Conflitto di banditi nigeriani -
Nigerian bandit conflict

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Parte dei conflitti tra pastori e agricoltori in Nigeria
Nigerianbandits.png
Banditi nigeriani alla loro base nel 2021
Data 2011-presente
Posizione
In tutto il nord-ovest della Nigeria
Stato In corso

Nigeria
Nigeria

Gruppi vigilanti

Varie bande

  • milizie Hausa
  • milizie Fulani

Presunto coinvolgimento

Kachalla Halilu

  • 312 Reggimento Artiglieria da Campo
  • 31 Brigata di artiglieria
  • 223 Battaglione corazzato
  • 2 Battaglione
207 Gruppo di risposta rapida
Sconosciuto
Sconosciuto 30.000+ Stato di Zamfara
Sconosciuto
1 Alpha Jet
Sconosciuto
Almeno 12.000 hanno ucciso
450.000 sfollati

Il conflitto dei banditi nel nord-ovest della Nigeria è un conflitto in corso tra il governo del paese e varie bande e milizie etniche. A partire dal 2011, l'insicurezza rimasta dal conflitto tra i gruppi etnici Fulani e Hausa ha consentito rapidamente la formazione di altri elementi criminali e jihadisti nella regione.

Origini

Le origini del conflitto dei banditi possono essere fatte risalire ai conflitti tra pastori e allevatori che affliggono la Nigeria. Il declino ambientale e la scarsità di acqua e seminativi hanno portato le comunità a competere ferocemente per quelle risorse limitate. La disoccupazione, la povertà su larga scala e il debole governo locale hanno consentito a un flusso costante di persone disperate che si dedicano all'attività criminale per guadagnarsi da vivere. Ampie aree boschive consentono l'occultamento e la formazione di accampamenti nel profondo della foresta. La polizia e il personale militare non equipaggiati non sono in grado di raggiungere queste aree.

Escalation

La continua insicurezza, la desertificazione e la possibile influenza jihadista hanno consentito un aumento degli attacchi. Il contrabbando di armi su larga scala ha consentito alle bande criminali di accedere ad armi pesanti, aumentando la scadenza degli attacchi. Le forze locali e federali sottoequipaggiate, insieme al terreno accidentato, rendono pericolose le azioni offensive nella foresta e suscettibili di agguati e attacchi. La continua incapacità del governo di affrontare efficacemente il problema ha permesso all'insicurezza di diffondersi e crescere in ferocia.

Rapimento

È noto che i banditi in Nigeria si recano nei villaggi in motocicletta per depredare e rapire gli abitanti, uccidendo chiunque resista. Il rapimento è un'impresa molto redditizia nel nord-ovest della Nigeria. Tra il 2011 e il 2020, i nigeriani hanno pagato almeno 18 milioni di naira per liberare familiari e amici.

Commercio di armi

Le armi illegali sono prevalenti nel nord-ovest della Nigeria. Le bande di banditi controllano le miniere d'oro e usano l'oro per acquistare armi da trafficanti d'armi interni e internazionali. Ci sono circa 60.000 armi illegali in circolazione nel nord-ovest della Nigeria. Il confine della Nigeria settentrionale è indifeso, con solo 1.950 membri del personale che sorvegliano l'intero confine, facilitando il contrabbando attraverso il confine.

belligeranti

Banditi nigeriani all'interno della loro base, febbraio 2021

Nel solo stato di Zamfara, ci sono (a partire dal 2021) oltre 30.000 banditi e 100 campi.

Ali Kachalla

Ali Kachalla è un capo bandito sulla trentina, nato in una piccola città chiamata Madada vicino a Dansadau. Kachalla controlla un gruppo di banditi di circa 200 nella foresta di Kuyambana. La sua base operativa principale consiste in diverse capanne lungo il fiume Goron Dutse, a circa 25 km a sud di Dansadau. La banda di Kachalla controlla direttamente i villaggi di Dandalla, Madada e Gobirawa Kwacha, da dove lancia attacchi contro Dansadau e altre comunità vicine. La banda di Kachalla è alleata della banda nomade di Dogo Gide.

.

Dogo Gide

Abubakar Abdullahi, noto come Dogo Gide, è il capo di un gruppo di banditi vicino a Dansadau. Viene dal governo locale di Maru ed è sulla quarantina, sposato con figli. È noto per aver ucciso il leader dei banditi Buharin Daji e 24 membri della banda di Daji attirando Daji a un incontro di pace. Ha anche ucciso un leader bandito rivale di nome Damina che aveva attaccato i villaggi sotto il controllo di Gide.

Kachalla Halilu Sububu Seno

Kachalla Halilu Sububu Seno è il leader di un gruppo di banditi Fulani. Comanda oltre 1.000 banditi nella foresta di Sububu attraverso lo stato di Zamfara e ha collegamenti con gruppi di banditi nei paesi dell'Africa occidentale del Mali , del Senegal , del Burkina Faso , del Camerun e della Repubblica Centrafricana . Ha firmato un trattato di pace con la città di Shinkafi ma ha spostato le sue attività altrove.

