Mu'awiya I -
Mu'awiya I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

معاوية
Califfo del Califfato Omayyade
Regno gennaio 661 - aprile 680
Predecessore
Successore Yazid I
Governatore della Siria
In ufficio 639–661
Predecessore Yazid ibn Abi Sufyan
Successore Posta interrotta
Nato C.
 597–605 La

Mecca , Hejaz , Arabia
Morto Aprile 680 (75–83 circa)
Damasco , Califfato omayyade
Sepoltura
Bab al-Saghir , Damasco
Sposa
Problema
Nomi
Muʿāwiya ibn Abī Sufyān
(
معاوية ابن أبي سفيان
)
Casa Sufyanid Dinastia Omayyade Padre Abu Sufyan ibn Harb Madre Hind bint Utba Religione Islam

Mu'awiya I ( arabo :

معاوية بن أبي سفيان
, romanizzatoMuʿāwiya ibn Abī Sufyān ; c.
 597, 603 o 605
- aprile 680) fu il fondatore e primo califfo del Califfato omayyade , governando dal 661 fino alla sua morte. Divenne califfo meno di trent'anni dopo la morte del profeta islamico Maometto e subito dopo i quattro califfi Rashidun ("giustamente guidati"). A differenza dei suoi predecessori, che erano stati primi e intimi compagni di Maometto , Mu'awiya fu un seguace relativamente recente del profeta islamico.

Mu'awiya e suo padre Abu Sufyan si erano opposti a Maometto, il loro lontano parente Qurayshita e in seguito cognato di Mu'awiya, fino a quando Maometto conquistò la Mecca nel 630. Successivamente, Mu'awiya divenne uno degli scribi di Maometto . Fu nominato dal califfo Abu Bakr (

r . 632–634
) vice comandante nella conquista della Siria . Salì di grado attraverso il califfato di Umar (
r . 634–644
) fino a diventare governatore della Siria durante il regno del suo parente omayyade , il califfo Uthman (
r . 644–656
). Si alleò con la potente tribù Banu Kalb della provincia , sviluppò le difese delle sue città costiere e diresse lo sforzo bellico contro l' Impero Bizantino , comprese le prime campagne navali musulmane. In risposta all'assassinio di Uthman nel 656, Mu'awiya prese la causa della vendetta del califfo e si oppose al suo successore, Ali . Durante la prima guerra civile musulmana , i due portarono i loro eserciti a una situazione di stallo nella battaglia di Siffin nel 657, provocando una serie fallita di colloqui arbitrali per risolvere la controversia. In seguito, Mu'awiya ottenne il riconoscimento come califfo dai suoi sostenitori siriani e dal suo alleato Amr ibn al-As , che conquistò l'Egitto dal governatore di Ali nel 658. Dopo l' assassinio di Ali nel 661, Mu'awiya costrinse il figlio e successore di Ali, Hasan , ad abdicare e la sovranità di Mu'awiya fu riconosciuta in tutto il Califfato.

A livello nazionale, Mu'awiya faceva affidamento sulle tribù arabe siriane lealiste e sulla burocrazia siriana dominata dai cristiani. È accreditato di aver istituito dipartimenti governativi responsabili del percorso postale , della corrispondenza e della cancelleria. Fu il primo califfo il cui nome apparve su monete, iscrizioni o documenti del nascente impero islamico. Esternamente, ingaggiò le sue truppe in incursioni terrestri e marittime quasi annuali contro i Bizantini, incluso un fallito assedio di Costantinopoli , anche se verso la fine del suo regno la marea si capovolse contro gli arabi e chiese una tregua. In Iraq e nelle province orientali, ha delegato l'autorità ai potenti governatori al-Mughira e Ziyad ibn Abi Sufyan , l'ultimo dei quali ha adottato polemicamente come suo fratello. Sotto la direzione di Mu'awiya, la conquista musulmana di Ifriqiya (Nord Africa centrale) fu lanciata dal comandante Uqba ibn Nafi nel 670, mentre furono riprese le conquiste in Khurasan e Sijistan sulla frontiera orientale.

, Mu'awiya è insultato per essersi opposto ad Ali, accusato di aver avvelenato suo figlio Hasan e ritenuto di aver accettato l'Islam senza convinzione.

Origini e primi anni di vita

Una mappa della crescita del Califfato in diverse fasi. Quando il profeta islamico Maometto morì nel 632, l'Islam si era diffuso in tutta l' Arabia (ombreggiato in verde)
, era un membro dei Banu Abd Shams.

Nel 624, Maometto ei suoi seguaci tentarono di intercettare una carovana meccana guidata dal padre di Mu'awiya al suo ritorno dalla Siria, spingendo Abu Sufyan a chiedere rinforzi. L'esercito di soccorso Qurayshita fu messo in rotta nella successiva battaglia di Badr , in cui furono uccisi il fratello maggiore di Mu'awiya, Hanzala, e il loro nonno materno, Utba ibn Rabi'a . Abu Sufyan sostituì il capo ucciso dell'esercito meccano, Abu Jahl , e guidò i meccani alla vittoria contro i musulmani nella battaglia di Uhud nel 625. Dopo il suo abortito assedio di Maometto a Medina nella battaglia della trincea nel 627, perse la sua posizione di leadership tra i Quraysh.

Il padre di Mu'awiya non partecipò ai negoziati di tregua a Hudaybiyya tra i Quraysh e Maometto nel 628. L'anno successivo, Maometto sposò la sorella vedova di Mu'awiya, Umm Habiba, che aveva abbracciato l'Islam quindici anni prima. Il matrimonio potrebbe aver ridotto l'ostilità di Abu Sufyan nei confronti di Maometto e Abu Sufyan negoziò con lui a Medina nel 630 dopo che i confederati dei Quraysh avevano violato la tregua di Hudaybiyya. Quando Maometto conquistò la Mecca nel 630, Mu'awiya, suo padre e suo fratello maggiore Yazid abbracciarono l'Islam. Secondo i resoconti citati dai primi storici musulmani al-Baladhuri e Ibn Hajar , Mu'awiya era diventato segretamente un musulmano dal tempo dei negoziati di Hudaybiyya. Nel 632 l'autorità musulmana si estese in tutta l' Arabia con Medina come sede del governo musulmano. Come parte degli sforzi di Maometto per riconciliarsi con i Quraysh, Mu'awiya fu nominato uno dei suoi kātib (scribi), essendo uno dei diciassette membri alfabetizzati dei Quraysh in quel momento. Abu Sufyan si trasferì a Medina per mantenere la sua ritrovata influenza nella nascente comunità musulmana .

Governatorato della Siria

Inizio carriera militare e promozioni amministrative

Una mappa con aree ombreggiate che mostra l'espansione dell'impero islamico in sovrapposizione che mostra i confini dei paesi moderni
Mappa della regione della Siria nei primi decenni del dominio islamico

Dopo la morte di Maometto nel 632, Abu Bakr divenne califfo (leader della comunità musulmana). Lui ei suoi successori Umar , Uthman e Ali sono spesso conosciuti come i califfi Rashidun ("giustamente guidati") per distinguerli da Mu'awiya e dai suoi successori dinastici omayyadi . Dovendo affrontare le sfide alla sua guida da parte degli Ansar , i nativi di Medina che avevano fornito a Maometto un rifugio sicuro dai suoi ex oppositori meccani e le defezioni di massa di diverse tribù arabe , Abu Bakr ha contattato i Quraysh, in particolare i suoi due clan più forti , il Banu Makhzum e il Banu Abd Shams, per sostenere il Califfato. Tra quei Qurayshiti che nominò per sopprimere le tribù arabe ribelli durante le guerre di Ridda (632–633) c'era il fratello di Mu'awiya, Yazid. Successivamente, fu inviato come uno dei quattro comandanti incaricati della conquista musulmana della Siria bizantina nel c.

