All'inizio di giugno 2021, l'Africa ha dovuto affrontare una terza ondata di infezioni da COVID con casi in aumento in 14 paesi. Entro il 4 luglio il continente ha registrato più di 251.000 nuovi casi di COVID, un aumento del 20% rispetto alla settimana precedente e un aumento del 12% rispetto al picco di gennaio. Più di sedici paesi africani, tra cui Malawi e Senegal, hanno registrato un aumento di nuovi casi. L'Organizzazione Mondiale della Sanità l'ha definita la "peggiore settimana pandemica di sempre" dell'Africa.

Oceania

È stato confermato che la pandemia di COVID-19 ha raggiunto l' Oceania il 25 gennaio 2020 con il primo caso confermato segnalato a Melbourne , in Australia . Da allora si è diffuso altrove nella regione, sebbene molte piccole nazioni insulari del Pacifico abbiano finora evitato l'epidemia chiudendo i loro confini internazionali. Due stati sovrani dell'Oceania ( Nauru e Tuvalu ) e una dipendenza ( Isole Cook ) devono ancora segnalare un caso attivo. L'Australia e la Nuova Zelanda sono state elogiate per la loro gestione della pandemia rispetto ad altre nazioni occidentali, con la Nuova Zelanda e ogni stato dell'Australia che hanno spazzato via più volte tutta la trasmissione del virus nella comunità anche dopo la reintroduzione nella comunità.

Tuttavia, a causa dell'elevata trasmissibilità della variante Delta, nell'agosto 2021 gli stati australiani del New South Wales e del Victoria avevano ammesso la sconfitta nei loro sforzi di eradicazione. All'inizio di ottobre 2021, anche la Nuova Zelanda ha abbandonato la sua strategia di eliminazione.

Antartide

A causa della sua lontananza e della sua scarsa popolazione, l' Antartide è stato l'ultimo continente ad aver confermato casi di COVID-19 ed è stata una delle ultime regioni del mondo colpite direttamente dalla pandemia. I primi casi sono stati segnalati a dicembre 2020, quasi un anno dopo la rilevazione dei primi casi di COVID-19 in Cina. Almeno 36 persone risultano essere state infettate.

Risposte

Lavoratori che scaricano scatole di forniture mediche presso la base aerea di Villamor
Forniture mediche donate ricevute nelle Filippine

La pandemia ha scosso l'economia mondiale, con danni economici particolarmente gravi negli Stati Uniti, in Europa e in America Latina. Un rapporto di consenso delle agenzie di intelligence americane nell'aprile 2021 concludeva: "Gli sforzi per contenere e gestire il virus hanno rafforzato le tendenze nazionaliste a livello globale, poiché alcuni stati si sono rivolti all'interno per proteggere i propri cittadini e talvolta incolpano i gruppi emarginati". Il COVID-19 ha infiammato la partigianeria e la polarizzazione in tutto il mondo mentre sono esplose aspre discussioni su come rispondere. Il commercio internazionale è stato interrotto a causa della formazione di enclavi di divieto di accesso.

Restrizioni di viaggio

La pandemia ha portato molti paesi e regioni a imporre quarantene, divieti d'ingresso o altre restrizioni, sia per i cittadini, che per i viaggiatori recenti nelle aree colpite o per tutti i viaggiatori. I viaggi sono crollati in tutto il mondo, danneggiando il settore dei viaggi. L'efficacia delle restrizioni di viaggio è stata messa in discussione mentre il virus si è diffuso in tutto il mondo. Uno studio ha rilevato che le restrizioni di viaggio hanno influenzato solo modestamente la diffusione iniziale, a meno che non siano combinate con altre misure di prevenzione e controllo delle infezioni . I ricercatori hanno concluso che "le restrizioni di viaggio sono più utili nella fase iniziale e tardiva di un'epidemia" e "le restrizioni di viaggio da Wuhan purtroppo sono arrivate troppo tardi".

L' Unione Europea ha respinto l'idea di sospendere la zona franca Schengen .

Rimpatrio di cittadini stranieri

L'Ucraina evacua cittadini ucraini e stranieri da Wuhan , in Cina.

