Sidney Poitier -
Sidney Poitier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Sidney Poitier
1997–2007
Sidney Poitier 1968.jpg
Poitier nel 1968
Nato
(
1927-02-20
)
20 febbraio 1927
Miami, Florida, Stati Uniti
Morto 6 gennaio 2022
(2022-01-06)
(94 anni)
Nazionalità
  • americano
  • Bahamas
Occupazione
  • Attore
  • regista
  • diplomatico
anni attivi 1946–2009
Lavori
Lista completa
Coniuge/i
Juanita Hardy
( m.  1950; div.  1965 )
( m.  1976 )
Partner)
Diahann Carroll
(1959-1968)
Bambini 6, compresa Sydney
Premi Lista completa
Ambasciatore delle Bahamas
Ambasciatore in Giappone
2002–2007
Ambasciatore presso l' UNESCO
cinema hollywoodiano.

La famiglia di Poitier viveva alle Bahamas , allora ancora colonia della Corona , ma lui nacque inaspettatamente a Miami, in Florida, mentre erano in visita, cosa che gli concesse automaticamente la cittadinanza statunitense. È cresciuto alle Bahamas, ma si è trasferito a Miami all'età di 15 anni e a New York quando ne aveva 16. Si è unito all'American Negro Theatre , ottenendo il suo ruolo cinematografico rivoluzionario come studente delle superiori nel film Blackboard Jungle (1955) . Nel 1958, Poitier ha recitato con Tony Curtis nel ruolo di detenuti evasi incatenati in The Defiant Ones , che ha ricevuto nove nomination all'Oscar; entrambi gli attori hanno ricevuto nomination come miglior attore, con Poitier il primo per un attore nero. Entrambi hanno avuto anche nomination come miglior attore per i BAFTA, con Poitier che ha vinto. Nel 1964, ha vinto l'Oscar e il Golden Globe come miglior attore per I gigli del campo (1963), interpretando un tuttofare che aiuta un gruppo di suore di lingua tedesca a costruire una cappella.

Poitier ha ricevuto consensi anche per Porgy and Bess (1959), A Raisin in the Sun (1961) e A Patch of Blue (1965). Ha continuato a fare breccia in tre film di successo del 1967 che trattavano questioni di razza e relazioni razziali : To Sir, with Love ; Indovina chi viene a cena e In the Heat of the Night , l'ultimo dei quali ha vinto l' Oscar per il miglior film per quell'anno. Ha ricevuto nomination ai Golden Globe e ai BAFTA per la sua interpretazione nell'ultimo film e in un sondaggio l'anno successivo è stato votato come la migliore star del botteghino degli Stati Uniti. A partire dagli anni '70, Poitier ha anche diretto vari film comici, tra cui Stir Crazy (1980), con Richard Pryor e Gene Wilder , tra gli altri film. Dopo quasi un decennio lontano dalla recitazione, è tornato in televisione e al cinema recitando in Shoot to Kill (1988) e Sneakers (1992).

Poitier è stato insignito del titolo di cavaliere dalla regina Elisabetta II nel 1974. Nel 1982 ha ricevuto il Golden Globe Cecil B. DeMille Award . Nel 1995 ha ricevuto il Kennedy Center Honor . Dal 1997 al 2007 è stato ambasciatore delle Bahamas in Giappone. Nel 1999, si è classificato al 22° posto tra gli attori maschi nella lista " 100 Years...100 Stars " dell'American Film Institute e ha ricevuto lo Screen Actors Guild Life Achievement Award . Nel 2002 gli è stato conferito un Oscar ad honorem , in riconoscimento dei suoi "risultati notevoli come artista e come essere umano". Nel 2009 è stato insignito della Presidential Medal of Freedom , la più alta onorificenza civile negli Stati Uniti, dal presidente Barack Obama . Nel 2016 gli è stata assegnata la borsa di studio BAFTA per l'eccezionale carriera nel cinema.