 634
. Il califfo nominò Mu'awiya comandante dell'avanguardia di Yazid. Attraverso queste nomine Abu Bakr diede alla famiglia di Abu Sufyan una partecipazione nella conquista della Siria, dove Abu Sufyan già possedeva proprietà nelle vicinanze di Damasco .

.

Le successive promozioni dei figli di Abu Sufyan contraddicevano gli sforzi di Umar per ridurre altrimenti l'influenza dell'aristocrazia Qurayshita nello stato musulmano a favore dei primi musulmani convertiti (cioè i gruppi Muhajirun e Ansar). Secondo lo storico Leone Caetani , questo trattamento eccezionale derivava dal rispetto personale di Umar per gli Omayyadi , il ramo dei Banu Abd Shams a cui apparteneva Mu'awiya. Ciò è messo in dubbio dallo storico Wilferd Madelung , il quale ipotizza che Umar avesse poca scelta, a causa della mancanza di un'alternativa adeguata a Mu'awiya in Siria e della pestilenza in atto nella regione, che precludeva lo schieramento di comandanti più preferibili a Umar da Medina.

Dopo l'adesione del califfo Uthman (

r . 644–656
), il governatorato di Mu'awiya fu ampliato per includere la Palestina, mentre un compagno di Maometto, Umayr ibn Sa'd al-Ansari , fu confermato governatore del distretto di Homs-Jazira. Alla fine del 646 o all'inizio del 647, Uthman assegnò il distretto di Homs-Jazira al governatorato siriano di Mu'awiya, aumentando notevolmente la manodopera militare a sua disposizione.

Consolidamento del potere locale

Durante il regno di Uthman, Mu'awiya si alleò con i Banu Kalb , la tribù predominante nella steppa siriana che si estendeva dall'oasi di Dumat al-Jandal a sud fino agli avvicinamenti di Palmira e il componente principale della confederazione Quda'a presente in tutta la Siria. Medina corteggiò costantemente il Kalb, che era rimasto per lo più neutrale durante le guerre arabo-bizantine, in particolare dopo che le suppliche del governo centrale ai principali alleati arabi dei bizantini, i cristiani Ghassanidi , furono respinte. Prima dell'avvento dell'Islam in Siria, il Kalb e il Quda'a, a lungo sotto l'influenza della cultura greco-aramaica e della chiesa monofisita , avevano servito Bisanzio come subordinati dei suoi re clienti Ghassanidi per proteggere la frontiera siriana dalle invasioni dei sasanidi Persiani e clienti arabi di quest'ultimo, i Lakhmidi . Quando i musulmani entrarono in Siria, il Kalb e il Quda'a avevano accumulato una significativa esperienza militare ed erano abituati all'ordine gerarchico e all'obbedienza militare. Per sfruttare la loro forza e quindi assicurarsi il suo punto d'appoggio in Siria, Mu'awiya consolidò i legami con la casa regnante di Kalb, il clan di Bahdal ibn Unayf , sposando la figlia di quest'ultimo Maysun nel c.

 650
. Ha anche sposato la cugina paterna di Maysun, Na'ila bint Umara, per un breve periodo.

La dipendenza di Mu'awiya dalle tribù arabe siriane native è stata aggravata dal pesante tributo inflitto alle truppe musulmane in Siria dalla peste di Amwas, che ha fatto diminuire il numero delle truppe da 24.000 nel 637 a 4.000 nel 639. Inoltre, l'obiettivo di Arabian la migrazione tribale era verso il fronte sasanide in Iraq . Mu'awiya ha supervisionato una politica di reclutamento liberale che ha portato un numero considerevole di tribù cristiane e contadini di frontiera a riempire i ranghi delle sue forze regolari e ausiliarie. In effetti, i cristiani Tanukhid e il misto musulmano-cristiano Banu Tayy facevano parte dell'esercito di Mu'awiya nel nord della Siria. Per aiutare a pagare le sue truppe, Mu'awiya chiese e ottenne da Uthman la proprietà delle abbondanti terre della corona bizantina in Siria, che producono reddito, che erano state precedentemente designate da Umar come proprietà comunale per l'esercito musulmano.

.

citano due incursioni lanciate tra il 648 e il 650.

prima di occupare l'isola. In entrambi i casi, i ciprioti furono costretti a pagare un tributo pari a quello che avevano pagato ai bizantini. Mu'awiya stabilì una guarnigione e una moschea per mantenere l'influenza del Califfato sull'isola, che divenne un punto di partenza per arabi e bizantini per lanciare incursioni l'uno contro l'altro i territori. Gli abitanti di Cipro furono in gran parte lasciati a se stessi e le prove archeologiche indicano una prosperità ininterrotta durante questo periodo.

.

Nel frattempo, dopo due precedenti tentativi da parte degli arabi di conquistare l' Armenia , il terzo tentativo nel 650 si concluse con una tregua di tre anni raggiunta tra Mu'awiya e l'inviato bizantino Procopio a Damasco. Nel 653, Mu'awiya ricevette la sottomissione del leader armeno Theodore Rshtuni , che l'imperatore bizantino praticamente concesse quando si ritirò dall'Armenia quell'anno. Nel 655, il tenente comandante di Mu'awiya, Habib ibn Maslama al-Fihri, catturò Teodosiopoli e deportò Rshtuni in Siria, consolidando il dominio arabo sull'Armenia.

Prima Fitna

Il dominio di Mu'awiya era generalmente immune dal crescente malcontento prevalente a Medina, Egitto e Kufa contro le politiche di Uthman negli anni '50 del 600. L'eccezione era Abu Dharr al-Ghifari , che era stato inviato a Damasco per aver condannato apertamente l'arricchimento dei suoi parenti da parte di Uthman. Ha criticato le ingenti somme che Mu'awiya ha investito nella costruzione della sua residenza a Damasco, il Palazzo Khadra , spingendo Mu'awiya a espellerlo. La confisca da parte di Uthman delle terre della corona in Iraq e il suo presunto nepotismo spinsero i Quraysh e le élite espropriate di Kufa e dell'Egitto a opporsi al califfo.

Uthman inviò assistenza da Mu'awiya quando i ribelli egiziani assediarono la sua casa nel giugno 656. Mu'awiya inviò un esercito di soccorso verso Medina, ma si ritirò a Wadi al-Qura quando giunse loro la notizia dell'uccisione di Uthman. Ali, cugino e genero di Maometto, fu riconosciuto califfo a Medina. Mu'awiya ha rifiutato la fedeltà ad Ali e, secondo alcuni rapporti, quest'ultimo lo ha deposto mandando il proprio governatore in Siria, a cui Mu'awiya ha negato l'ingresso nella provincia. Questo è respinto da Madelung, secondo il quale non esistevano rapporti formali tra il califfo e il governatore della Siria per sette mesi dalla data dell'elezione di Ali.

Subito dopo essere diventato califfo, Ali fu contrastato da gran parte dei Quraysh guidati da al-Zubayr e Talha , entrambi importanti compagni di Maometto, e dalla moglie di Maometto A'isha , che temevano la perdita della propria influenza sotto Ali. La guerra civile che ne seguì divenne nota come la Prima Fitna . Ali sconfisse il triumvirato vicino a Bassora nella battaglia del cammello , che si concluse con la morte di al-Zubayr e Talha, entrambi potenziali contendenti per il califfato, e il ritiro di A'isha a Medina. Con la sua posizione in Iraq, Egitto e Arabia al sicuro, Ali rivolse la sua attenzione a Mu'awiya. A differenza degli altri governatori provinciali, Mu'awiya aveva una base di potere forte e leale, chiedeva vendetta per l'uccisione del suo parente omayyade Uthman e non poteva essere facilmente sostituito. A questo punto, Mu'awiya non ha ancora rivendicato il califfato e il suo obiettivo principale era mantenere il potere in Siria.

