Fronte di liberazione nazionale dell'Angola -
National Liberation Front of Angola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Abbreviazione FNLA
Presidente Ngola Kabangu
Fondato 1954 (come movimento di guerriglia União dos Povos do Norte de Angola)
1959 (come movimento di guerriglia União dos Povos de Angola)
1961 (come movimento di guerriglia FNLA)
1992 (come partito)
Sede centrale Luanda , Repubblica dell'Angola
Ideologia Nazionalismo civico
Democrazia cristiana
Conservatorismo
Posizione politica Centrodestra
Seggi all'Assemblea Nazionale
1 / 220
Bandiera del partito
Bandeira da FNLA.svg

Il Fronte Nazionale per la Liberazione dell'Angola ( portoghese : Frente Nacional de Libertação de Angola ; abbreviato FNLA ) è un partito politico ed ex organizzazione militante che ha combattuto per l'indipendenza dell'Angola dal Portogallo nella guerra di indipendenza , sotto la guida di Holden Roberto .

Fondato nel 1954 come movimento di guerriglia União dos Povos do Norte de Angola , era conosciuto dopo il 1959 come movimento di guerriglia União dos Povos de Angola ( UPA ) e dal 1961 come movimento di guerriglia FNLA.

In vista delle prime elezioni multipartitiche nel 1992, l'FNLA è stata riorganizzata come partito politico. L'FNLA ha ricevuto il 2,4% dei voti e ha fatto eleggere cinque membri del Parlamento. Nelle elezioni parlamentari del 2008 , l'FNLA ha ricevuto l'1,11% dei voti, vincendo tre seggi su 220.

Storia

Origine

Nel 1954, l'United People of Northern Angola (UPNA) è stato formato come movimento separatista per la tribù Bakongo che desiderava ristabilire il suo regno feudale del XVI secolo, ma era anche un movimento di protesta contro il lavoro forzato. Holden Roberto doveva essere il re di quella terra. Nel 1958, il nome dell'organizzazione cambiò in "União das Populações de Angola" (UPA) sotto Holden Roberto che proveniva da São Salvador , Bakongo, nell'Angola settentrionale con l'organizzazione appena nominata descritta come un movimento politico etnico. Nel marzo 1961, l'UPA iniziò una rivolta nel nord massacrando migliaia di coloni e servitori bianchi, la maggior parte dell'etnia meridionale Bailundo, "assimilados", cattolici africani e membri tribali diversi dalla tribù Bakongo, uomini donne e bambini allo stesso modo. Il governo portoghese ha risposto inviando soldati in Angola e più di 50.000 persone sarebbero morte nelle violenze entro la fine del 1961. Si diceva che più di un milione di rifugiati sarebbe fuggito dal nord dell'Angola per lo Zaire. Nel tentativo di diventare un movimento politico nazionale, si è fuso con il "Partido Democratico de Angola" (PDA) per formare il "Frente Nacional de Libertação de Angola" (FNLA). Nel febbraio 1962, l'FNLA si era fusa in un'organizzazione chiamata Angolan Revolutionary Government in Exile (GRAE) con Roberto come presidente e Jonas Savimbi come ministro degli esteri, con sede a Kinshasa , Zaire e riconosciuta dall'Organizzazione dell'Unità Africana (OUA). come unico movimento di libertà dell'Angola fino al 1971. I suoi membri principali erano rifugiati ed espatriati angolani nello Zaire.

Aiuti esteri

Il governo degli Stati Uniti iniziò ad aiutare l'FNLA nel 1961 durante l' amministrazione Kennedy e dirottò un terzo dei suoi aiuti ufficiali allo Zaire alle organizzazioni FNLA e UNITA . Nel corso di molti anni, i governi di Algeria , Tunisia , Germania Ovest , Ghana , Israele , Francia , Romania , Repubblica popolare cinese , Sud Africa , Stati Uniti , Zaire e Liberia hanno attivamente sostenuto e aiutato l'FNLA. Il governo francese fornì uomini e prestò un milione di sterline senza interessi. Il governo israeliano ha fornito aiuti all'FNLA tra il 1963 e il 1969. Holden Roberto ha visitato Israele negli anni '60 ei membri dell'FNLA sono stati inviati in Israele per l'addestramento. Durante gli anni '70 il governo israeliano ha spedito armi all'FNLA attraverso lo Zaire . La Repubblica popolare cinese ha iniziato a fornire armi all'FNLA nel 1964. Ha fornito all'FNLA equipaggiamento militare e almeno 112 consiglieri militari.