Primi anni di vita

Sidney Poitier è nato il 20 febbraio 1927 a Miami, in Florida. Era il più giovane di sette figli nati da Evelyn (

nata
 
Outten) e Reginald James Poitier, agricoltori delle Bahamas che possedevano una fattoria a Cat Island . La famiglia si sarebbe recata a Miami per vendere pomodori e altri prodotti ai grossisti. Anche suo padre lavorava come tassista a Nassau . Poitier è nato inaspettatamente a Miami mentre i suoi genitori erano in viaggio d'affari; la sua nascita era prematura di tre mesi e non ci si aspettava che sopravvivesse, ma i suoi genitori rimasero a Miami per tre mesi per curarlo. Poitier è cresciuto alle Bahamas, allora colonia della Corona britannica . La sua nascita negli Stati Uniti gli ha dato la cittadinanza americana.

Alcuni credono che gli antenati di Poitier fossero emigrati da Haiti e che fossero probabilmente tra gli schiavi fuggiaschi che stabilirono comunità marroni in tutte le Bahamas, inclusa Cat Island. Poitier era originariamente un nome francese e all'epoca non c'erano Poitier bianchi nelle vicinanze alle Bahamas. Tuttavia, c'era stato un Poitier bianco a Cat Island: il nome derivava dal piantatore Charles Leonard Poitier, immigrato dalla Giamaica all'inizio del 1800. Nel 1834, la tenuta di sua moglie a Cat Island aveva 86 schiavi neri che mantennero il nome Poitier, un nome che era stato introdotto nell'Anglosfera dalla conquista normanna nell'XI secolo. Charles Leonard Poitier potrebbe essere originario di Haiti ma in precedenza aveva vissuto in Giamaica.

Sidney Poitier visse con la sua famiglia a Cat Island fino all'età di dieci anni, quando si trasferirono a Nassau. Lì è stato esposto al mondo moderno, dove ha visto la sua prima automobile e ha sperimentato per la prima volta l'elettricità, l'impianto idraulico, la refrigerazione e i film. Fu cresciuto come cattolico ma in seguito divenne un agnostico con opinioni più vicine al deismo .

del regolamento dell'esercito 615-360 nel dicembre 1944.

Dopo aver lasciato l'esercito, ha lavorato come lavapiatti fino a quando un'audizione di successo gli è valsa un ruolo in una produzione dell'American Negro Theatre, la stessa compagnia con cui ha fallito la sua prima audizione.

Carriera

Primi lavori

.

Nel 1947 Poitier fu membro fondatore del Committee for the Negro in the Arts, un'organizzazione i cui partecipanti erano impegnati in un'analisi di sinistra dello sfruttamento di classe e razziale.

anni '50

Una scena della commedia A Raisin in the Sun nel 1959, con (da sinistra) Louis Gossett Jr. nei panni di George Murchison, Ruby Dee nei panni di Ruth Younger e Poitier nei panni di Walter Younger
del 1957 che l'industria non poteva ignorare. Era un passo verso la celebrità che gli era stato concesso.

Poitier si è divertito a lavorare per il regista William Wellman in Good-bye, My Lady (1956). Wellman era un grande nome, aveva già diretto il famoso Roxie Hart (1942) con Ginger Rogers e Magic Town (1947) con James Stewart . Ciò che Poitier ha ricordato indelebilmente è stata la meravigliosa umanità di questo talentuoso regista. Wellman aveva una sensibilità che Poitier pensava fosse profonda, che Wellman sentiva di dover nascondere. " Poitier ha poi elogiato Wellman per aver ispirato il suo approccio premuroso alla regia quando si è ritrovato a prendere il timone da Joseph Sargent in Buck and the Preacher nel 1971.

come miglior attore straniero.

Poitier ha recitato nella prima produzione di A Raisin in the Sun insieme a Ruby Dee sul palco di Broadway all'Ethel Barrymore Theatre nel 1959. Lo spettacolo è stato diretto da Lloyd Richards . Lo spettacolo ha introdotto i dettagli della vita dei neri al pubblico prevalentemente bianco di Broadway, mentre il regista Richards ha osservato che è stata la prima opera teatrale a cui è stato attratto un gran numero di neri. Lo spettacolo è stato un pezzo rivoluzionario del teatro americano con Frank Rich , critico del New York Times che ha scritto nel 1983 che A Raisin in the Sun "ha cambiato per sempre il teatro americano". Per la sua interpretazione ha ottenuto una nomination al Tony Award come miglior attore in una commedia. Nello stesso anno Poitier avrebbe recitato nell'adattamento cinematografico di Porgy and Bess (1959) insieme a Dorothy Dandridge . Per la sua interpretazione, Poitier ha ricevuto una nomination al Golden Globe nel 1960 come miglior attore in una commedia o musical .

anni '60

Se il tessuto della società fosse diverso, urlerei in paradiso per interpretare i cattivi e per affrontare diverse immagini della vita dei negri che sarebbero più dimensionali. . . Ma sarò dannato se lo faccio in questa fase del gioco. Non quando c'è un solo attore negro che lavora nei film con un certo grado di coerenza. . .