Preparativi per la guerra

La vittoria di Ali a Bassora lasciò Mu'awiya vulnerabile, il suo territorio incuneato tra le forze di Ali in Iraq ed Egitto, mentre la guerra con i Bizantini era in corso nel nord. Nel 657 o 658 Mu'awiya si assicurò la sua frontiera settentrionale con Bisanzio stipulando una tregua con l'imperatore, consentendogli di concentrare il grosso delle sue truppe sull'imminente battaglia con il califfo. Dopo non essere riuscito a ottenere la defezione del governatore dell'Egitto, Qays ibn Sa'd , decise di porre fine all'ostilità della famiglia omayyade nei confronti di Amr ibn al-As, il conquistatore ed ex governatore dell'Egitto, che accusarono di essere coinvolti nella morte di Uthman. Mu'awiya e Amr, che era popolare tra le truppe arabe d'Egitto, fecero un patto in base al quale quest'ultimo si unì alla coalizione contro Ali e Mu'awiya accettarono pubblicamente di insediare Amr come governatore a vita dell'Egitto se avessero estromesso l'incaricato di Ali.

, a Mu'awiya, quest'ultimo rispose con una lettera che equivaleva a una dichiarazione di guerra contro il califfo, la cui legittimità si rifiutava di riconoscere.

Battaglia di Siffin e arbitrato

Nella prima settimana di giugno 657, gli eserciti di Mu'awiya e Ali si incontrarono a Siffin vicino a Raqqa e si impegnarono in giorni di scaramucce interrotte da una tregua di un mese il 19 giugno. Durante la tregua, Mu'awiya inviò un'ambasciata guidata da Habib ibn Maslama, che presentò ad Ali un ultimatum per consegnare i presunti assassini di Uthman, abdicare e consentire a una shura (consiglio consultivo) di decidere il califfato. Ali ha respinto gli inviati di Mu'awiya e il 18 luglio ha dichiarato che i siriani erano rimasti ostinati nel loro rifiuto di riconoscere la sua sovranità. Il giorno successivo, seguì una settimana di duelli tra i massimi comandanti di Ali e Mu'awiya. La battaglia principale tra i due eserciti iniziò il 26 luglio. Mentre le truppe di Ali avanzavano verso la tenda di Mu'awiya, il governatore della Siria ordinò alle sue truppe d'élite di avanzare e queste sconfissero gli iracheni prima che la marea cambiasse contro i siriani il giorno successivo con la morte di due dei principali comandanti di Mu'awiya, Ubayd Allah , un figlio del califfo Umar e Dhu'l-Kala Samayfa , il cosiddetto "re di Himyar".

una rappresentazione di uno stendardo di bandiera, con stendardi rossi e gialli separati
Lo stendardo ( liwa ) di Mu'awiya nella battaglia di Siffin

Mu'awiya ha respinto i suggerimenti dei suoi consiglieri di coinvolgere Ali in un duello e porre fine definitivamente alle ostilità. La battaglia è culminata nella cosiddetta "Notte del clamore" il 28 luglio, che ha visto le forze di Ali trarne vantaggio in una mischia mentre il bilancio delle vittime aumentava da entrambe le parti. Secondo il racconto dello studioso al-Zuhri (morto nel 742), ciò spinse Amr ibn al-As a consigliare a Mu'awiya la mattina seguente di far legare fogli del Corano alle loro lance in un appello agli iracheni affinché risolvano il conflitto attraverso la consultazione. Secondo lo studioso al-Sha'bi (morto nel 723), al-Ash'ath ibn Qays , che era nell'esercito di Ali, espresse i suoi timori che gli attacchi bizantini e persiani fossero i musulmani a esaurirsi nella guerra civile. Dopo aver ricevuto informazioni su questo, Mu'awiya ordinò l'innalzamento delle foglie del Corano. Sebbene questo atto rappresentasse una sorta di resa poiché Mu'awiya abbandonò, almeno temporaneamente, la sua precedente insistenza nel risolvere militarmente la controversia con Ali e perseguire gli assassini di Uthman in Iraq, ebbe l'effetto di seminare discordia e incertezza nei ranghi di Ali.

Il califfo aderì alla volontà della maggioranza del suo esercito e accettò la proposta di arbitrare. Inoltre, Ali ha acconsentito alla richiesta di Amr, o di Mu'awiya, di omettere il suo titolo formale, amir al-mu'minin (comandante dei fedeli, il tradizionale titolo di califfo), dal documento arbitrale iniziale. Secondo lo storico Hugh N. Kennedy , l'accordo ha costretto Ali "a trattare con Mu'awiya alla pari e ad abbandonare il suo diritto incontrastato di guidare la comunità". Madelung afferma che "ha consegnato a Mu'awiya una vittoria morale" prima di indurre una "disastrosa divisione nei ranghi degli uomini di Ali". In effetti, al ritorno di Ali nella sua capitale Kufa nel settembre 658, un ampio segmento delle sue truppe che si era opposto all'arbitrato disertò, inaugurando il movimento kharigita .

. Ali ha abbandonato l'arbitrato dopo il primo incontro in cui Abu Musa, che, a differenza di Amr, non era particolarmente attaccato alla causa del suo preside, ha accettato l'affermazione della parte siriana secondo cui Uthman è stato ucciso ingiustamente, un verdetto a cui Ali si è opposto. L'incontro finale ad Adhruh, che era stato convocato su richiesta di Mu'awiya, è fallito, ma a quel punto Mu'awiya era emerso come uno dei principali contendenti per il califfato.

Pretesa al califfato e ripresa delle ostilità

Una mappa ombreggiata in rosa e verde per differenziare le aree di controllo da due parti in guerra, con campagne e battaglie contrassegnate dal loro anno di accadimento
Mappa della Prima Fitna . Le aree ombreggiate di verde, ovvero le regioni dell'Iraq , dell'Arabia, della Persia e del Caucaso , e di rosa, ovvero le regioni della Siria e dell'Egitto , rappresentano rispettivamente i territori sotto il controllo del Califfo Ali e di Mu'awiya nel 658.

Dopo l'interruzione dei colloqui arbitrali, Amr ei delegati siriani sono tornati a Damasco, dove hanno salutato Mu'awiya come amir al-mu'minin , segnalando il loro riconoscimento come califfo. Nell'aprile o maggio 658, Mu'awiya ricevette una promessa generale di fedeltà dai siriani. In risposta, Ali ha interrotto le comunicazioni con Mu'awiya, si è mobilitato per la guerra e ha invocato una maledizione contro Mu'awiya e il suo stretto seguito come rituale nelle preghiere mattutine. Mu'awiya ha ricambiato in natura contro Ali ei suoi più stretti sostenitori nel suo stesso dominio.

.

Nel 659 o 660, Mu'awiya espanse le operazioni nell'Hejaz (Arabia occidentale, dove si trovano la Mecca e Medina), inviando Abd Allah ibn Mas'ada al-Fazari a riscuotere la tassa sull'elemosina e i giuramenti di fedeltà a Mu'awiya da gli abitanti dell'oasi di Tayma . Questa incursione iniziale fu sconfitta dai Kufan, mentre fallì anche un tentativo di estorcere giuramenti di fedeltà dai Quraysh della Mecca nell'aprile 660.

In estate, Mu'awiya inviò un grande esercito al comando di Busr ibn Abi Artat per conquistare l'Hejaz e lo Yemen. Ha ordinato a Busr di intimidire gli abitanti di Medina senza danneggiarli, risparmiare i meccani e uccidere chiunque nello Yemen si fosse rifiutato di giurare fedeltà. Busr avanzò attraverso Medina, Mecca e Ta'if , senza incontrare resistenza e ottenendo il riconoscimento di Mu'awiya da parte di quelle città. Nello Yemen, Busr ha giustiziato diversi notabili a Najran e nelle sue vicinanze a causa delle critiche passate a Uthman o dei legami con Ali, ha massacrato numerosi membri delle tribù dell'Hamdan e cittadini di Sana'a e Ma'rib . Prima che potesse continuare la sua campagna ad Hadhramawt , si ritirò all'avvicinarsi di una forza di soccorso di Kufan. La notizia delle azioni di Busr in Arabia spinse le truppe di Ali a radunarsi dietro la sua campagna pianificata contro Mu'awiya, ma la spedizione fu interrotta a causa dell'assassinio di Ali da parte di un Kharijita nel gennaio 661.