Diversi paesi hanno rimpatriato i propri cittadini e il personale diplomatico da Wuhan e dintorni, principalmente tramite voli charter . Canada, Stati Uniti, Giappone, India, Sri Lanka, Australia, Francia, Argentina, Germania e Thailandia sono stati tra i primi a farlo. Brasile e Nuova Zelanda hanno evacuato i propri cittadini e altri. Il 14 marzo, il Sud Africa ha rimpatriato 112 sudafricani risultati negativi, mentre quattro che mostravano sintomi sono rimasti indietro. Il Pakistan ha rifiutato di evacuare i suoi cittadini.

e il 21 febbraio il Canada ha evacuato 129 canadesi dalla nave. All'inizio di marzo, il governo indiano ha iniziato a rimpatriare i suoi cittadini dall'Iran. Il 20 marzo gli Stati Uniti hanno iniziato a ritirare alcune truppe dall'Iraq.

Nazioni unite

Nel giugno 2020, il Segretario generale delle Nazioni Unite ha lanciato la risposta globale delle Nazioni Unite al COVID-19. La Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (UNSC) è stata criticata per la sua risposta lenta, soprattutto per quanto riguarda il cessate il fuoco globale delle Nazioni Unite , che mirava ad aprire l'accesso umanitario alle zone di conflitto.

CHI

L'OMS ha guidato iniziative come il COVID-19 Solidarity Response Fund per raccogliere fondi per la risposta alla pandemia, la UN COVID-19 Supply Chain Task Force e il processo di solidarietà per indagare sulle potenziali opzioni di trattamento per la malattia. Il programma COVAX , co-guidato dall'OMS, Gavi e dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), mirava ad accelerare lo sviluppo, la produzione e la distribuzione dei vaccini COVID-19 e a garantire un accesso equo ed equo in tutto il mondo .

Proteste contro le misure del governo

In diversi paesi sono aumentate le proteste contro restrizioni come i blocchi. Uno studio del febbraio 2021 ha rilevato che è probabile che le proteste contro le restrizioni aumentino direttamente la diffusione.

Impatto

Economia

La pandemia e le risposte ad essa danneggiate l'economia globale. Il 27 febbraio, le preoccupazioni per l'epidemia hanno schiacciato gli indici azionari statunitensi, che hanno registrato i cali più bruschi dal 2008.

Il turismo è crollato a causa delle restrizioni di viaggio, della chiusura di luoghi pubblici, comprese le attrazioni di viaggio, e dei consigli dei governi contro i viaggi. Le compagnie aeree hanno cancellato i voli, mentre la compagnia aerea regionale britannica Flybe è crollata. L'industria delle crociere è stata duramente colpita e le stazioni ferroviarie e i porti dei traghetti hanno chiuso. La posta internazionale è stata interrotta o è stata ritardata.

Il settore della vendita al dettaglio ha dovuto affrontare riduzioni degli orari o chiusure dei negozi. I rivenditori in Europa e America Latina hanno dovuto affrontare un calo del traffico del 40%. I rivenditori del Nord America e del Medio Oriente hanno registrato un calo del 50–60%. I centri commerciali hanno subito un calo del 33-43% del traffico pedonale a marzo rispetto a febbraio. Gli operatori dei centri commerciali di tutto il mondo hanno affrontato l'aumento dei servizi igienico-sanitari, l'installazione di scanner termici per controllare la temperatura degli acquirenti e l'annullamento degli eventi.

Centinaia di milioni di posti di lavoro sono stati persi. compresi più di 40 milioni di americani. Secondo un rapporto di Yelp , circa il 60% delle attività commerciali statunitensi che hanno chiuso rimarranno chiuse definitivamente.

L' Organizzazione internazionale del lavoro (ILO) ha riferito che il reddito generato nei primi nove mesi del 2020 dal lavoro in tutto il mondo è diminuito del 10,7%, pari a 3,5 trilioni di dollari.

Scarsità di approvvigionamento

I timori legati al COVID-19 hanno portato al panico nell'acquisto di beni essenziali in tutto il mondo, tra cui carta igienica , noodles secchi e istantanei , pane, riso, verdure, disinfettanti e alcol denaturato (foto scattata a febbraio 2020).

L'epidemia è stata accusata di acquisti presi dal panico , svuotando generi alimentari di beni essenziali come cibo, carta igienica e acqua in bottiglia. L'acquisto di panico derivava dalla minaccia percepita, dalla scarsità percepita, dalla paura dell'ignoto, dal comportamento di coping e da fattori psicologici sociali (ad es . influenza sociale e fiducia).

La carenza di forniture era dovuta all'interruzione delle operazioni di fabbrica e logistiche; le carenze sono state aggravate dalle interruzioni della catena di approvvigionamento dovute alla chiusura di fabbriche e porti e dalla carenza di manodopera.

Le carenze sono continuate poiché i gestori hanno sottovalutato la velocità della ripresa economica dopo il crollo economico iniziale. L'industria tecnologica, in particolare, ha avvertito dei ritardi dovuti alla sottovalutazione della domanda di semiconduttori per veicoli e altri prodotti.

