Khan Jamal -
Khan Jamal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Nome di nascita
Warren Robert Cheeseboro
Nato
(
1946-07-23
)
23 luglio 1946
Jacksonville, Florida , Stati Uniti
Morto 10 gennaio 2022
(2022-01-10)
(75 anni)
Filadelfia , Pennsylvania , Stati Uniti
generi Jazz
Strumenti vibrafono , marimba , percussioni
anni attivi
1960-2022
Etichette SteepleChase
Atti associati
Byard Lancaster , Sunny Murray
".

Primi anni di vita

Warren Robert Cheeseboro è nato a Jacksonville, in Florida , il 23 luglio 1946. Suo padre, Henry McCloud, lavorava come imprenditore; sua madre, Willa Mae Cheeseboro, era una stride pianista . È cresciuto a Filadelfia e ha iniziato a suonare il vibrafono durante l'ultima parte della sua adolescenza a metà degli anni '60. Jamal ha frequentato la Granoff School of Music e il Combs College of Music .

Carriera

Jamal suonò per la prima volta per un gruppo chiamato Cosmic Forces durante la seconda parte degli anni '60. Ha anche suonato con The Sun Ra Arkestra . Dopo aver lasciato il gruppo, ha collaborato con molti altri dei suoi ex membri per suonare con il gruppo di Sunny Murray Untouchable Factor.

Jamal in seguito ha co-fondato Sounds of Liberation con Byard Lancaster nel 1970. I suoi membri includevano Monnette Sudler (chitarra), Billy Mills (basso), Dwight James (batteria) e Omar Hill e Rashid Salim (percussioni). La band pubblicò il suo unico album due anni dopo, intitolato New Horizons , utilizzando la propria etichetta discografica Dogtown. Tuttavia, la sua popolarità era limitata a Filadelfia. L'album è stato infine ristampato su Porter Records nel 2010. Ciò ha dato al gruppo una nuova prospettiva di vita, culminando nel riemergere di una registrazione effettuata alla Columbia University nel 1973. Alla fine è stato pubblicato nel 2019 come Unreleased su Dogtown/Brewerytown.

Oltre a dirigere i suoi gruppi, Jamal si è esibito con la Decoding Society di Ronald Shannon Jackson negli anni '80, Joe Bonner , Billy Bang , Charles Tyler e altri. Il suo primo album da solista è stato Drum Dance to the Motherland , una registrazione dal vivo che si è tenuta in un piccolo caffè nella sua città natale e pubblicata per la prima volta nel 1973. È stata ristampata da Eremite Records nel 2020, con l'etichetta che lo descrive come "il più leggendario stampa disco jazz underground degli anni '70". Un altro album solista di Jamal, Infinity (1984), è stato ristampato da Jazz Room nel 2021 e soprannominato "spiritual jazz" da WBGO .

Lo stile di Jamal collegava le due forme contrastanti di free jazz e jazz fusion . Era anche noto per la sua abilità nel cambiare modalità e stati d'animo, nonché per il suo modo versatile nei confronti della musica. Si è esibito frequentemente al Vision Festival .

Vita privata

Jamal aveva due figli: Khan II e Tahir. Morì il 10 gennaio 2022 al Chestnut Hill Hospital di Filadelfia . Aveva 75 anni e soffriva di insufficienza renale prima della sua morte.

Discografia

Nome Anno Pubblicazione
Drum Dance alla Patria 1972 Città dei Cani
Dai un po' di vibrazioni 1974 Palma 10
Il fiume 1978 Philly Jazz 1002, con Bill Lewis
Infinito 1984 Con'brio 001; scorta 278; Jambrio 1001; Sala Jazz 006
Guerriero oscuro 1984 SteepleChase
Tre 1985 SteepleChase con Pierre Dørge, Johnny Dyani
Il viaggiatore 1985 SteepleChase
Ti penso 1986 Storyville 4138
Parla facile 1988 Gazzella 4001
Non prendere No! 1989 Stash ST-CD-20
Percussioni e archi 1997 CIMP
Canto Cubano 2000 Jambrio 1002
Ballo Balafon 2002 CIMP
fresco 2002 Jambrio 1008
Niente è sbagliato 2003 CIMP con il Papa Odeano
Consapevolezza nera 2005 CIMP
Ritorno dall'esilio 2005 Discografia 6124582
Fuoco e Acqua 2007 CIMP con Dylan Taylor al basso
Impressioni di Coltrane 2009 SteepleChase

Riferimenti

  1. Wynn, Ron (1994), Ron Wynn (a cura di), All Music Guide to Jazz , M. Erlewine, V. Bogdanov, San Francisco: Miller Freeman, pp.  370–371 , ISBN 978-0-87930-308-2
  • Chinen, Nate (11 gennaio 2022). "Khan Jamal, vibrafonista che ha unito free jazz e fusion in una vena spirituale, è morto a 75 anni" . WBGO
    . Estratto
    il 13 gennaio
    2022
    .
  • Cook, Richard ; Brian Morton (2008) [1992]. La guida dei pinguini alle registrazioni jazz . The Penguin Guide to Jazz (9a ed.). New York: Pinguino. pp. 762–763. ISBN 978-0-14-103401-0.
  • Ruiz, Matthew Ismael (12 gennaio 2022). "Khan Jamal, vibrafonista che ha unito free jazz e fusion in una vena spirituale, è morto a 75 anni" . Forcone
    . Estratto
    il 13 gennaio
    2022
    .
  • Laing, Ralph (1981). Jazz Records: le etichette specializzate . 2 . Jazzmedia. P. 413. ISBN 978-87-88043-01-3.
  • Signore, Tom (1992). La discografia jazz . Riferimento di Lord Music. P. J-86. ISBN 978-1-881993-01-8.
  • "Khan Jamal - Riconoscimenti" . Tutta la musica
    . Estratto
    il 12 gennaio
    2022
    .