Califfato

Adesione

Dopo che Ali fu ucciso, Mu'awiya lasciò al-Dahhak ibn Qays a capo della Siria e guidò il suo esercito verso Kufa, dove il figlio di Ali, al-Hasan, era stato nominato suo successore. Ha corrotto con successo Ubayd Allah ibn Abbas, il comandante dell'avanguardia di al-Hasan, per abbandonare il suo posto e ha inviato inviati a negoziare con al-Hasan. In cambio di un accordo finanziario, al-Hasan abdicò e Mu'awiya entrò a Kufa nel luglio o settembre 661 e fu riconosciuto califfo. Quest'anno è considerato da alcune delle prime fonti musulmane come "l'anno dell'unità" ed è generalmente considerato l'inizio del califfato di Mu'awiya.

, entrambi adiacenti al Monte del Tempio. Le cronache maronite sostengono anche che Mu'awiya "non indossava una corona come gli altri re del mondo".

Governo e amministrazione interna

Una scansione in bianco e nero di una targa di pietra del VII secolo incisa in greco con crediti a un sovrano per aver restaurato una struttura termale
Un'iscrizione greca che attribuisce a Mu'awiya il merito di aver restaurato le strutture termali di epoca romana a Hamat Gader nel 663, l'unica attestazione epigrafica del governo di Mu'awiya in Siria , il centro del suo califfato
e al-Dahhak ibn Qays.

).

La Siria mantenne la sua burocrazia di epoca bizantina, che era gestita da cristiani, incluso il capo dell'amministrazione fiscale, Sarjun ibn Mansur . Quest'ultimo aveva servito Mu'awiya nella stessa veste prima del suo raggiungimento del califfato, e il padre di Sarjun era il probabile titolare della carica sotto l'imperatore Eraclio (

r . 610–641
). Mu'awiya era tollerante nei confronti della maggioranza cristiana nativa della Siria. A sua volta, la comunità era generalmente soddisfatta del suo governo, in cui le loro condizioni erano almeno favorevoli come sotto i bizantini. Mu'awiya ha tentato di coniare le proprie monete, ma la nuova valuta è stata rifiutata dai siriani in quanto ometteva il simbolo della croce. L'unica attestazione epigrafica al governo di Mu'awiya in Siria, un'iscrizione greca datata 663 scoperta presso le sorgenti termali di Hamat Gader vicino al Mar di Galilea , si riferisce al califfo come Abd Allah Mu'awiya, amir al-mu'minin ( "Servo di Dio Mu'awiya, comandante dei fedeli"; il nome del califfo è preceduto da una croce) e gli attribuisce il merito di aver restaurato strutture termali di epoca romana a beneficio dei malati. Secondo lo storico Yizhar Hirschfeld , "con questo atto, il nuovo califfo ha cercato di compiacere" i suoi sudditi cristiani. Il califfo trascorreva spesso i suoi inverni nel suo palazzo di Sinnabra vicino al Mar di Galilea. Mu'awiya fu anche accreditato di aver ordinato il restauro della chiesa di Edessa dopo che era stata distrutta da un terremoto nel 679. Dimostrò un vivo interesse per Gerusalemme. Sebbene manchino prove archeologiche, ci sono indicazioni nelle fonti letterarie medievali che una moschea rudimentale sul Monte del Tempio esistesse già ai tempi di Mu'awiya o fu costruita da lui.

Governo nelle province

La principale sfida interna di Mu'awiya era la supervisione di un governo con sede in Siria che potesse riunire il Califfato fratturato politicamente e socialmente e affermare l'autorità sulle tribù che formavano i suoi eserciti. Applicò il governo indiretto alle province del Califfato, nominando governatori con piena autorità civile e militare. Sebbene in linea di principio i governatori fossero obbligati a trasmettere al califfo le entrate fiscali in eccesso, in pratica la maggior parte dell'eccedenza veniva distribuita tra le guarnigioni provinciali e Damasco riceveva una quota trascurabile. Durante il califfato di Mu'awiya, i governatori facevano affidamento sugli ashraf (capi tribali), che servivano da intermediari tra le autorità e gli uomini delle tribù nelle guarnigioni. L'arte di governo di Mu'awiya è stata probabilmente ispirata da suo padre, che ha utilizzato la sua ricchezza per stabilire alleanze politiche. Il califfo generalmente preferiva corrompere i suoi avversari rispetto allo scontro diretto. Nel riassunto di Kennedy, Mu'awiya governò "facendo accordi con coloro che detenevano il potere nelle province, costruendo il potere di coloro che erano disposti a cooperare con lui e attribuendo tante figure importanti e influenti al suo causa possibile”.

L'Iraq e l'est

Il dritto di una moneta color argento incisa in persiano medio con il nome di un sovrano sovrano musulmano e formule religiose musulmane su entrambi i lati di una rappresentazione figurativa di un antico sovrano iraniano

Le sfide all'autorità centrale in generale, e al governo di Mu'awiya in particolare, erano più acute in Iraq, dove le divisioni erano diffuse tra i nuovi arrivati ​​ashraf e la nascente élite musulmana, l'ultima delle quali era ulteriormente divisa tra i partigiani di Ali e i Kharigiti. L'ascesa di Mu'awiya segnò l'ascesa del Kufan ashraf rappresentato dagli ex sostenitori di Ali al-Ash'ath ibn Qays e Jarir ibn Abd Allah, a spese della vecchia guardia di Ali rappresentata da Hujr ibn Adi e Ibrahim , il figlio del principale aiutante di Ali Malik al-Ashtar . La scelta iniziale di Mu'awiya di governare Kufa nel 661 fu al-Mughira ibn Shu'ba , che possedeva una notevole esperienza amministrativa e militare in Iraq e conosceva bene gli abitanti e le problematiche della regione. Sotto la sua amministrazione quasi decennale, al-Mughira mantenne la pace nella città, trascurò le trasgressioni che non minacciavano il suo governo, permise ai Kufan ​​di mantenere il possesso delle redditizie terre della corona sasanide nel distretto di Jibal e, a differenza delle precedenti amministrazioni, costantemente e puntualmente pagato gli stipendi della guarnigione.

. Busr aveva minacciato di giustiziare tre dei giovani figli di Ziyad a Bassora per costringerlo alla resa, ma alla fine Ziyad fu convinto da al-Mughira, il suo mentore, a sottomettersi all'autorità di Mu'awiya nel 663. In un passo controverso che assicurò la lealtà del Ziyad senza padre, che il califfo considerava il candidato più capace per governare Bassora, Mu'awiya lo adottò come suo fratellastro paterno, alle proteste di suo figlio Yazid, Ibn Amir e dei suoi parenti omayyadi nell'Hejaz.