Sidney Poitier (1967)

Nel 1961, Poitier ha recitato nell'adattamento cinematografico di A Raisin in the Sun per il quale ha ricevuto un'altra nomination ai Golden Globe. Sempre nel 1961, Poitier ha recitato in Paris Blues al fianco di Paul Newman , Joanne Woodward , Louis Armstrong e Diahann Carroll . Il film ha affrontato il razzismo americano dell'epoca in contrasto con l'accettazione aperta di Parigi dei neri . Nel 1963 ha recitato in Gigli del campo . Per questo ruolo, ha vinto l' Oscar come miglior attore ed è diventato il primo maschio nero a vincere il premio. La sua soddisfazione per questo onore è stata minata dalle sue preoccupazioni sul fatto che questo premio fosse più l'industria che si congratulava con se stessa per averlo come segno e gli avrebbe impedito di chiedere considerazioni più sostanziali in seguito. Poitier lavorò relativamente poco nell'anno successivo; è rimasto l'unico attore importante di origine africana ei ruoli offerti sono stati prevalentemente interpretati come un placatore pacato.

Nel 1964 Poitier registrò un album con il compositore Fred Katz intitolato Poitier Meets Plato , in cui Poitier recita brani degli scritti di Platone . Si è anche esibito nel film drammatico della Guerra Fredda The Bedford Incident (1965) insieme al produttore del film Richard Widmark, nel film epico biblico The Greatest Story Ever Told (1965) insieme a Charlton Heston e Max von Sydow e A Patch of Blue (1965) co -con Elizabeth Hartman e Shelley Winters .

Nel 1967, è stato il sorteggio di maggior successo al botteghino, l'apice commerciale della sua carriera, con tre film popolari, To Sir, with Love e In the Heat of the Night e Indovina chi viene a cena . In To Sir, with Love , Poitier interpreta un insegnante in una scuola secondaria nell'East End di Londra . Il film affronta questioni sociali e razziali nella scuola del centro città. Il film è stato accolto con una risposta mista; tuttavia, Poitier è stato elogiato per la sua interpretazione, con il critico di Time che ha scritto: "Anche i momenti deboli vengono salvati da Poitier, che investe il suo ruolo con un sottile calore".

per la sua interpretazione.

Nel dramma sociale di Stanley Kramer Indovina chi viene a cena , Poitier ha interpretato un uomo in una relazione con una donna bianca interpretata da Katharine Houghton . Il film ruota attorno a lei che lo porta a incontrare i suoi genitori interpretati da Katharine Hepburn e Spencer Tracy . Il film era uno dei rari film dell'epoca a rappresentare un matrimonio interrazziale in una luce positiva, poiché storicamente il matrimonio interrazziale era stato illegale nella maggior parte degli stati degli Stati Uniti. Era ancora illegale in 17 stati, per lo più stati del sud, fino al 12 giugno 1967, sei mesi prima dell'uscita del film. Il film è stato un successo di critica e finanziario. Nella sua recensione del film, Roger Ebert ha descritto il personaggio di Poitier come "un esperto medico nobile, ricco, intelligente, bello ed etico" e che il film "è un magnifico pezzo di intrattenimento. Ti farà ridere e potrebbe persino farti piangere". Per vincere il ruolo del dottor Prentice nel film, Poitier ha dovuto fare un'audizione per Tracy e Hepburn in due cene separate.