Secondo Adhanom dell'OMS, la domanda di dispositivi di protezione individuale (DPI) è aumentata di cento volte, spingendo i prezzi verso l'alto di venti volte. Le scorte di DPI erano esaurite ovunque.

A settembre 2021, la Banca mondiale ha riferito che i prezzi dei generi alimentari rimangono generalmente stabili e le prospettive dell'offerta rimangono positive. Tuttavia, i paesi più poveri hanno assistito a un forte aumento dei prezzi dei generi alimentari, raggiungendo il livello più alto dall'inizio della pandemia. L'indice dei prezzi delle materie prime agricole si è stabilizzato nel terzo trimestre, ma è rimasto del 17% in più rispetto a gennaio 2021.

Al contrario, i prodotti petroliferi erano in eccedenza all'inizio della pandemia, poiché la domanda di benzina e altri prodotti è crollata a causa della riduzione del pendolarismo e di altri viaggi. La crisi energetica globale del 2021 è stata guidata da un aumento globale della domanda mentre l'economia mondiale si è ripresa. La domanda di energia è stata particolarmente forte in Asia.

Cultura

Un uomo che indossa paramenti viola e in piedi davanti a un altare usa la fotocamera di un cellulare per registrarsi.  I banchi vuoti sono visibili sullo sfondo.
Un cappellano militare cattolico americano si prepara per una messa in diretta streaming in una cappella vuota alla base dell'aeronautica di Offutt nel marzo 2020.

I settori delle arti dello spettacolo e del patrimonio culturale sono stati profondamente colpiti dalla pandemia, con un impatto sulle operazioni delle organizzazioni e sugli individui, sia dipendenti che indipendenti, a livello globale. Entro marzo 2020, in tutto il mondo ea vari livelli, musei, biblioteche, luoghi di spettacolo e altre istituzioni culturali erano stati chiusi a tempo indeterminato con le loro mostre, eventi e spettacoli cancellati o rinviati. Alcuni servizi sono proseguiti attraverso piattaforme digitali, come concerti in live streaming o festival artistici basati sul web.

Politica

Riunione della task force del governo italiano per far fronte all'epidemia di coronavirus, 23 febbraio 2020

La pandemia ha colpito i sistemi politici, provocando la sospensione delle attività legislative, l'isolamento o la morte di politici e la riprogrammazione delle elezioni.

Sebbene abbiano sviluppato un ampio sostegno tra gli epidemiologi, gli NPI (interventi non farmaceutici) sono stati controversi in molti paesi. L'opposizione intellettuale proveniva principalmente da altri campi, insieme a epidemiologi eterodossi.

Il 23 marzo 2020, il segretario generale delle Nazioni Unite António Manuel de Oliveira Guterres ha lanciato un appello per un cessate il fuoco globale; 172 Stati membri delle Nazioni Unite e osservatori hanno firmato una dichiarazione di sostegno non vincolante a giugno e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione a sostegno di essa a luglio.

Cina

Diversi amministratori a livello provinciale del Partito Comunista Cinese sono stati licenziati per la gestione delle misure di quarantena. Alcuni commentatori hanno affermato che questa mossa aveva lo scopo di proteggere il segretario generale del PCC Xi Jinping . La comunità dell'intelligence statunitense ha affermato che la Cina ha intenzionalmente sottostimato il suo carico di lavoro COVID-19. Il governo cinese ha affermato di aver agito in modo rapido e trasparente. Giornalisti e attivisti cinesi che hanno riferito della pandemia sono stati arrestati dalle autorità, tra cui Zhang Zhan , che è stato arrestato e torturato.

Italia

All'inizio di marzo, il governo italiano ha criticato la mancanza di solidarietà dell'UE con l'Italia. Il 22 marzo, dopo una telefonata con il primo ministro italiano Giuseppe Conte , il presidente russo Vladimir Putin ha ordinato all'esercito russo di inviare in Italia medici militari, veicoli per la disinfezione e altre attrezzature mediche. All'inizio di aprile, la Norvegia e gli stati dell'UE come Romania e Austria hanno iniziato a offrire aiuto inviando personale medico e disinfettante, e Ursula von der Leyen ha offerto scuse ufficiali al Paese.

stati Uniti

Diverse centinaia di manifestanti contro il blocco si sono radunati alla Ohio Statehouse il 20 aprile 2020.