Dopo la morte di al-Mughira nel 670, Mu'awiya attaccò Kufa e le sue dipendenze al governatorato di Bassora di Ziyad, facendo di lui il viceré virtuale del califfo nella metà orientale del Califfato. Ziyad ha affrontato il principale problema economico dell'Iraq, la sovrappopolazione nelle città di guarnigione e la conseguente scarsità di risorse, riducendo il numero di truppe sul libro paga e inviando 50.000 soldati iracheni e le loro famiglie a stabilirsi nel Khurasan . Ciò consolidò anche la posizione araba precedentemente debole e instabile nella provincia più orientale del Califfato e permise le conquiste verso la Transoxiana . Come parte dei suoi sforzi di riorganizzazione a Kufa, Ziyad confiscò le terre della corona della sua guarnigione, che da allora in poi divenne proprietà del califfo. L'opposizione alle confische sollevate da Hujr ibn Adi, la cui difesa pro-Alid era stata tollerata da al-Mughira, fu violentemente repressa da Ziyad. Hujr e il suo seguito furono inviati a Mu'awiya per punizione e giustiziati per ordine del califfo, segnando la prima esecuzione politica nella storia islamica e fungendo da presagio per future rivolte pro-Alid a Kufa. Ziyad morì nel 673 e suo figlio Ubayd Allah fu nominato gradualmente da Mu'awiya a tutti gli ex uffici di suo padre. In effetti, facendo affidamento su al-Mughira e Ziyad e sui suoi figli, Mu'awiya ha concesso in franchising l'amministrazione dell'Iraq e del Califfato orientale ai membri del clan d'élite Thaqif , che aveva legami consolidati con i Quraysh e fu determinante nella conquista dell'Iraq.

Egitto

In Egitto Amr governò più come partner di Mu'awiya che come subordinato fino alla sua morte nel 664. Gli fu permesso di trattenere le entrate in eccesso della provincia. Il califfo ordinò la ripresa delle spedizioni egiziane di grano e petrolio a Medina, ponendo fine alla pausa causata dalla Prima Fitna. Dopo la morte di Amr, il fratello di Mu'awiya Utba (

r . 664–665
) e uno dei primi compagni di Maometto, Uqba ibn Amir (
r . 665–667
), servirono successivamente come governatori prima che Mu'awiya nominasse Maslama ibn Mukhallad al-Ansari in 667. Maslama rimase governatore per tutta la durata del regno di Mu'awiya, espandendo in modo significativo Fustat e la sua moschea e aumentando l'importanza della città nel 674 trasferendo il principale cantiere navale egiziano nella vicina isola di Roda da Alessandria a causa della vulnerabilità di quest'ultima alle incursioni navali bizantine.

La presenza araba in Egitto era per lo più limitata alla guarnigione centrale di Fustat e alla guarnigione più piccola ad Alessandria. L'afflusso di truppe siriane portate da Amr nel 658 e le truppe di Bassora inviate da Ziyad nel 673 aumentò la guarnigione di Fustat da 15.000 uomini a 40.000 durante il regno di Mu'awiya. Utba aumentò la guarnigione di Alessandria a 12.000 uomini e costruì una residenza del governatore nella città, la cui popolazione greco-cristiana era generalmente ostile al dominio arabo. Quando il vice di Utba ad Alessandria si lamentò che le sue truppe non erano in grado di controllare la città, Mu'awiya schierò altri 15.000 soldati dalla Siria e da Medina. Le truppe in Egitto erano molto meno ribelli delle loro controparti irachene, sebbene elementi nella guarnigione di Fustat sollevassero occasionalmente opposizione alle politiche di Mu'awiya, culminando durante il mandato di Maslama con la protesta diffusa contro il sequestro di Mu'awiya e l'assegnazione di terre della corona nel Fayyum al suo figlio Yazid, che costrinse il califfo a invertire il suo ordine.

Arabia

Sebbene la vendetta per l'assassinio di Uthman fosse stata la base su cui Mu'awiya rivendicò il diritto al califfato, non emulò il potere di Uthman del clan omayyade né li usò per affermare il proprio potere. Con piccole eccezioni, i membri del clan non furono nominati nelle province ricche né alla corte del califfo, Mu'awiya limitando in gran parte la loro influenza a Medina, l'antica capitale del Califfato dove la maggior parte degli Omayyadi e la più ampia ex aristocrazia Qurayshite rimasero con sede. La perdita del potere politico lasciò gli Omayyadi di Medina risentiti nei confronti di Mu'awiya, che potrebbe essere diventato diffidente nei confronti delle ambizioni politiche del ramo molto più ampio del clan Abu al-As, a cui Uthman aveva appartenuto, sotto la guida di Marwan ibn al-Hakam . Il califfo ha tentato di indebolire il clan provocando divisioni interne. Tra le misure prese c'era la sostituzione di Marwan dal governatorato di Medina nel 668 con un altro eminente omayyade, Sa'id ibn al-As . Quest'ultimo fu incaricato di demolire la casa di Marwan, ma rifiutò e quando Marwan fu restaurato nel 674, rifiutò anche l'ordine di Mu'awiya di demolire la casa di Sa'id. Mu'awiya licenziò ancora una volta Marwan nel 678, sostituendolo con suo nipote, al-Walid ibn Utba . Oltre al suo clan, le relazioni di Mu'awiya con i Banu Hashim (il clan di Maometto e del Califfo Ali), le famiglie dei compagni più stretti di Maometto, l'un tempo famoso Banu Makhzum, e gli Ansar erano generalmente caratterizzati da sospetto o aperta ostilità.

il terre di Adarim, dove impiegò 4.000 schiavi, probabilmente per coltivare i suoi campi. Il califfo ottenne il possesso di possedimenti dentro e vicino a Ta'if che, insieme alle terre dei suoi fratelli Anbasa e Utba, formavano un considerevole gruppo di proprietà.

Una delle prime iscrizioni arabe conosciute del regno di Mu'awiya è stata trovata in una diga per la conservazione del suolo chiamata Sayisad 32 chilometri (20 miglia) a est di Ta'if, che attribuisce a Mu'awiya la costruzione della diga nel 677 o 678 e chiede a Dio per dargli vittoria e forza. Mu'awiya è anche accreditato come il patrono di una seconda diga chiamata al-Khanaq 15 chilometri (9,3 miglia) a est di Medina, secondo un'iscrizione trovata nel sito. Questa è forse la diga tra Medina e le miniere d'oro della tribù Banu Sulaym attribuita a Mu'awiya dagli storici al-Harbi († 898) e al-Samhudi († 1533).

Guerra con Bisanzio

Mappa che mostra le incursioni, le battaglie e gli scontri navali tra il califfato arabo e quello bizantino durante il governatorato di Mu'awiya della Siria (640–661) e il califfato di Mu'awiya (661–680).

Mu'awiya possedeva più esperienza personale di qualsiasi altro califfo nella lotta contro i Bizantini, la principale minaccia esterna al Califfato, e perseguì la guerra contro l'Impero in modo più energico e continuo dei suoi successori. La prima Fitna fece perdere agli arabi il controllo dell'Armenia a causa di principi indigeni filo-bizantini, ma nel 661 Habib ibn Maslama invase nuovamente la regione. L'anno successivo, l'Armenia divenne un affluente del Califfato e Mu'awiya riconobbe il principe armeno Grigor Mamikonian come suo comandante. Non molto tempo dopo la guerra civile, Mu'awiya ruppe la tregua con Bisanzio e su base quasi annuale o semestrale il califfo ingaggiò le sue truppe siriane in incursioni attraverso la frontiera montuosa dell'Anatolia , la zona cuscinetto tra l'Impero e il Califfato . Almeno fino alla morte di Abd al-Rahman ibn Khalid nel 666, Homs servì come principale punto di smistamento per le offensive, e in seguito anche Antiochia servì a questo scopo. Il grosso delle truppe che combattevano sul fronte anatolico e armeno proveniva dai gruppi tribali giunti dall'Arabia durante e dopo la conquista. Durante il suo califfato, Mu'awiya ha continuato i suoi sforzi passati per reinsediare e fortificare le città portuali siriane. A causa della reticenza degli uomini delle tribù arabe ad abitare le coste, nel 663 Mu'awiya trasferì civili e personale persiano che aveva precedentemente stabilito nell'interno siriano ad Acri e Tiro, e trasferì Asawira , soldati persiani d'élite, da Kufa e Bassora al presidio ad Antiochia. Pochi anni dopo, Mu'awiya stabilì Apamea con 5.000 slavi che avevano disertato dai Bizantini durante una delle campagne anatoliche delle sue forze.