Poitier iniziò a essere criticato per essere stato interpretato come personaggi afroamericani eccessivamente idealizzati a cui non era permesso avere difetti di sessualità o personalità, come il suo personaggio in Indovina chi viene a cena . Poitier stesso era a conoscenza di questo schema, ma era in conflitto sulla questione. Voleva ruoli più vari; ma si sentiva anche obbligato a dare l'esempio con i suoi personaggi, sfidando i vecchi stereotipi, poiché all'epoca era l'unico attore importante di origine africana scelto per ruoli da protagonista nell'industria cinematografica americana. Ad esempio, nel 1966, rifiutò l'opportunità di interpretare il ruolo principale in una produzione televisiva della NBC di Otello con quello spirito in mente. Nonostante ciò, molti dei film in cui Poitier ha recitato negli anni '60 sarebbero stati successivamente citati come thriller sociali sia dai registi che dalla critica.

anni '70

In the Heat of the Night presentava il suo personaggio di maggior successo, Virgil Tibbs, un detective di Filadelfia, in Pennsylvania, la cui carriera successiva è stata oggetto di due sequel: Mi chiamano Mister Tibbs! (1970) e L'organizzazione (1971).

.

(1980), che per molti anni è stato il film con il maggior incasso diretto da una persona di origine africana.

Carriera successiva

Nel 1985, ha diretto Fast Forward e, nel 1990, si è riunito con Cosby dirigendolo nella commedia per famiglie Ghost Dad .

Nel 1988, ha recitato in Shoot to Kill con Tom Berenger . Nel 1992, ha recitato in Sneakers con Robert Redford e Dan Aykroyd . Nel 1997, ha interpretato un ruolo secondario in The Jackal con Richard Gere e Bruce Willis . Negli anni '90, ha recitato in diversi film e miniserie per la televisione molto apprezzati come Separate but Equal (1991), To Sir, with Love II (1996), Mandela and de Klerk (1997) e The Simple Life of Noah Dearborn (1999). ). Ha ricevuto nomination agli Emmy per il suo lavoro in Separati ma uguali e Mandela e de Klerk , oltre a una nomination ai Golden Globe per il primo. Ha vinto un Grammy Award per il miglior album di parole parlate nel 2001.

Nel 2002, Poitier ha ricevuto nel 2001 l' Honorary Academy Award per il suo contributo complessivo al cinema americano. Più avanti nella cerimonia, Denzel Washington ha vinto il premio come miglior attore per la sua interpretazione in Training Day , diventando il secondo attore nero a vincere il premio. Nel suo discorso di vittoria, Washington ha salutato Poitier dicendo: "Ti inseguirò sempre, Sidney. Seguirò sempre le tue orme. Non c'è niente che preferirei fare, signore".

di Los Angeles come "Sidney Poitier Grand Lobby".

Consiglio e servizio diplomatico

Dal 1995 al 2003, Poitier è stato membro del consiglio di amministrazione di The Walt Disney Company .

Nell'aprile 1997 Poitier è stato nominato ambasciatore delle Bahamas in Giappone, carica che ha ricoperto fino al 2007. Dal 2002 al 2007 è stato contemporaneamente ambasciatore delle Bahamas presso l' UNESCO .

Vita privata

La casa di Poitier a Stuyvesant, New York , 2019

Poitier è stato sposato per la prima volta con Juanita Hardy dal 29 aprile 1950 al 1965. Sebbene Poitier sia diventato residente a Mount Vernon nella contea di Westchester, New York nel 1956, hanno cresciuto la loro famiglia a Stuyvesant, New York , in una casa sul fiume Hudson . Nel 1959, Poitier iniziò una relazione di nove anni con l'attrice Diahann Carroll. Ha sposato Joanna Shimkus , un'attrice canadese che ha recitato con Poitier in The Lost Man nel 1969, il 23 gennaio 1976, e sono rimasti sposati per il resto della sua vita. Ha avuto quattro figlie dalla prima moglie (Beverly, Pamela, Sherri e Gina) e due dalla seconda (Anika e Sydney Tamiia ). Oltre alle sue sei figlie, Poitier aveva otto nipoti e tre pronipoti. Quando l' uragano Dorian ha colpito le Bahamas nel settembre 2019, la famiglia di Poitier aveva 23 parenti scomparsi.

Morte e tributi

Il 6 gennaio 2022 Poitier è morto nella sua casa di Beverly Hills, in California , all'età di 94 anni. La sua morte è stata confermata da Fred Mitchell , il ministro degli Affari esteri delle Bahamas . Secondo una copia del suo certificato di morte ottenuto da TMZ , la causa immediata della morte è stata l'insufficienza cardiopolmonare, con il morbo di Alzheimer e il cancro alla prostata elencati come cause sottostanti.