Scioglimento di GRAE

Nel luglio 1964, il diritto del GRAE come unico movimento di liberazione fu contestato con le dimissioni del primo ministro del Congo Cyrille Adoula , il loro sostenitore, e la partenza di Jonas Savimbi, che avrebbe continuato a formare il suo unico movimento di liberazione UNITA a causa della leadership dittatoriale di Roberto, riluttanza ad accettare il sostegno non occidentale e la mancanza di un programma politico. Roberto avrebbe fatto un "colpo di stato" nel giugno 1965 del suo ministro della Difesa e nel novembre dello stesso anno suo cognato, Mobutu Sese Seko , prese il controllo dello Zaire con un colpo di stato. Ma nel 1968 l'unità del GRAE aveva cominciato a disintegrarsi.

La politica di Nixon in Angola

Quando il presidente Richard Nixon assunse la carica nel 1969, ordinò una revisione della politica degli Stati Uniti nei confronti dell'Angola, del Sud Africa e della Rhodesia . Nel gennaio 1970 fu adottato il Memorandum di studio 39 del Consiglio di sicurezza nazionale, che riconosceva che i regimi bianchi in quei paesi non dovevano essere isolati politicamente ed economicamente e che coinvolgerli era il mezzo migliore per ottenere cambiamenti nei loro sistemi. Ciò significava una riduzione degli aiuti all'FNLA.

Colpo di stato in Portogallo

Alla fine del 1972, l'FNLA concluse un cessate il fuoco con l' MPLA , che era stato attaccato dal primo nel nord-ovest dell'Angola e dai portoghesi nel nord-est. Una condizione del cessate il fuoco era la necessità di più armi in quanto non aveva aiuti statunitensi a parte il servitore della CIA di Roberto, e Neto parlò ai tanzaniani che intercessero presso il governo cinese. Dopo che tutti i gruppi incontrarono i cinesi, l'FNLA ricevette aiuti militari e addestramento dall'inizio del 1973 fino all'autunno del 1974, e in seguito solo aiuti diplomatici. Nell'aprile 1974, in Portogallo si verificò un colpo di stato militare con un successivo annuncio di futura indipendenza per le sue colonie, che iniziò il processo da parte di FNLA, MPLA e UNITA nel tentativo di rafforzare la loro portata in tutta l'Angola e provocò conflitti tra loro. Il governo rumeno consegnò armi all'FNLA nell'agosto 1974. Nell'agosto 1974, il governo angolano portoghese aveva proposto un piano biennale per l'indipendenza con i tre gruppi e i coloni bianchi che formavano un governo di coalizione, ma questo fu respinto a titolo definitivo. Al fine di porre fine al conflitto tra i gruppi, furono organizzati cessate il fuoco individuali tra i gruppi e il Consiglio militare angolano portoghese, con la firma dell'FNLA il 15 ottobre 1974 che consentì a esso e agli altri tre partiti di liberazione di istituire uffici politici a Luanda. Entro il 25 novembre 1974, il 18 dicembre è stato concluso un cessate il fuoco tra l'FNLA e l'UNITA e con l'MPLA.

La politica di Ford in Angola

Quando Gerald Ford assunse la presidenza nell'agosto 1974, la nuova politica estera degli Stati Uniti si spostò dallo Study Memorandum 39 del Consiglio di sicurezza nazionale a uno di sostegno al governo nero in Angola, nonché sostegno passivo al governo bianco e quindi un aiuto minimo fu restituito a l'FNLA. Ma nel novembre 1974, gli Stati Uniti decisero di non volere un futuro governo dominato dall'MPLA filo-sovietico, quindi la CIA finanziò l'FNLA con $ 300.000 per aiutarlo a raggiungere quell'obiettivo.

Il tentativo dell'Africa di mediare

La crescente violenza si tradurrebbe nel raduno dell'FNLA e degli altri due partiti a Mombasa , in Kenya , dal 3 al 5 gennaio 1975 su invito del presidente Jomo Kenyatta . L'obiettivo dell'incontro era unire le parti e trovare un terreno comune prima dei colloqui per l'indipendenza in Portogallo alla fine del mese. Roberto parlando a nome di tutti, ha dichiarato che è stato raggiunto un accordo e che tutte le parti hanno superato le loro divergenze e si sono accordate in primo luogo per una società giusta e democratica senza discriminazioni etniche; concordare un governo di transizione, le forze armate e il servizio civile e, infine, cooperare alla decolonizzazione e alla difesa del Paese. L'FNLA e le altre parti si sarebbero incontrate a Portimao , in Portogallo, il 10 gennaio 1975 e avrebbero portato alla formazione dell'Accordo di Alvor , firmato il 15 gennaio 1975, che avrebbe concesso l'indipendenza dell'Angola dal Portogallo l'11 novembre, ponendo fine alla guerra di indipendenza. Il piano prevedeva anche un governo di coalizione e un esercito unito.