L'epidemia ha spinto gli Stati Uniti ad adottare politiche sociali comuni in altri paesi ricchi, tra cui l'assistenza sanitaria universale , l'assistenza universale all'infanzia , il congedo per malattia retribuito e livelli più elevati di finanziamento per la salute pubblica. Alcuni analisti politici hanno affermato che la pandemia ha contribuito alla sconfitta del presidente Donald Trump nel 2020 . A partire da metà aprile 2020, i manifestanti si sono opposti alla chiusura delle attività imposte dal governo e alla limitazione dei movimenti e delle associazioni personali. Allo stesso tempo, i lavoratori essenziali hanno protestato sotto forma di un breve sciopero generale .

Altri paesi

Il numero di giornalisti imprigionati o detenuti è aumentato in tutto il mondo, alcuni legati alla pandemia.

La prevista esercitazione militare NATO " Defender 2020 " in Germania, Polonia e Stati baltici, la più grande esercitazione di guerra NATO dalla fine della Guerra Fredda , si è svolta su scala ridotta.

nel marzo 2015, ha dichiarato un cessate il fuoco.

Le relazioni diplomatiche tra Giappone e Corea del Sud sono peggiorate. La Corea del Sud ha criticato gli "sforzi di quarantena ambigui e passivi" del Giappone dopo che il Giappone ha annunciato che i viaggiatori provenienti dalla Corea del Sud devono mettersi in quarantena per due settimane. La società sudcoreana era inizialmente polarizzata sulla risposta del presidente Moon Jae-in alla crisi; molti coreani hanno firmato petizioni chiedendo l' impeachment di Moon o elogiando la sua risposta.

Alcuni paesi hanno approvato una legislazione di emergenza. Alcuni commentatori hanno espresso preoccupazione per il fatto che potrebbe consentire ai governi di rafforzare la loro presa sul potere. Nelle Filippine, i legislatori hanno concesso al presidente Rodrigo Duterte poteri temporanei di emergenza. In Ungheria, il parlamento ha votato per consentire al primo ministro Viktor Orbán di governare per decreto a tempo indeterminato, sospendere il parlamento e le elezioni e punire coloro che si ritiene abbiano diffuso informazioni false. In paesi come Egitto , Turchia e Thailandia , attivisti dell'opposizione e critici del governo sono stati arrestati per presunta diffusione di notizie false .

In India, i giornalisti che criticavano la risposta del governo sono stati arrestati o hanno lanciato avvertimenti da parte della polizia e delle autorità.

Sistemi alimentari

La pandemia ha sconvolto i sistemi alimentari in tutto il mondo, colpendo in un momento in cui la fame/la denutrizione era in aumento (si stima che 690 milioni di persone non avessero sicurezza alimentare nel 2019). L'accesso al cibo è diminuito, a causa del calo dei redditi, della perdita di rimesse e dell'interruzione della produzione alimentare. In alcuni casi, i prezzi dei generi alimentari sono aumentati.

La pandemia e i relativi blocchi e restrizioni di viaggio hanno rallentato la circolazione degli aiuti alimentari. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, nel 2020 811 milioni di persone erano denutrite, "probabilmente legate alle ricadute del COVID-19".

Formazione scolastica

Gli studenti sostengono gli esami di fine anno a Tabriz , in Iran, durante la pandemia.

La pandemia ha avuto un impatto sui sistemi educativi in ​​molti paesi. Molti governi hanno temporaneamente chiuso gli istituti di istruzione, spesso sostituiti dall'istruzione online . Altri paesi, come la Svezia, hanno mantenuto aperte le loro scuole. A settembre 2020, circa 1.077 miliardi di studenti sono stati colpiti a causa della chiusura delle scuole. La chiusura delle scuole ha avuto un impatto su studenti, insegnanti e famiglie con conseguenze economiche e sociali di vasta portata. Fanno luce su questioni sociali ed economiche, tra cui il debito degli studenti , l'apprendimento digitale , l'insicurezza alimentare e i senzatetto , nonché l'accesso all'assistenza all'infanzia , all'assistenza sanitaria, all'alloggio, a Internet e ai servizi per i disabili . L'impatto è stato più grave per i bambini svantaggiati.

L'Higher Education Policy Institute ha riferito che circa il 63% degli studenti ha affermato che la salute mentale è peggiorata a causa della pandemia.

Salute

La pandemia ha avuto un impatto sulla salute globale per molte altre condizioni. Le visite in ospedale sono diminuite. Le visite per sintomi di infarto sono diminuite del 38%, negli Stati Uniti e del 40% in Spagna. Il capo della cardiologia dell'Università dell'Arizona ha detto: "La mia preoccupazione è che alcune di queste persone muoiono a casa perché hanno troppa paura per andare in ospedale". Le persone con ictus e appendicite avevano meno probabilità di cercare un trattamento. La carenza di forniture mediche ha avuto un impatto su molte persone.

