Francesca Benjamin Johnston -
Frances Benjamin Johnston

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Francesca Benjamin Johnston (NPG).jpg
Francesca Benjamin Johnston, 1905
Nato
Francesca Benjamin Johnston

(
1864-01-15
)
15 gennaio 1864
Morto 16 maggio 1952
(1952-05-16)
(88 anni)
cui carriera è durata quasi mezzo secolo. È nota soprattutto per i suoi ritratti, le immagini dell'architettura meridionale e varie serie fotografiche di afroamericani e nativi americani all'inizio del XX secolo.

Primi anni e vita familiare

L'unico figlio sopravvissuto di genitori ricchi e ben collegati che si è stabilito a Washington, DC, Frances Benjamin Johnston è nato a Grafton, West Virginia . Sua madre Frances Antoinette Benjamin era di Rochester, New York , e potrebbe far risalire i suoi antenati al patriota della guerra rivoluzionaria Isaac Clark. Sposò Anderson Doniphan Johnston, di Maysville, Kentucky , il cui padre, il dottor William Bryant Johnston, era nato in Virginia e aveva praticato per decenni a Cincinnati, Ohio . Sebbene suo padre possedesse un ragazzo di colore di 11 anni nel censimento del 1850, Anderson Johnston simpatizzava per l'Unione e Grafton era un deposito chiave della Baltimora e dell'Ohio Railroad , nonché un deposito di pagamento e forniture dell'Unione durante la guerra civile americana.

Sua madre Frances Antoinette Benjamin Johnston sarebbe sopravvissuta a suo marito per quasi due decenni. Ha iniziato nel giornalismo come corrispondente speciale al Congresso e sarebbe stata riconosciuta come una delle prime donne a scrivere di affari nazionali. Ha anche lavorato come critico teatrale sotto il titolo "Ione" per il Baltimore Sun.

I suoi genitori si trasferirono nella capitale nazionale poco dopo la guerra civile, quando era una bambina, forse in parte perché avevano perso tre bambini durante gli anni della guerra. Suo padre iniziò la sua carriera di oltre tre decenni nel governo federale come assistente contabile presso il Dipartimento del Tesoro.

Ritratto di dieci uomini tra cui Anderson D. Johnston (seduto secondo da destra) LCCN98506431

La giovane Frances Benjamin Johnston è cresciuta a Washington, DC , e ha studiato privatamente. Si laureò nel 1883 al Notre Dame del Maryland Collegiate Institute for Young Ladies (si sviluppò in seguito in un college e come Notre Dame della Maryland University). In seguito ha studiato arte all'Académie Julian di Parigi e alla Washington Art Students League.

Carriera

Giovane donna indipendente e volitiva, Johnston ha scritto articoli per periodici prima di trovare il suo sfogo creativo attraverso la fotografia. Le è stata data la sua prima macchina fotografica dall'imprenditore George Eastman , un caro amico di famiglia e inventore delle nuove, più leggere, macchine fotografiche Eastman Kodak e processori cinematografici. Ha ricevuto una formazione in fotografia e tecniche in camera oscura da Thomas Smillie , direttore della fotografia presso lo Smithsonian .

Autoritratto di Johnston, vestito da uomo, con baffi finti e con in mano una bicicletta, ca. 1890.

Scattò ritratti di amici, familiari e personaggi locali prima di lavorare come fotografa freelance e girare l'Europa negli anni Novanta dell'Ottocento. Lì ha usato il suo legame con Smillie per visitare importanti fotografi e raccogliere oggetti per le collezioni del museo. Ha acquisito ulteriore esperienza pratica nel suo mestiere lavorando per la neonata società Eastman Kodak a Washington, DC, inoltrando filmati per lo sviluppo e consigliando ai clienti quando le telecamere avevano bisogno di riparazioni. Nel 1894 aprì il suo studio fotografico a Washington, DC, in V Street tra la 13a e la 14a strada, e all'epoca era l'unica fotografa donna in città. Ha fatto ritratti di molti contemporanei famosi, tra cui la suffragetta Susan B. Anthony , lo scrittore Mark Twain e Booker T. Washington , preside del Tuskegee Institute . Ben collegata alla società d'élite, le riviste le commissionarono ritratti di "celebrità", come il ritratto del matrimonio di Alice Roosevelt . È stata soprannominata la "fotografa della corte americana". Ha fotografato l'ammiraglio Dewey sul ponte della USS Olympia , i figli del presidente Theodore "Teddy" Roosevelt che giocano con il loro pony alla Casa Bianca e i giardini della famosa villa di

Self Portrait (as New Woman ) , un autoritratto del 1896 scattato nel suo studio di Washington, DC
.

Johnston ha anche fotografato Natalie Barney a Parigi, che era una famosa ereditiera americana e socialite da salotto letterario. Forse il suo lavoro più famoso, mostrato qui, è il suo autoritratto come la " Donna Nuova " liberata , con sottogonne in mostra e un boccale di birra in mano. Johnston ha sostenuto il ruolo delle donne nella fiorente arte della fotografia. Il Ladies 'Home Journal pubblicò l'articolo di Johnston nel 1897 di "What a Woman Can Do With a Camera". Con Zaida Ben-Yusuf , Johnston ha co-curato una mostra di fotografie di ventotto donne fotografe all'Esposizione Universale del 1900 a Parigi. Successivamente viaggiò a San Pietroburgo e Mosca nell'impero russo e a Washington, DC . Ha viaggiato molto sulla trentina, scattando una vasta gamma di fotografie documentarie e artistiche di minatori di carbone, lavoratori siderurgici, donne che lavorano nelle fabbriche tessili del New England e marinai tatuati a bordo della nave, così come le sue commissioni sociali. Mentre era in Inghilterra ha fotografato l'attrice teatrale Mary Anderson , amica di sua madre.