(† 818).

durante l'inverno, assediarono Costantinopoli nella primavera del 668, ma a causa della carestia e delle malattie, revocarono l'assedio alla fine di giugno. Gli arabi continuarono le loro campagne nelle vicinanze di Costantinopoli prima di ritirarsi in Siria molto probabilmente alla fine del 669.

Nel 669, la marina di Mu'awiya fece irruzione fino alla Sicilia. L'anno successivo fu completata la fortificazione su larga scala di Alessandria. Mentre le storie di al-Tabari e al-Baladhuri riferiscono che le forze di Mu'awiya catturarono Rodi nel 672–674 e colonizzarono l'isola per sette anni prima di ritirarsi durante il regno di Yazid I, lo storico moderno Clifford Edmund Bosworth mette in dubbio questi eventi e sostiene che l'isola fu solo saccheggiata dal luogotenente di Mu'awiya Junada ibn Abi Umayya al-Azdi nel 679 o 680. Sotto l'imperatore Costantino IV (

r . 668–685
), i Bizantini iniziarono una controffensiva contro il Califfato, prima razziando l'Egitto in 672 o 673, mentre nell'inverno 673, l'ammiraglio di Mu'awiya, Abd Allah ibn Qays, guidò una grande flotta che fece irruzione a Smirne e alle coste della Cilicia e della Licia. I bizantini ottennero una grande vittoria contro un esercito e una flotta araba guidati da Sufyan ibn Awf, forse a Sillyon , nel 673 o 674. L'anno successivo, Abd Allah ibn Qays e Fadala sbarcarono a Creta e nel 675 o 676 una flotta bizantina attaccò Maraqiya, uccidendo il governatore di Homs.

Nel 677, 678 o 679 Mu'awiya chiese la pace con Costantino IV, forse a causa della distruzione della sua flotta o del dispiegamento dei Mardaiti da parte dei Bizantini nel litorale siriano in quel periodo. Fu concluso un trattato trentennale che obbligava il Califfato a pagare un tributo annuale di 3.000 monete d'oro, 50 cavalli e 30 schiavi, e ritirare le proprie truppe dalle basi avanzate che avevano occupato sulla costa bizantina. Sebbene i musulmani non abbiano ottenuto guadagni territoriali permanenti in Anatolia durante la carriera di Mu'awiya, le frequenti incursioni hanno fornito alle truppe siriane di Mu'awiya bottino e tributi di guerra, che hanno contribuito a garantire la loro continua fedeltà e hanno affinato le loro abilità di combattimento. Inoltre, il prestigio di Mu'awiya fu accresciuto e ai Bizantini fu preclusa qualsiasi campagna concertata contro la Siria.

Conquista del nord Africa centrale

Una mappa dell'Africa settentrionale, dell'Europa meridionale e dell'Asia occidentale e centrale con diverse sfumature di colore che denotano le fasi di espansione del califfato
Una mappa raffigurante la crescita del Califfato. Durante il regno di Mu'awiya, i musulmani conquistarono la regione di Ifriqiya (centro del Nord Africa ; sfumata in viola)
nell'odierno Niger.

Una statua in metallo raffigurante un generale arabo del VII secolo che indossa un turbante e porta una spada sguainata
Una statua che rappresenta Uqba ibn Nafi , il comandante arabo che conquistò Ifriqiya e fondò Kairouan nel 670, durante il regno di Mu'awiya. Uqba prestò servizio come luogotenente governatore di Mu'awiya sul Nord Africa fino a quando il califfo lo licenziò nel 673.

La lotta per la successione di Costantino IV distolse l'attenzione bizantina dal fronte africano. Nel 670, Mu'awiya nominò Uqba vice governatore dell'Egitto sulle terre nordafricane sotto il controllo arabo a ovest dell'Egitto. A capo di una forza di 10.000 uomini, Uqba iniziò la sua spedizione contro i territori a ovest della Cirenaica. Mentre avanzava, al suo esercito si unirono i berberi Luwata islamizzati e le loro forze combinate conquistarono Ghadamis , Gafsa e Jarid . Nell'ultima regione stabilì una città di guarnigione araba permanente chiamata Kairouan , a una distanza relativamente sicura da Cartagine e dalle zone costiere, che erano rimaste sotto il controllo bizantino, come base per ulteriori spedizioni. Aiutò anche gli sforzi di conversione musulmana tra le tribù berbere che dominavano la campagna circostante.

Mu'awiya licenziò Uqba nel 673, probabilmente per la preoccupazione che avrebbe formato una base di potere indipendente nelle regioni redditizie che aveva conquistato. La nuova provincia araba, Ifriqiya (l'odierna Tunisia), rimase subordinata al governatore dell'Egitto, che inviò il suo mawla (liberto non arabo, musulmano) Abu al-Muhajir Dinar in sostituzione di Uqba, che fu arrestato e trasferito a Mu' la custodia di awiya a Damasco. Abu al-Muhajir continuò le campagne verso ovest fino a Tlemcen e sconfisse il capo berbero Awraba Kasila , che successivamente abbracciò l'Islam e si unì alle sue forze. Nel 678, un trattato tra arabi e bizantini cedette Bizacena al Califfato, costringendo gli arabi a ritirarsi dalle parti settentrionali della provincia. Dopo la morte di Mu'awiya, il suo successore Yazid riconfermò Uqba, Kasila disertò e un'alleanza bizantina-berbera pose fine al controllo arabo su Ifriqiya, che non fu ristabilito fino al regno del califfo Abd al-Malik ibn Marwan (

r . 685–705
).

Nomina di Yazid come successore

Con una mossa senza precedenti nella politica islamica, Mu'awiya ha nominato suo figlio, Yazid, come suo successore. Il califfo probabilmente nutriva ambizioni per la successione di suo figlio per un periodo considerevole. Nel 666, avrebbe fatto avvelenare il suo governatore a Homs, Abd al-Rahman ibn Khalid, per rimuoverlo come potenziale rivale di Yazid. Gli arabi siriani, con i quali Abd al-Rahman ibn Khalid era popolare, avevano visto il governatore come il successore più adatto del califfo a causa della sua storia militare e della discendenza da Khalid ibn al-Walid.

(896–956) e al-Tabari non menzionano delegazioni provinciali diverse da un'ambasciata di Bassora guidata da Ubayd Allah ibn Ziyad rispettivamente nel 678–679 o 679–680, che riconobbe Yazid.

Secondo Hinds, oltre alla nobiltà, all'età e al buon senso di Yazid, "la cosa più importante di tutte" era il suo legame con il Kalb. La confederazione Quda'a guidata da Kalb fu il fondamento del dominio sufyanide e la successione di Yazid segnò la continuazione di questa alleanza. Nel nominare Yazid, il figlio del Kalbita Maysun, Mu'awiya ha aggirato il figlio maggiore Abd Allah dalla moglie Qurayshita Fakhita. Sebbene il sostegno dei Kalb e dei Quda'a fosse garantito, Mu'awiya esortò Yazid ad ampliare la sua base di appoggio tribale in Siria. Poiché i Qaysite erano l'elemento predominante negli eserciti della frontiera settentrionale, la nomina di Yazid da parte di Mu'awiya a guidare gli sforzi di guerra con Bisanzio potrebbe essere servita a promuovere il sostegno di Qaysite per la sua nomina. Gli sforzi di Mu'awiya a tal fine non hanno avuto del tutto successo, come si riflette in un verso di un poeta Qaysite: "non renderemo mai fedeltà al figlio di una donna Kalbi [cioè Yazid]".

