MPLA -
MPLA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Abbreviazione MPLA
Presidente João Lourenço
Segretario generale
Álvaro de Boavida Neto
Fondatore Agostinho Neto , Viriato da Cruz
Fondato
Fusione di PLUA , MINE e PCA
Sede centrale Luanda , Angola
Giornale Giornale dell'Angola
Ala giovanile Giovani dell'MPLA
Ala femminile Organizzazione delle donne angolane
Ala paramilitare
Ideologia Dal 1991:
socialdemocrazia
1977–1991:
comunismo
marxismo–leninismo
nazionalismo di sinistra
Posizione politica Dal 1991:
centrosinistra a sinistra
1977–1991:
estrema sinistra
Affiliazione internazionale Internazionale socialista
Affiliazione africana Ex movimenti di liberazione dell'Africa australe
Slogan Pace, Lavoro e Libertà
Assemblea nazionale
150/220
SADC PF
0 / 5
Parlamento panafricano
0 / 5
Simbolo elettorale
MPLA logo.png
Bandiera del partito
Movimento Popular de Libertação de Angola (bandeira).svg
Sito web

Il Movimento Popolare per la Liberazione dell'Angola , da alcuni anni chiamato Movimento Popolare per la Liberazione dell'Angola – Partito Laburista ( portoghese : Movimento Popular de Libertação de Angola – Partido do Trabalho , MPLA ), è un partito politico di sinistra dell'Angola . L'MPLA ha combattuto contro l' esercito portoghese nella guerra d'indipendenza dell'Angola dal 1961 al 1974 e ha sconfitto l'Unione nazionale per l'indipendenza totale dell'Angola ( UNITA ) e il Fronte di liberazione nazionale dell'Angola (FNLA) nella guerra civile angolana . Il partito ha governato l'Angola dall'indipendenza del paese dal Portogallo nel 1975, essendo il governo de facto durante la guerra civile e il governo dalla sua fine.

Formazione

(FDLA). (FAPLA). La FAPLA divenne in seguito le forze armate nazionali del paese.

Nel 1961, l'MPLA si unì al Partito Africano per l'Indipendenza della Guinea e Capo Verde (PAIGC), il suo partito fraterno in Guinea-Bissau e Capo Verde , in combattimento diretto contro l' impero portoghese in Africa. L'anno successivo, il gruppo ombrello allargato Conferenza delle organizzazioni nazionaliste delle colonie portoghesi (CONCP) ha sostituito FRAIN, aggiungendo FRELIMO del Mozambico e il CLSTP, precursore del Movimento per la liberazione di São Tomé e Príncipe (MLSTP).

All'inizio degli anni '70, le attività di guerriglia dell'MPLA furono sempre più ridotte, a causa delle campagne di contro-insurrezione dell'esercito portoghese . Allo stesso tempo, i conflitti interni provocarono la divisione temporanea del movimento in tre fazioni (Ala Presicencialista, Revolta Activa e Revolta do Leste), una situazione che fu superata nel 1974/75, ma sfregiava il partito.

Indipendenza e guerra civile

La rivoluzione dei garofani a Lisbona , in Portogallo , nel 1974 ha istituito un governo militare che ha prontamente cessato i combattimenti contro l'indipendenza in Angola e ha accettato di cedere il potere a una coalizione di tre movimenti indipendentisti angolani. La coalizione si sciolse rapidamente e l'Angola, da poco indipendente, entrò in uno stato di guerra civile . Mantenendo il controllo su Luanda e sui redditizi giacimenti petroliferi della costa atlantica, Agostinho Neto , il leader dell'MPLA, dichiarò l'indipendenza della provincia portoghese d'oltremare dell'Angola come Repubblica popolare dell'Angola l'11 novembre 1975 in conformità con gli accordi di Alvor . UNITA e FNLA insieme hanno dichiarato l'indipendenza dell'Angola a Huambo . Queste differenze hanno riacceso la guerra civile tra UNITA & FNLA e MPLA, con quest'ultimo che ha vinto il sopravvento. Agostinho Neto divenne il primo presidente dopo l'indipendenza, e dopo la sua morte gli successe José Eduardo dos Santos nel 1979.