.
Johnston nel suo studio, 1896

Ha fotografato eventi come fiere mondiali e firme di trattati di pace. Johnston scattò l'ultimo ritratto del presidente William McKinley , all'Esposizione Panamericana del 1901, poco prima di essere assassinato lì. Con la sua compagna, Mattie Edwards Hewitt , una fotografa freelance di successo di case e giardini, Johnston aprì uno studio a New York nel 1913. Sua madre e sua zia si trasferirono nel suo nuovo appartamento.

Hewitt scrisse lettere d'amore a Johnston nel corso della loro relazione, che sono raccontate in The Woman Behind the Lens: The Life and Work of Frances Benjamin Johnston, 1864–1952. Molte delle prime lettere si concentravano sull'ammirazione di Hewitt per il lavoro di Johnston, ma con il progredire della loro storia d'amore esprimevano sempre più il suo amore: "... quando ho bisogno di te o tu hai bisogno di me - [noi] dobbiamo tenerci sempre più vicini e con la tua mano nella mia, tenendola stretta..."

negli anni '20. All'inizio del 1920 sua madre morì a New York.
Frances Benjamin Johnston Collection/LOC cph.3a47220. Frances Benjamin Johnston, con Maddie (sua madre), davanti a uno sfondo dipinto della Cliff House a San Francisco, California, 1903

Negli anni '20, Johnston si interessò sempre più alla fotografia di architettura. Mentre New York cambiava sotto la pressione dello sviluppo, voleva documentare edifici e giardini che stavano cadendo in rovina o stavano per essere riqualificati e persi. Man mano che la sua attenzione per l'architettura cresceva, si interessò a documentare l'architettura del sud americano. Johnston era interessata a preservare la storia quotidiana del sud americano attraverso la sua arte; ha realizzato questo fotografando fienili, locande e altre strutture ordinarie. Non era interessata a fotografare le grandi case e le piantagioni del sud, ma piuttosto le strutture in rapido deterioramento di queste comunità che ritraevano la vita quotidiana dei comuni meridionali. Le sue fotografie rimangono una risorsa importante per architetti, storici e ambientalisti moderni. Nel 1928 espose una serie di 247 fotografie di Fredericksburg, in Virginia , che spaziavano dai palazzi decadenti dei ricchi alle baracche dei poveri. La mostra era intitolata Pictorial Survey — Old Fredericksburg, Virginia — Old Falmouth and Nearby Places e descritta come "Una serie di studi fotografici sull'architettura della regione datata per tradizione dal periodo coloniale al 1830 circa", e come "An Historical Record and per preservare qualcosa dell'atmosfera di una vecchia città della Virginia."

"Arcady, dove tutte le foglie sono allegre": la casa di Frances Benjamin Johnston, 1132 Bourbon Street, New Orleans, Louisiana

Come risultato di questa mostra, l' Università della Virginia l'ha assunta per documentare i suoi edifici e lo stato della Carolina del Nord le ha commissionato di registrarne la storia architettonica. La Louisiana ha assunto Johnston per documentare il suo enorme inventario di piantagioni in rapido deterioramento. Nel 1933 le fu assegnata una borsa di studio dalla Carnegie Corporation di New York per documentare la prima architettura della Virginia. Ciò ha portato a una serie di sovvenzioni e fotografie in altri otto stati del sud; copie di tutte le sue fotografie di questi progetti sono state date alla Library of Congress per uso pubblico. Nel dicembre 1935, Johnston iniziò un progetto lungo un anno per catturare le strutture storiche dell'era coloniale in Virginia. Questo doveva essere un progetto di un anno, ma si è sviluppato in un progetto ampio di otto anni. Ha viaggiato per 50.000 miglia e ha esaminato 95 contee della Virginia.

Ultimi anni, morte ed eredità

Johnston è stata nominata membro onorario dell'American Institute of Architects per il suo lavoro nella conservazione di edifici vecchi e in via di estinzione. Le sue collezioni sono state acquistate da istituzioni come il Metropolitan Museum of Art , il Virginia Museum of Fine Arts e il Baltimore Museum of Art . Sebbene i suoi viaggi incessanti siano stati ridotti dal razionamento della benzina durante la seconda guerra mondiale , l'instancabile Johnston ha continuato a fotografare. Comprò una casa nel quartiere francese di New Orleans nel 1940 e vi si ritirò nel 1945. Morì a New Orleans nel 1952 all'età di ottantotto anni.

Riferimenti

Ulteriori letture

  • Daniel, Pete & Smock, Raymond (1974). Un talento per i dettagli: le fotografie della signorina Frances Benjamin Johnston 1889–1910. Harmony Books, New York.
  • Frady, Kelsey T. "Frances Benjamin Johnston: immaginare la nuova donna attraverso la fotografia". Tesi di laurea magistrale (Università dell'Alabama, 2012).
  • Berch, Bettina (2000). La donna dietro l'obiettivo: Frances Benjamin Johnston, 1864–1952. Stampa dell'Università della Virginia.
  • Robinson, Edward (2006). Frances Benjamin Johnston: I primi anni, 1889-1904. Ph.D., Università di Oxford, Pembroke College.