A Medina, i lontani parenti di Mu'awiya Marwan ibn al-Hakam, Sa'id ibn al-As e Ibn Amir accettarono l'ordine di successione di Mu'awiya, anche se con disapprovazione. La maggior parte degli oppositori dell'ordine di Mu'awiya in Iraq e tra gli Omayyadi e i Quraysh dell'Hejaz furono infine minacciati o corrotti per essere accettati. La restante opposizione principale proveniva da Husayn ibn Ali , Abd Allah ibn al-Zubayr , Abd Allah ibn Umar e Abd al-Rahman ibn Abi Bakr , tutti importanti figli di califfi precedenti o stretti compagni di Maometto con sede a Medina. Poiché possedevano le pretese più vicine al califfato, Mu'awiya era determinato a ottenere il loro riconoscimento. Secondo lo storico Awana ibn al-Hakam (morto nel 764), prima della sua morte Mu'awiya ordinò che venissero prese alcune misure contro di loro, affidando questi compiti ai suoi lealisti al-Dahhak ibn Qays e Muslim ibn Uqba .

Morte

della città e le preghiere funebri furono guidate da al-Dahhak ibn Qays, che pianse Mu'awiya come il "bastone degli arabi e la lama degli arabi, per mezzo del quale Dio, onnipotente e grande, ha interrotto le contese, che ha reso sovrano sull'umanità, per mezzo del quale ha conquistato le nazioni, ma ora è morto".

La tomba di Mu'awiya era un luogo di visita fino al X secolo. Al-Mas'udi sostiene che un mausoleo fu costruito sopra la tomba ed era aperto ai visitatori il lunedì e il giovedì. Ibn Taghribirdi afferma che Ahmad ibn Tulun , il sovrano autonomo dell'Egitto e della Siria del IX secolo, eresse una struttura sulla tomba nell'883 o 884 e impiegò membri del pubblico per recitare regolarmente il Corano e accendere candele intorno alla tomba.

Valutazione ed eredità

Un albero genealogico con i nomi in rosso che contrassegnavano i membri della famiglia che regnavano come sovrani
Albero genealogico dei Sufyanidi, la famiglia regnante del Califfato (661–684) fondata da Mu'awiya

Come Uthman, Mu'awiya adottò il titolo khalifat Allah ("vice di Dio"), invece di khalifat rasul Allah ("vice del messaggero di Dio"), il titolo usato dagli altri califfi che lo hanno preceduto. Il titolo potrebbe aver implicato autorità politica oltre che religiosa e sanzione divina. È stato riferito da al-Baladhuri per aver detto "La terra appartiene a Dio e io sono il vice di Dio". Tuttavia, quali che fossero le connotazioni assolutiste del titolo, Mu'awiya evidentemente non imponeva questa autorità religiosa. Invece, ha governato indirettamente come un capo sovra-tribale usando alleanze con l' ashraf provinciale , le sue capacità personali, il potere di persuasione e l'arguzia.

A parte la sua guerra con Ali, non dispiegò le sue truppe siriane a livello nazionale e spesso usava doni in denaro come strumento per evitare conflitti. Nella valutazione di Julius Wellhausen , Mu'awiya era un abile diplomatico "che permetteva alle cose di maturare da sole e solo di tanto in tanto aiutava il loro progresso". Afferma inoltre che Mu'awiya ha avuto la capacità di identificare e impiegare gli uomini più talentuosi al suo servizio e ha fatto lavorare per lui anche coloro di cui diffidava.

Secondo la storica Patricia Crone , il governo di successo di Mu'awiya è stato facilitato dalla composizione tribale della Siria. Lì, gli arabi che costituivano la sua base di appoggio erano distribuiti in tutto il contado ed erano dominati da un'unica confederazione, i Quda'a. Ciò era in contrasto con l'Iraq e l'Egitto, dove la diversa composizione tribale delle città di guarnigione significava che il governo non aveva una base di supporto coesa e doveva creare un delicato equilibrio tra i gruppi tribali opposti. Come evidenziato dalla disintegrazione dell'alleanza irachena di Ali, mantenere questo equilibrio era insostenibile. A suo avviso, l'aver approfittato delle circostanze tribali in Siria da parte di Mu'awiya ha impedito lo scioglimento del Califfato nella guerra civile. Nelle parole dell'orientalista Martin Hinds , il successo dello stile di governo di Mu'awiya è "attestato dal fatto che è riuscito a tenere unito il suo regno senza mai dover ricorrere all'uso delle sue truppe siriane".

A lungo termine, il sistema di Mu'awiya si è rivelato precario e impraticabile. La dipendenza dalle relazioni personali significava che il suo governo dipendeva dal pagare e accontentare i suoi agenti invece di comandarli. Questo ha creato un "sistema di indulgenza", secondo Crone. I governatori divennero sempre più irresponsabili e accumularono ricchezze personali. L'equilibrio tribale su cui faceva affidamento era insicuro e una leggera fluttuazione avrebbe portato a fazioni e lotte intestine. Quando Yazid divenne califfo, continuò il modello di suo padre. Per quanto controversa fosse stata la sua nomina, dovette affrontare le ribellioni di Husayn e Ibn al-Zubayr. Sebbene sia stato in grado di sconfiggerli con l'aiuto dei suoi governatori e dell'esercito siriano, il sistema si è fratturato non appena morì nel novembre 683. L' ashraf provinciale disertò a Ibn al-Zubayr, così come le tribù Qaysite, che erano emigrate in Siria durante il regno di Mu'awiya e si opposero alla confederazione Quda'a su cui poggiava il potere sufyanide. Nel giro di pochi mesi l'autorità del successore di Yazid, Mu'awiya II , fu ristretta a Damasco e ai suoi dintorni. Sebbene gli Omayyadi, sostenuti dai Quda'a, furono in grado di riconquistare il Califfato dopo la seconda guerra civile durata un decennio , era sotto la guida di Marwan, fondatore della nuova casa omayyade regnante, i Marwanidi, e suo figlio Abd al -Malico. Avendo realizzato la debolezza del modello di Mu'awiya e mancando della sua abilità politica, i Marwanidi abbandonarono il suo sistema a favore di una forma più tradizionale di governo in cui il califfo era l'autorità centrale. Tuttavia, la successione ereditaria introdotta da Mu'awiya divenne una caratteristica permanente di molti dei governi musulmani che seguirono.

Kennedy vede la conservazione dell'unità del Califfato come il più grande risultato di Mu'awiya. Esprimendo un punto di vista simile, il biografo di Mu'awiya R. Stephen Humphreys afferma che, sebbene mantenere l'integrità del Califfato sarebbe stato un risultato di per sé, Mu'awiya era intenzionato a continuare vigorosamente le conquiste iniziate da Abu Bakr e Umar . Creando una formidabile marina, fece del Califfato la forza dominante nel Mediterraneo orientale e nell'Egeo. Il controllo dell'Iran nord-orientale fu assicurato e la frontiera del Califfato fu ampliata in Nord Africa. Madelung ritiene Mu'awiya un corruttore dell'ufficio califfale, sotto il quale il primato nell'Islam ( sabiqa ), che fu il fattore determinante nella scelta dei primi califfi, lasciò il posto alla potenza della spada, il popolo divenne suo suddito e lui divenne il "signore assoluto sulla loro vita e morte". Ha soffocato lo spirito comunitario dell'Islam e ha usato la religione come strumento di "controllo sociale, sfruttamento e terrorizzazione militare".