Kachalla Turji

Kachalla Turji, noto anche come Gudda Turji, è il capo di un gruppo di banditi che opera lungo Sokoto Road, facendo irruzione in città, villaggi e insediamenti nell'area. Il 17 luglio 2021, la base principale di Kachalla Turji è stata perquisita dal personale di sicurezza, dove hanno arrestato suo padre. Kachalla Turji ha quindi attaccato i villaggi di Kurya, Keta, Kware, Badarawa, Marisuwa e Maberaya, uccidendo 42 persone, rapendo 150 e bruciando 338 case.

Dan Karami

Dan Karami è il leader di una banda di banditi che opera nelle aree del governo locale di Safana , Dan Musa e Batsari . Il gruppo di Karami è responsabile del rapimento di 300 studenti di un collegio secondario. Il 23 gennaio 2021, Karami è stato ferito durante uno scontro con un gruppo rivale guidato da Mani Na Saleh Mai Dan Doki per il controllo di armi, munizioni e bestiame rubato. Lo scontro ha avuto luogo nel villaggio di Illela e ha ucciso 20 banditi di Dan Karami e nove civili.

Adamu Aliero Yankuzo

Adamu Aliero Yankuzo, meglio conosciuto come Yankuzo, è il capo di un gruppo di banditi che opera nelle regioni boscose degli stati di Katsina e Zamfara. Controlla un gruppo di banditi che conta circa 2.000. Yankuzo ha 45 anni ed è nato nel villaggio di Yankuzo. Ha almeno un figlio. Il 16 giugno 2020 Yankuzo è stato dichiarato ricercato dal comando di polizia di stato di Katsina per cinque milioni di naira nigeriane . La banda di Yankuzo ha compiuto una serie di attacchi, tra cui l'uccisione di 52 persone nel villaggio di Kadisau per vendetta dell'arresto di suo figlio il 9 giugno 2020.

Gruppi jihadisti

ISWAP e Boko Haram hanno entrambi affermato di aver compiuto attacchi nel nord-ovest della Nigeria e alcuni gruppi di banditi hanno affermato di aver stretto alleanze con i gruppi jihadisti. In una telefonata intercettata dall'intelligence americana nell'ottobre 2021, un gruppo jihadista senza nome e un gruppo di banditi hanno discusso delle operazioni di rapimento e dei negoziati tra i gruppi.

Si ritiene inoltre che Boko Haram abbia inviato personale specializzato, inclusi fabbricanti di bombe e consiglieri militari, nonché equipaggiamento militare nello stato di Kaduna per addestrare ed equipaggiare gli alleati dei loro gruppi di banditi.

Rinascita di Ansaru

Si ritiene che Ansaru, un gruppo jihadista legato ad al-Qaeda, operasse nello stato di Kaduna. Dopo essere rimasto in silenzio nel 2013, Ansaru ha iniziato ad attaccare il personale e le infrastrutture dell'esercito e della polizia nigeriani, inclusa un'imboscata a un convoglio militare nigeriano il 15 gennaio 2020.

Bello Turji

Bello Turji Kachalla è il capo di una banda di banditi e rapitori che opera negli stati di Zamfara e Sokoto.

Rifugiati

Almeno 247.000 persone sono state sfollate e 120 villaggi sono stati rasi al suolo a causa della continua attività di banditi nel nord-ovest della Nigeria. Almeno 77.000 degli sfollati sono stati costretti nella regione di Maradi , in Niger , dove continuano i raid e gli attacchi transfrontalieri. Almeno 11.320 rifugiati sono stati ricollocati con successo.

Sequenza temporale

Banditi arrestati nello stato di Zamfara, settembre 2021

Operazioni del governo nigeriano

Operazione Harbin Kunama

L'8 luglio 2016, il presidente Muhammadu Buhari ha annunciato che l'esercito nigeriano avrebbe lanciato un'operazione militare denominata Operazione Harbin Kunama. L'operazione è stata effettuata dal 223 battaglione corazzato della 1a divisione meccanizzata e ha preso di mira gruppi di banditi nella foresta di Dansadau. Nei giorni precedenti l'annuncio, i convogli hanno trasportato nello stato di Zamfara nuovo equipaggiamento militare, inclusi carri armati e veicoli corazzati da combattimento .

Operazione Sharan Daji

All'inizio del 2016, l'operazione Sharan Daji è stata lanciata dall'esercito nigeriano per combattere i banditi nel nord-ovest. L'operazione è stata condotta dalla 31 Brigata di Artiglieria e dal 2 Battaglione della prima 1 Divisione Meccanizzata. A marzo 2016, 35 banditi sono stati uccisi, 36 pistole sequestrate, 6.009 bovini sono stati recuperati, 49 campi di banditi sono stati distrutti e 38 banditi sono stati catturati.

Operazione Accordo

Il 5 giugno 2020, l'esercito nigeriano ha lanciato l'Operazione Accord, che ha istituito una task force congiunta di vigilanti e truppe del 312° reggimento di artiglieria. Lo stesso giorno in cui è stata annunciata l'operazione è stata lanciata un'offensiva aerea e terrestre, che ha ucciso più di 70 banditi. L'operazione ha portato alla distruzione di più campi di banditi, incluso un campo appartenente ad Ansaru.

Grandi attacchi di banditi

2020

2021

2022

Riferimenti