Il fallimento del governo di transizione

Entro 24 ore dall'accordo di Alvor, il 23 marzo sono scoppiati combattimenti a Luanda tra l'FNLA e l'MPLA con ulteriori violenze, quando l'MPLA Lopo do Nascimento è stato oggetto di un tentativo di omicidio da parte dell'FNLA. Si dice anche che il mancato lavoro del governo di transizione fosse il risultato della mancanza di interesse da parte del governo portoghese in Angola per aver affrontato un fallito contro-colpo di stato a Lisbona dal generale Spinola e la mancanza di volontà delle truppe portoghesi di prestare servizio in Angola e porre fine alla violenza tra MPLA e FNLA. L'ultima goccia è stata il licenziamento in agosto dell'Alto Commissario portoghese Antonio da Silva Cardoso il cui tentativo di regnare nell'MPLA ha avuto il sostegno dell'FNLA. L'FNLA ha visto la sua unica alternativa come militare dopo essere stato espulso da Luanda. Il 29 agosto 1975, l'accordo di Alvor è stato sospeso dal Portogallo ad eccezione dell'indipendenza di novembre e del ritiro delle sue truppe che segnalano un'escalation di violenza per il controllo dell'Angola prima di quella data.

Aumentano gli aiuti segreti statunitensi all'FNLA

Il governo degli Stati Uniti non credeva che il piano portoghese avrebbe funzionato e l'MPLA avrebbe tentato di prendere il potere installando al potere un regime di ritorno sovietico. Alla fine di gennaio 1975, il Comitato 40 , parte del ramo esecutivo del governo degli Stati Uniti, si riunì e esaminò una proposta della CIA per finanziare l'FNLA con $ 300.000 e l'UNITA, $ 100.000. Il comitato approverebbe il finanziamento dell'FNLA ma non dell'UNITA. Il denaro doveva essere utilizzato dall'FNLA per acquistare giornali e stazioni radio. Oltre al denaro, gli Stati Uniti hanno fornito armi allo Zaire che a sua volta le ha passate all'FNLA e fornito anche diverse migliaia di soldati. Con questo finanziamento, Roberto credeva che qualsiasi futura coalizione potesse essere abbandonata e così facendo i sovietici avrebbero iniziato ad aumentare i suoi aiuti all'MPLA. Nel giugno 1975, la CIA ha richiesto un incontro con il Comitato 40 in cui ha proposto un aumento degli aiuti per l'FNLA. Non è stata presa una decisione per un mese poiché il Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti (NSC) e il Dipartimento di Stato americano desideravano prendere in considerazione la proposta. L'assistente del segretario di Stato Nathaniel Davies si è opposto a ulteriori aiuti poiché credeva che non avrebbe aiutato l'FNLA a diventare militarmente forte come l'MPLA se non con enormi quantità di denaro; intensificare il coinvolgimento sovietico e cubano e temeva che il Sud Africa sarebbe intervenuto e ciò avrebbe avuto connotazioni diplomatiche negative per gli Stati Uniti in Africa, quindi l'unica opzione era una soluzione diplomatica. Henry Kissinger ha assicurato che il punto di vista dell'NSC prevalesse e che l'aiuto, non la diplomazia, potesse impedire una vittoria dell'MPLA, quindi un aiuto di $ 14 milioni è stato approvato per l'FNLA e l'UNITA a luglio e che è aumentato a $ 25 milioni ad agosto e ha raggiunto $ 32 milioni a settembre. L'assistenza sarebbe diventata nota come Operazione IA Feature . Il piano segreto della CIA iniziò a inviare rifornimenti all'FNLA attraverso lo Zaire e lo Zambia e fu in grado di fornire entro novembre 1975, 12 APC , 50 SAM , 1000 mortai, 50.000 fucili e mitragliatrici, 100.000 granate, 25 milioni di munizioni, 60 camion, rimorchi, barche, radio, pezzi di ricambio, medicine e cibo con l'addestramento di consiglieri militari statunitensi in pensione e cinque aerei da ricognizione, nonché mercenari. La CIA ha nominato John Stockwell per gestire la Task Force angolana, ma ha scoperto che molti membri della CIA dubitavano della capacità dell'FNLA di battere l'MPLA e ciò è stato confermato quando ha visitato l'Angola e ha scoperto la mancanza di sostegno politico per l'organizzazione e temeva anche qualsiasi ingresso delle forze sudafricane in Angola minerebbe diplomaticamente gli Stati Uniti in Africa.