Alla morte di Poitier, molte dichiarazioni rilasciate in suo onore, incluso il presidente Joe Biden , che in parte scrisse: "Con incrollabile grandezza ed equilibrio - il suo singolare calore, profondità e statura sullo schermo - Sidney ha contribuito ad aprire il cuore di milioni di persone e ha cambiato il modo di L'America ha visto se stessa". L'ex presidente Barack Obama ha reso omaggio a Poitier, definendolo "un talento singolare che incarnava dignità e grazia". Anche Michelle Obama , Bill Clinton e Hillary Clinton hanno rilasciato dichiarazioni.

e altri hanno reso omaggio.

Filmografia

Premi e riconoscimenti

Poitier riceve la Medaglia presidenziale della libertà dal presidente Barack Obama nell'agosto 2009

Poitier è diventato il primo attore nero a vincere l' Oscar come miglior attore per I gigli (1963). Ha anche ricevuto un Grammy Award , due Golden Globe e un British Academy Film Award . Ha ricevuto numerosi onorificenze durante la sua vita, tra cui l' Academy Honorary Award per la sua carriera nel cinema nel 2001. Nel 1992, Poitier ha ricevuto l' AFI Life Achievement Award . Nel 1994, Poitier ha ricevuto una stella sulla Hollywood Walk of Fame . Nel 1981 ha ricevuto il Golden Globe Cecil B. DeMille Award e nel 2016 ha ricevuto la BAFTA Fellowship .

Nel 1995, Poitier ha ricevuto il Kennedy Center Honor e nel 2009 ha ricevuto la Medaglia presidenziale della libertà da Barack Obama. È stato anche nominato Cavaliere Commendatore onorario dell'Ordine dell'Impero Britannico dalla regina Elisabetta II nel 1974. Nel 1986 ha tenuto il discorso di inizio alla classe di laurea dell'Università di Miami e ha ricevuto la laurea honoris causa di Dottore in Belle Arti.

Eredità

Poitier c.
 2013

Poitier è stato descritto come un'icona nel suo necrologio da USA Today . Laura Jacobs per Vanity Fair ha salutato Poitier come il " Martin Luther King Jr. dei film". Diversi storici del cinema e giornalisti lo hanno definito la prima star del cinema afroamericano di Hollywood. Il New York Times ha notato dopo la sua morte che Poitier è stato determinante per la diversità di Hollywood e "ha aperto la strada agli attori neri nei film". L'Hollywood Reporter ha scritto che "Poitier è stato il primo attore a recitare in film tradizionali di Hollywood che raffiguravano un uomo di colore in modo non stereotipato, e la sua influenza, specialmente durante gli anni '50 e '60 come modello e creatore di immagini, era incommensurabile ."

Nel presentare a Poitier l'Honorary Academy Award nel 2002, Denzel Washington ha detto di Poitier: "Prima di Sidney, gli attori afroamericani dovevano interpretare ruoli secondari nei principali film in studio che erano facili da ritagliare in alcune parti del paese. Ma non potevi tagliare Sidney Poitier da una foto di Sidney Poitier". Era un influente attore afroamericano e molto apprezzato in quanto tale è diventato il primo attore nero ad essere nominato per un Academy Award e il primo attore maschio nero a vincere il premio. È stato anche descritto come il "rappresentante unico" degli afroamericani nel cinema tradizionale durante gli anni '50 e '60, specialmente durante l'apice del movimento per i diritti civili americani . Il New York Times ha osservato che Poitier era "un ambasciatore nell'America bianca e un benevolo emblema del potere nero ". Per il suo ruolo nella diversificazione di Hollywood e per il suo ruolo nel spianare la strada ad altri attori neri, è stato descritto come una delle "figure più importanti della Hollywood del 20° secolo".

L'ex presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha osservato che Poitier aveva "[avanzato] il dialogo della nazione sulla razza e il rispetto" e "aperto le porte a una generazione di attori".

Lavora su Poitier

Autobiografie

Poitier ha scritto tre libri autobiografici:

Poitier è anche oggetto della biografia Sidney Poitier: Man, Actor, Icon (2004) dello storico Aram Goudsouzian.

Poitier ha scritto il romanzo Montaro Caine , uscito nel maggio 2013.

Film su Poitier

  • Sidney Poitier: Una luce brillante (2000)
  • Sidney Poitier, un outsider a Hollywood ( Sidney Poitier, un outsider a Hollywood ) (2008)

Guarda anche

Appunti

Riferimenti