pirosseno -
Pyroxene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Cristalli di pirosseno ( diopside ) dall'Afghanistan
.

Il nome pirosseno deriva dalle parole greche antiche per "fuoco" ( pyr

πυρ
) e "straniero" ( ksénos
ξένος
). I pirosseni furono così chiamati per la loro presenza nelle lave vulcaniche, dove si trovano talvolta come cristalli incastonati nel vetro vulcanico ; si presumeva che fossero impurità nel bicchiere, da cui il nome che significa "estranee al fuoco". Tuttavia, sono semplicemente minerali precoci che si sono cristallizzati prima che la lava eruttasse.

Il mantello superiore della Terra è composto principalmente da minerali di olivina e pirosseno. Pirosseno e feldspato sono i principali minerali nelle rocce di basalto , andesite e gabbro .

Chimica e nomenclatura dei pirosseni

La struttura a catena dei silicati dei pirosseni offre molta flessibilità nell'incorporazione di vari cationi e i nomi dei minerali pirosseni sono principalmente definiti dalla loro composizione chimica. I minerali di pirosseno sono denominati in base alle specie chimiche che occupano il sito X (o M2), il sito Y (o M1) e il sito T tetraedrico. I cationi nel sito Y (M1) sono strettamente legati a 6 ossigeni in coordinazione ottaedrica. I cationi nel sito X (M2) possono essere coordinati con da 6 a 8 atomi di ossigeno, a seconda della dimensione del catione. Venti nomi di minerali sono riconosciuti dalla Commissione sui nuovi minerali e i nomi dei minerali dell'International Mineralogical Association e 105 nomi usati in precedenza sono stati scartati (Morimoto et al. , 1989).

nomenclatura pirosseno
Nomenclatura quadrilatera dei pirosseni dei pirosseni di calcio, magnesio, ferro
Nomenclatura triangolo pirosseno dei pirosseni di sodio
ha la formula dell'ipotetico membro finale calcio ma importanti differenze strutturali significano che è invece classificato come pirossenoide.

Magnesio, calcio e ferro non sono affatto gli unici cationi che possono occupare i siti X e Y nella struttura del pirosseno. Una seconda importante serie di pirosseni sono i pirosseni ricchi di sodio, corrispondenti alla nomenclatura del "triangolo dei pirosseni". L'inclusione di sodio, che ha una carica di +1, nel pirosseno implica la necessità di un meccanismo per recuperare la carica positiva "mancante". Nella giadeite e nell'egirina questo viene aggiunto dall'inclusione di un catione +3 (rispettivamente alluminio e ferro (III)) nel sito Y. Pirosseni sodici con più di 20 moli.% Di calcio, magnesio o ferro (II) sono noti come componenti omphacite e egirina-augite , con 80% o più di questi componenti pirosseno cade nel quadrilatero.

Un'ampia gamma di altri cationi che possono essere alloggiati nei diversi siti delle strutture del pirosseno.

Ordine di occupazione dei cationi nei pirosseni
T si Al Fe 3+
Al Fe 3+ Ti 4+ Cr V Ti 3+ Zr Ns Zn Mg Fe 2+ mn
X Mg Fe 2+ mn Li Circa N / A

Nell'assegnare gli ioni ai siti, la regola di base è lavorare da sinistra a destra in questa tabella, assegnando prima tutto il silicio al sito T e poi riempiendo il sito con il restante alluminio e infine ferro (III); alluminio o ferro extra possono essere alloggiati nel sito Y e ioni più voluminosi nel sito X.

Non tutti i meccanismi risultanti per ottenere la neutralità della carica seguono l'esempio del sodio sopra, e ci sono diversi schemi alternativi:

In natura, nello stesso minerale si possono trovare più sostituzioni.

Minerali di pirosseno

Una sottile sezione di pirosseno verde
Un campione di pirossenite (meteorite ALH84001 da Marte), una roccia costituita principalmente da minerali di pirosseno
  • Clinopirosseni (monoclini)
  • Ortopirosseni ( ortorombici )
    • Bronzite , intermedio tra enstatite e iperstene
    • Eulite, intermedio tra iperstene e ferrosilite

Guarda anche

Riferimenti