Manifesto dell'MPLA. Lo slogan si traduce come "La vittoria è certa".

Nel 1974-1976, Sud Africa e Zaire intervennero militarmente a favore di FNLA e UNITA e gli Stati Uniti aiutarono pesantemente i due gruppi. Cuba a sua volta è intervenuta nel 1975 per aiutare l'MPLA contro l'intervento sudafricano, con l' Unione Sovietica che ha aiutato sia Cuba che il governo dell'MPLA durante la guerra. Nel novembre 1980, l'MPLA aveva quasi spinto l'UNITA nella boscaglia e le forze sudafricane si ritirarono. Il Congresso degli Stati Uniti ha vietato un ulteriore coinvolgimento militare degli Stati Uniti nel paese contro la volontà del presidente Ronald Reagan , temendo una situazione simile alla guerra del Vietnam . Nel 1976 l'FNLA ritirò le sue truppe nelle basi dello Zaire, mentre una parte di esse si unì al 32° Battaglione formato dal Sud Africa per ricevere gli angolani anti-MPLA.

Al suo primo congresso nel 1977, l'MPLA adottò il marxismo-leninismo come ideologia del partito e aggiunse Partido do Trabalho (Partito laburista) al suo nome.

. Diverse migliaia di soldati cubani sono rimasti nel paese per combattere i combattenti dell'UNITA e rafforzare la sicurezza del regime.

Quando la Guerra Fredda finì, l'MPLA abbandonò la sua ideologia marxista-leninista e dichiarò la socialdemocrazia come sua ideologia ufficiale nel suo terzo congresso nel dicembre 1991.

L'MPLA è emerso vittorioso alle elezioni generali in Angola del 1992, ma otto partiti di opposizione hanno respinto le elezioni in quanto truccate. L'UNITA ha inviato negoziatori a Luanda, dove sono stati uccisi. Di conseguenza, le ostilità scoppiarono in città e si diffusero immediatamente in altre parti del paese. Decine di migliaia di simpatizzanti dell'UNITA e dell'FNLA furono successivamente uccisi a livello nazionale dalle forze dell'MPLA, in quello che è noto come il massacro di Halloween , e la guerra civile riprese. La guerra è continuata fino al 2002, quando il leader dell'UNITA Jonas Savimbi è stato ucciso. Le due parti hanno prontamente concordato un cessate il fuoco ed è stato elaborato un piano per la smobilitazione dell'UNITA e per diventare un partito politico. Oltre 500.000 civili sono stati uccisi durante la guerra civile. Osservatori dei diritti umani finanziati dal Regno dell'Arabia Saudita hanno accusato l'MPLA di "atrocità genocide", "sterminio sistematico", "crimini di guerra" e "crimini contro l'umanità durante la guerra civile". Il politologo Rudolph Rummel ha stimato che l'MPLA è stato responsabile tra 100.000 e 200.000 morti per democidio dal 1975 al 1987.

Documento sui diritti umani

Il governo dell'MPLA dell'Angola è stato accusato di violazioni dei diritti umani come arresti e detenzioni arbitrarie e torture da parte di organizzazioni internazionali, tra cui Amnesty International e Human Rights Watch . In risposta, il governo dell'MPLA ha assunto Samuels International Associates Inc nel 2008 per contribuire a migliorare l'immagine globale dell'Angola.

Organizzazioni di partito

Attualmente, le principali organizzazioni di massa dell'MPLA-PT includono l' Organizzazione delle donne angolane ( Organização da Mulher Angolana ), l'Unione nazionale dei lavoratori angolani ( União Nacional dos Trabalhadores Angolanos ), l'Organizzazione dei pionieri di Agostinho Neto ( Organização de Pioneiros de Agostinho Neto ) e le Giovanili dell'MPLA ( Juventude do MPLA ).