Mu'awiya fu il primo califfo il cui nome apparve su monete, iscrizioni o documenti del nascente impero islamico. Le iscrizioni del suo regno mancavano di qualsiasi riferimento esplicito all'Islam oa Maometto e gli unici titoli che compaiono sono "servitore di Dio" e "comandante dei fedeli". Ciò ha portato alcuni storici moderni a mettere in dubbio l'impegno di Mu'awiya per l'Islam. Hanno proposto che aderisse a una forma di monoteismo non confessionale o indeterminata, o che potesse essere cristiano. Affermando che i primi musulmani non vedevano la loro fede come diversa dalle altre fedi monoteiste, questi storici vedono i primi califfi con sede a Medina nella stessa vena, ma non esistono proclami pubblici del loro periodo. D'altra parte, lo storico Robert Hoyland osserva che Mu'awiya ha lanciato una sfida molto islamica all'imperatore bizantino Costante di "negare [la divinità di] Gesù e rivolgersi al Grande Dio che adoro, il Dio di nostro padre Abramo" e ipotizza che il tour di Mu'awiya dei siti cristiani a Gerusalemme sia stato fatto per dimostrare "il fatto che lui, e non l'imperatore bizantino, era ora il rappresentante di Dio sulla terra".

Prima tradizione storica

Le storie musulmane sopravvissute hanno avuto origine nell'Iraq dell'era abbaside. I compilatori, i narratori da cui sono state raccolte le storie e il sentimento generale dell'opinione pubblica in Iraq erano ostili agli Omayyadi con sede in Siria, sotto i quali la Siria era una provincia privilegiata e l'Iraq era localmente percepito come una colonia siriana. Inoltre, gli Abbasidi, dopo aver rovesciato gli Omayyadi nel 750, li videro come governanti illegittimi e offuscarono ulteriormente la loro memoria per rafforzare la propria legittimità. Califfi abbasidi come al-Saffah , al-Ma'mun e al-Mu'tadid condannarono pubblicamente Mu'awiya e altri califfi omayyadi. In quanto tale, la tradizione storica musulmana è nel complesso anti-omayyade. Tuttavia, nel caso di Mu'awiya lo ritrae in modo relativamente equilibrato.

Da un lato, lo ritrae come un sovrano di successo che ha attuato la sua volontà con la persuasione invece che con la forza. Sottolinea la sua qualità di elmo , che nel suo caso significava mitezza, lentezza alla rabbia, sottigliezza e gestione delle persone attraverso la percezione dei loro bisogni e desideri. La tradizione storica è ricca di aneddoti sul suo acume politico e sul suo autocontrollo. In uno di questi aneddoti, quando gli è stato chiesto di permettere a uno dei suoi cortigiani di rivolgersi a lui con arroganza, ha osservato:

Non mi metto tra il popolo e la sua lingua, purché non si inserisca tra noi e la nostra sovranità.

La tradizione lo presenta operare alla maniera di uno sceicco tribale tradizionale che manca di autorità assoluta; convocare delegazioni ( wufud ) di capi tribù e persuaderli con lusinghe, argomenti e regali. Questo è esemplificato in un detto a lui attribuito: "Non uso mai la mia voce se posso usare i miei soldi, mai la mia frusta se posso usare la mia voce, mai la mia spada se posso usare la mia frusta; ma, se devo usare la mia spada, lo farò".

D'altra parte, la tradizione lo ritrae anche come un despota che ha trasformato il califfato in regalità. Nelle parole di al-Ya'qubi (d. 898):

[Mu'awiya] è stato il primo ad avere una guardia del corpo, forze di polizia e ciambellani ... Ha avuto qualcuno che gli camminava davanti con una lancia, ha preso l'elemosina dagli stipendi e si è seduto su un trono con le persone sotto di lui. .. Ha usato il lavoro forzato per i suoi progetti di costruzione ... È stato il primo a trasformare questa questione [il califfato] in mera regalità.

Al-Baladhuri lo chiama il ' Kosrow degli arabi' ( kisra l-'arab ). "Khosrow" era usato dagli arabi come riferimento ai monarchi persiani sasanidi in generale, che gli arabi associavano allo splendore mondano e all'autoritarismo , in contrasto con l'umiltà di Maometto. Mu'awiya è stato paragonato a questi monarchi principalmente perché ha nominato suo figlio Yazid come califfo successivo, il che è stato visto come una violazione del principio islamico della shura e un'introduzione del governo dinastico alla pari dei bizantini e dei sasanidi. Si afferma che la guerra civile scoppiata dopo la morte di Mu'awiya sia stata la diretta conseguenza della nomina di Yazid. Nella tradizione islamica, a Mu'awiya e agli Omayyadi viene assegnato il titolo di malik (re) invece di khalifa (califfo), sebbene gli Abbasidi successivi siano riconosciuti come califfi.

scrive negli anni '90 del 690 "non ha altro che lodi per il primo califfo omayyade ... del cui regno dice 'la pace in tutto il mondo era tale che non abbiamo mai sentito, né dal nostro padri o dai nostri nonni, o visto che ce n'era mai stato uno simile'".

Visione musulmana

A differenza dei quattro califfi precedenti, che sono considerati modelli di pietà e che hanno governato con giustizia, Mu'awiya non è riconosciuto dai sunniti come un califfo ben guidato ( khalifa al-rashid ). È visto come trasformare il califfato in una regalità mondana e dispotica. La sua acquisizione del califfato attraverso la guerra civile e la sua istituzione della successione ereditaria nominando suo figlio Yazid come erede apparente sono le principali accuse mosse contro di lui. Sebbene Uthman e Ali fossero stati molto controversi durante il primo periodo, gli studiosi religiosi nell'VIII e IX secolo si compromisero per placare e assorbire le fazioni Uthmanid e pro-Alid. Uthman e Ali furono quindi considerati insieme ai primi due califfi come guidati divinamente, mentre Mu'awiya e coloro che vennero dopo di lui furono visti come tiranni oppressivi. Tuttavia, i sunniti gli accordano lo status di compagno di Maometto e lo considerano uno scriba della rivelazione coranica ( katib al-wahi ). Per questi motivi, è anche rispettato. Alcuni sunniti difendono la sua guerra contro Ali ritenendo che, sebbene in errore, abbia agito secondo il suo miglior giudizio e non avesse cattive intenzioni.

La guerra di Mu'awiya con Ali, che gli sciiti considerano il vero successore di Maometto , lo ha reso una figura insultata nell'Islam sciita. Secondo gli sciiti, sulla base di questo solo Mu'awiya si qualifica come non credente, se era un credente tanto per cominciare. Inoltre, è ritenuto responsabile dell'uccisione di un certo numero di compagni di Maometto a Siffin, dopo aver ordinato la maledizione di Ali dal pulpito, nominando Yazid come suo successore, che ha continuato a uccidere Husayn a Karbala, giustiziando il filo-Alid Kufan nobile Hujr ibn Adi, e assassinando Hasan per avvelenamento. In quanto tale, è stato un bersaglio particolare delle tradizioni sciite. Alcune tradizioni ritengono che sia nato da una relazione illegittima tra la moglie di Abu Sufyan, Hind, e lo zio di Maometto, Abbas . Si ritiene che la sua conversione all'Islam sia priva di qualsiasi convinzione e sia stata motivata dalla convenienza dopo che Maometto conquistò la Mecca. Su questa base gli viene conferito il titolo di taliq (schiavo liberato di Maometto). Un certo numero di hadith sono attribuiti a Maometto che condanna Mu'awiya e suo padre Abu Sufyan in cui è chiamato "un uomo maledetto ( la'in ) figlio di un uomo maledetto" e profetizza che morirà come non credente. A differenza dei sunniti, gli sciiti gli negano lo status di compagno e confutano anche le affermazioni sunnite che fosse uno scriba della rivelazione coranica. Come altri oppositori di Ali, Mu'awiya è maledetto in un rituale chiamato tabarra , ritenuto da molti sciiti un obbligo.

che introducevano misure contrarie alla memoria di Mu'awiya e gli oppositori del governo che lo usavano come strumento per rimproverare gli sciiti.

Appunti

Riferimenti

Bibliografia

Ulteriori letture

Mu'awiya I
Dinastia degli Omayyadi
Califfo dell'Islam
Califfo omayyade

661–680