La pandemia ha avuto un impatto sulla salute mentale , aumentando l' ansia , la depressione e il disturbo da stress post-traumatico , colpendo gli operatori sanitari, i pazienti e le persone in quarantena.

Ambiente

Le immagini dell'Osservatorio della Terra della NASA mostrano un netto calo dell'inquinamento a Wuhan , confrontando i livelli di NO 2 all'inizio del 2019 (in alto) e all'inizio del 2020 (in basso).

La pandemia e la reazione ad essa ha avuto un impatto positivo sull'ambiente e sul clima a causa della ridotta attività umana. Durante l'" Antropausa ", il consumo di combustibili fossili è diminuito, il consumo di risorse è diminuito e lo smaltimento dei rifiuti è migliorato, generando meno inquinamento. I viaggi aerei e i trasporti veicolari pianificati sono diminuiti. In Cina, i blocchi e altre misure hanno comportato una riduzione del 26% del consumo di carbone e una riduzione del 50% delle emissioni di ossidi di azoto. Lo scienziato dei sistemi terrestri Marshall Burke ha stimato che due mesi di riduzione dell'inquinamento hanno probabilmente salvato la vita a 77.000 residenti cinesi.

Discriminazione e pregiudizio

In tutto il mondo sono stati documentati accresciuti pregiudizi, xenofobia e razzismo nei confronti delle persone di origine cinese e dell'Asia orientale . I rapporti del febbraio 2020 (quando la maggior parte dei casi confermati era confinata in Cina) citavano sentimenti razzisti sul fatto che i cinesi "meritassero" il virus. I cinesi e altri popoli asiatici nel Regno Unito e negli Stati Uniti hanno segnalato livelli crescenti di abusi e aggressioni. L'ex presidente degli Stati Uniti Trump è stato criticato per aver definito SARS-CoV-2 il "virus cinese" e la "influenza Kung", che altri hanno condannato come razzista e xenofobo.

La discriminazione basata sull'età nei confronti degli anziani è aumentata. Ciò è stato attribuito alla loro vulnerabilità percepita e alle successive misure di isolamento fisico e sociale, che, insieme alla loro ridotta attività sociale, hanno aumentato la dipendenza dagli altri. Allo stesso modo, l'alfabetizzazione digitale limitata ha lasciato gli anziani più vulnerabili all'isolamento, alla depressione e alla solitudine.

Cambiamenti dello stile di vita

La pandemia ha innescato enormi cambiamenti nel comportamento, dall'aumento del commercio su Internet al mercato del lavoro. I rivenditori online negli Stati Uniti hanno registrato vendite per 791,70 miliardi di dollari nel 2020, con un aumento del 32,4% rispetto ai 598,02 miliardi di dollari dell'anno precedente. Gli ordini di consegna a domicilio sono aumentati, mentre i ristoranti al coperto sono stati chiusi a causa di ordini di blocco o scarse vendite. Hacker e cybercriminali/truffatori hanno sfruttato le modifiche per lanciare nuovi attacchi. L'istruzione in alcuni paesi è passata temporaneamente dalla presenza fisica alla videoconferenza. I massicci licenziamenti hanno ridotto la compagnia aerea, i viaggi, l'ospitalità e altri settori.

Disseminazione delle informazioni

La ricerca è indicizzata e ricercabile nel portafoglio NIH COVID-19. Alcune agenzie di giornali hanno rimosso i loro paywall online per alcuni o tutti i loro articoli e post relativi alla pandemia, alcuni editori scientifici hanno reso disponibili documenti relativi alla pandemia con accesso aperto . La quota di articoli pubblicati sui server di prestampa prima della revisione tra pari è aumentata notevolmente.

Disinformazione

La disinformazione e le teorie del complotto sulla pandemia erano diffuse. Hanno viaggiato attraverso i mass media , i social media e i messaggi di testo. L'OMS ha dichiarato una "infodemia" di informazioni errate. I pregiudizi cognitivi, come il saltare alle conclusioni e il pregiudizio di conferma , erano collegati alle convinzioni del complotto.

Guarda anche

Appunti

  1. Alcuni si riferiscono al "tasso di mortalità"; tuttavia il "rapporto di mortalità" è più accurato in quanto non è per unità di tempo.

Riferimenti

Ulteriori letture

Agenzie sanitarie

Directory

Dati e grafici

Riviste mediche