Sostegno estero

Sia durante la guerra coloniale portoghese che durante la guerra civile angolana , l'MPLA ha ricevuto supporto militare e umanitario principalmente dai governi di Algeria , Repubblica popolare bulgara , Germania orientale , Isole di Capo Verde , Repubblica socialista cecoslovacca , Congo , Cuba , Guinea-Bissau , Marocco , Repubblica popolare mozambicana , Nigeria , Corea del Nord , Repubblica popolare polacca , Cina , Repubblica socialista rumena , São Tomé e Príncipe , Somalia , Unione Sovietica , Sudan , Tanzania , Libia e Jugoslavia SFR . Sebbene la Cina abbia sostenuto brevemente l'MPLA, ha anche sostenuto attivamente i nemici dell'MPLA, l'FNLA e successivamente l'UNITA, durante la guerra per l'indipendenza e la guerra civile. Il passaggio è stato il risultato delle tensioni tra Cina e Unione Sovietica per il dominio del blocco comunista, che hanno quasi portato alla guerra.

Storia elettorale

Nelle elezioni del 1992 , MPLA-PT ha ottenuto il 53,74% dei voti e 129 seggi su 227 in parlamento; tuttavia, otto partiti di opposizione hanno respinto le elezioni del 1992 in quanto truccate . Nelle prossime elezioni , rinviate al 2008 a causa della guerra civile, l'MPLA ha ottenuto l'81,64% dei voti e 191 seggi parlamentari su 220. Nelle elezioni legislative del 2012 , il partito ha ottenuto il 71,84% dei voti e 175 dei 220 seggi parlamentari.

Elezioni presidenziali

Elezione Candidato di partito Voti % Risultato
1992 José Eduardo dos Santos 1.953.335 49,57% Eletto Segno di spunta verde
Y

Elezioni dell'Assemblea Nazionale

Elezione Voti % Sedili +/– Posizione Risultato
1980 100%
229 / 229
Aumento 229 Aumento Governo statale a partito unico
1986
173/289
Diminuire 56 Costante Governo di maggioranza
1992 2.124.126 53,7%
129/220
Diminuire 44 Costante Governo di maggioranza
2008 5.266.216 81,6%
191/220
Aumento 62 Costante Governo di maggioranza
2012 4.135.503 71,8%
175/220
Diminuire 16 Costante Governo di maggioranza
2017 4.907.057 61,1%
150/220
Diminuire 25 Costante Governo di maggioranza

  • Nel 1976, il cantante reggae Tapper Zukie ha dedicato la canzone e l'album intitolato " MPLA " al movimento.
  • Pablo Moses ha dedicato la canzone "We Should be in Angola" (che è apparsa nel suo album Revolutionary Dream ) all'MPLA.
  • La band reggae The Revolutionaries ha dedicato un esteso disco dub mix al movimento intitolato " MPLA ", registrato su Channel One , ingegnerizzato da King Tubby e pubblicato dall'etichetta "Well Charge". La linea di basso e il ritmo erano basati su "Freedom Blues" di Little Richard . The Revolutionaries ha anche pubblicato un discomix esteso intitolato " Angola ". Entrambi i brani sono stati successivamente pubblicati nell'album Revolutionary Sounds con Sly e Robbie .
  • Il videogioco Call of Duty: Black Ops 2 presenta un livello in cui il giocatore ha combattuto insieme all'UNITA e Jonas Savimbi contro l'MPLA.

Guarda anche

Riferimenti

Ulteriori letture

  • David Birmingham, Una breve storia dell'Angola moderna , Hurst 2015.
  • Inge Brinkmann, War, Witches and Traitors: Cases from the MPLA's Eastern Front in Angola (1966–1975) , Journal of African History , 44, 2003, pp. 303–325
  • Mario Albano, Angola: una rivoluzione in marcia , Jaca Book, Milano, 1972
  • Lúcio Lara, Um amplo movimento: Itinerário do MPLA através de documentos e annotações , vol. I, Até Fevereiro de 1961 , 2ª ed., Luanda: Lúcio & Ruth Lara, 1998, vol. II, 1961-1962 , Luanda: Lúcio Lara, 2006, vol. III, 1963-1964 , Luanda: Lúcio Lara, 2008