Seconda Battaglia della Strada della Coruña -
Second Battle of the Corunna Road

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Parte della guerra civile spagnola
Data 13 dicembre 1936-15 gennaio 1937
Posizione
Vicino a Madrid , Spagna
Risultato Indeciso
Spagna
Repubblica spagnola
Spagna franchista
Spagna nazionalista
20.000 fanti, più rinforzi carri leggeri 17.000 fanteria e cavalleria (13 dicembre)
15.000 morti o feriti 15.000 morti o feriti

La seconda battaglia della strada della Coruña ( in spagnolo : Batalla de la Carretera de Coruña ) fu una battaglia della guerra civile spagnola che ebbe luogo dal 13 dicembre 1936 al 15 gennaio 1937, a nord-ovest di Madrid . Nel dicembre 1936, i nazionalisti lanciarono un'offensiva per tagliare la Corunna e isolare Madrid, ma una controffensiva repubblicana fermò l'avanzata nazionalista. I nazionalisti tagliarono la strada della Coruña ma non riuscirono a circondare Madrid.

Sfondo

La battaglia di Madrid nel novembre 1936 era stata combattuta fino a un punto morto, inclusa la prima battaglia della Corunna , con i nazionalisti sotto Franco che non riuscirono a conquistare la città. Cominciarono quindi ad assediarlo, con l'obiettivo di tagliare i suoi legami con il resto della Spagna . Franco decise di attaccare la città da nord-ovest per interrompere le forniture di acqua ed elettricità dalla Sierra de Guadarrama e circondare la città. Dopo un'offensiva fallita a novembre, i nazionalisti convocarono una forza di 17.000 uomini, guidati dal generale Orgaz, con quattro brigate mobili (guidate da García Escámez Francisco García Escámez, Barron, Saenz de Buruaga e Monasterio), sostenute da artiglieria pesante e Ju 52 bombardieri. L'esercito repubblicano aveva alcuni battaglioni guidati da Luis Barceló .

Battaglia

L'offensiva nazionalista

L'offensiva dei nazionalisti iniziò con un pesante bombardamento di artiglieria il 14 dicembre e le truppe franchiste occuparono la città di Boadilla del Monte . Come contromisura, i repubblicani inviarono un distaccamento di carri armati russi guidati dal generale Pavlov e due Brigate internazionali (XII e XIV) a Boadilla e lo rioccuparono. Eppure alla fine furono tagliati fuori nella città dai contrattacchi nazionalisti e presero una posizione difensiva. Dopo una situazione di stallo, Orgaz ha deciso di fermare l'offensiva il 19 dicembre dopo aver guadagnato alcuni chilometri.

La battaglia della nebbia

Verso la fine di dicembre, Orgaz ha ricevuto rinforzi e ha deciso di rilanciare l'offensiva il 3 gennaio. Questa offensiva divenne nota come la Battaglia della Nebbia. L'alto comando repubblicano ridistribuì le proprie unità nel settore Pozuelo - Brunete . I repubblicani avevano un corpo d'armata guidato da Miaja con cinque divisioni (guidate da Nino Nanetti, Modesto, colonnelli Perea, Adolfo Prada e Galan) ma avevano poche munizioni o rifornimenti.

Mentre i nazionalisti avanzavano sul fianco destro, le truppe repubblicane crollarono e Barron avanzò da Boadilla e raggiunse Las Rozas il 4 gennaio. Eppure a Pozuelo la divisione repubblicana Modesto, composta da quattro brigate miste, guidate da El Campesino, Luis Barcelo, Gustavo Duran e Cipriano Mera, riuscì a tenere il fronte. Inoltre, la fitta nebbia ha rallentato l'avanzata nazionalista. Il 5 gennaio le forze nazionaliste al comando di Varela concentrarono le sue otto batterie di artiglieria, carri armati e aerei da 105 e 155 mm su Pozuelo. Le truppe repubblicane crollarono e fuggirono in disordine, nonostante i loro sei carri armati T-26 russi avessero distrutto 25 carri armati leggeri tedeschi. Con le truppe repubblicane sparse senza contatto e senza munizioni, Miaja ha cercato di raggruppare la brigata di Lister e la XIV Brigata Internazionale nel miglior modo possibile.

Le colonne nazionaliste raggiunsero la strada della Coruña a Las Rozas e circondarono Pozuelo. Alle truppe repubblicane del battaglione tedesco Thälmann della XIV Brigata Internazionale fu ordinato di tenere Las Rozas e di non ritirarsi. Il 7 gennaio, la città è stata pesantemente bombardata dalle truppe nazionaliste e il battaglione Thälmann ha subito perdite spaventose, con solo 35 uomini sopravvissuti. Lo storico Hugh Thomas ha anche affermato che molti dei feriti furono uccisi dai nazionalisti regolari .

Contrattacco repubblicano

Entro il 9 gennaio, i nazionalisti avevano conquistato sette miglia della Corunna Road da Puerta de Hierro a Las Rozas. Il 10 gennaio, i repubblicani hanno iniziato una controffensiva nella nebbia pesante e nel freddo e la XII Brigata Internazionale ha raggiunto il territorio riconquistato a ovest di Madrid, comprese le città di Majadahonda , Villanueva , Pozuelo e Boadilla . Tuttavia, entro il 15 gennaio entrambe le parti erano esauste e la battaglia cessò.

Conseguenze

I nazionalisti tagliarono la strada della Corunna, ma non riuscirono a circondare Madrid dal fianco ovest. Entrambe le parti hanno subito circa 15.000 morti o feriti. Dopo la terza battaglia della Corunna nel gennaio 1937 con risultati simili, il successivo tentativo nazionalista di accerchiare Madrid fu la battaglia di Jarama , che si svolse tra il 6 e il 27 febbraio.

Guarda anche

Riferimenti

Citazioni

Fonti