I sudafricani entrano nella guerra civile

Con il pretesto degli attacchi intorno all'impianto idroelettrico di Calueque , l'esercito sudafricano entrerebbe in Angola per difendere i suoi interessi nella struttura e si svilupperebbe nell'operazione Savannah per aiutare l'FNLA e l'UNITA a ottenere il massimo controllo dell'Angola meridionale e centrale prima dell'indipendenza giorno di novembre. Gli Stati Uniti sembravano dare il via libera all'invasione segreta sudafricana, ma questo sarebbe presto cambiato quando il loro coinvolgimento sarebbe diventato di dominio pubblico, gli Stati Uniti avrebbero preso le distanze. I sudafricani avanzerebbero vicino a Luanda da sud, mentre una piccola forza di artiglieria e consiglieri sudafricani sosterrebbe l'FNLA a nord.

L'FNLA attacca Luanda

Senza il controllo di Luanda nel giorno dell'indipendenza, Roberto ha visto che la legittimità internazionale dell'FNLA sarebbe stata messa in dubbio. L'unico attacco "adatto" a Luanda è stato da nord attraverso Quifangondo. Gli attacchi furono effettuati dall'FNLA il 5 e l'8 novembre 1975 ma furono ogni volta respinti dall'MPLA. Con il giorno dell'indipendenza incombente l'11 novembre 1975, Roberto diede l'ordine definitivo di attaccare Quifangondo il 10 novembre ignaro che i cubani avevano rafforzato le posizioni con truppe e nuovo equipaggiamento sovietico. Roberto avrebbe affermato che il sudafricano stava inviando uomini per aiutarlo mentre i sudafricani affermavano di aver messo in guardia contro un assalto frontale, ma qualunque fosse la vera storia, l'assalto finale dell'FNLA a quella che divenne nota come la battaglia di Quifangondo fallì disastrosamente. L'MPLA mantenne Luanda e l'Angola ottenne l'indipendenza dall'Alto Commissario portoghese con Neto che dichiarò la Repubblica popolare dell'Angola. L'FNLA avrebbe continuato la sua lotta in Angola per altri quattro mesi.

Gli aiuti statunitensi cessano

Il 6 novembre 1975, il direttore della CIA William Colby è apparso davanti alla commissione per le relazioni estere del Senato e li ha informati che la sua organizzazione non aveva informato completamente la commissione sulle sue attività in Angola e il giorno successivo il New York Times ha rilasciato la testimonianza al mondo. Entro il 26 novembre, la Nigeria , contro la volontà degli Stati Uniti, aveva riconosciuto il governo dell'MPLA e ben presto convinto altre ventidue nazioni africane a riconoscerlo. Entro dicembre, il presidente Ford e Kissinger decidono che gli aiuti ai partiti di opposizione non devono essere abbandonati e alla CIA è stato ordinato di elaborare ulteriori piani di aiuto che avrebbero bisogno dell'approvazione del Senato, ma nel frattempo la commissione per le relazioni estere del Senato ha redatto l' emendamento Clark , chiamato dopo il senatore Dick Clark , dopo la sua visita in Angola. Ha concluso che la Casa Bianca e la CIA avevano mentito sul loro coinvolgimento e che lo sforzo statunitense era responsabile del trascinamento dei cubani e dei sudafricani nel conflitto del paese. Il Dipartimento di Stato e la CIA, incapaci di rimanere sul messaggio, non furono in grado di convincere la Camera o il Senato e il 19 dicembre 1975 l'emendamento Clark approvò il Senato e gli aiuti segreti statunitensi in Angola si conclusero con la Camera il 27 gennaio 1976.

L'FNLA si ritira dall'Angola

.

Fine militare dell'FNLA

) ma cessò di esistere nel 1983.

Storia elettorale

Elezioni presidenziali

Elezione Candidato di partito Voti % Risultato
1992 Holden Roberto 83.135 2,11% Perduto X rossa
n

Elezioni dell'Assemblea Nazionale

Elezione Capo del partito Voti % Sedili +/– Posizione Risultato
1992 Holden Roberto 94.742 2,40%
5/220
Aumento 5 Aumento Opposizione
2008 Ngola Kabangu 71.416 1,11%
3 / 220
Diminuire 2 Costante Opposizione
2012 65.163 1,13%
2 / 220
Diminuire 1 Diminuire Opposizione
2017 63.658 0,93%
1 / 220
Diminuire 1 Costante Opposizione

Guarda anche

Riferimenti

Ulteriori letture

  • Chris Dempster, Fire Power (resoconto di prima mano di mercenari stranieri che combattono dalla parte dell'FNLA) [1]
  • Peter McAleese, Soldato mediocre