UNITA' -
UNITA

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Capo Adalberto Costa Junior
Fondatore Jonas Savimbi
Fondato 13 marzo 1966
Sede centrale Luanda
Ala giovanile Gioventù Unita Rivoluzionaria dell'Angola
Ala femminile Lega femminile angolana
Ala armata FALA (fino al 1993)
Ideologia
Posizione politica
Affiliazione regionale Unione Democratica d'Africa
Affiliazione internazionale Democratico centrista internazionale
Seggi all'Assemblea Nazionale
51/220
Bandiera del partito
Bandiera dell'UNITA.svg
Sito web
unitaangola.org
.

Fino al 1996, l'UNITA è stata finanziata attraverso le miniere di diamanti dell'Angola, nelle province di Lunda nord-orientale di Lunda Norte e Lunda Sul lungo la valle del fiume Cuango, in particolare la miniera di Catoca, che all'epoca era l'unica miniera di

Valdemar Chidondo prestò servizio come capo di stato maggiore nel governo dell'UNITA, ribelli filo- occidentali , durante la guerra civile angolana (1975–2002). Jonas Savimbi , leader dell'UNITA, avrebbe ordinato l'assassinio di Chidondo.

Il successore di Savimbi come presidente dell'UNITA è Isaías Samakuva . Dopo la morte di Savimbi, l'UNITA ha abbandonato la lotta armata e ha partecipato alla politica elettorale. Il partito ha vinto 51 seggi su 220 alle elezioni parlamentari del 2017 .

Fondazione

). All'evento erano presenti altri 200 delegati. L'UNITA ha lanciato il suo primo attacco alle autorità coloniali portoghesi il 25 dicembre 1966.

, l'UNITA ha perso il sostegno degli Stati Uniti ed è stata sostenuta solo dall'apartheid in Sud Africa.

Indipendenza e guerra civile

Dopo il ritiro portoghese dall'Angola nel 1974-75 e la fine del loro dominio coloniale, l'MPLA e l'UNITA si divisero e iniziò la guerra civile quando i movimenti si scontrarono militarmente e ideologicamente. Il leader dell'MPLA Agostinho Neto è diventato il primo presidente dell'Angola postcoloniale. Sostenuto da denaro, armi e truppe sovietiche e cubane, l'MPLA sconfisse militarmente l'FNLA e lo costrinse in gran parte all'esilio. Anche l'UNITA fu quasi distrutta nel novembre 1975, ma riuscì a sopravvivere e ad istituire un secondo governo, la Repubblica Democratica Popolare dell'Angola , nella capitale provinciale di Huambo . L'UNITA è stata messa in difficoltà, ma si è ripresa con l'aiuto del Sud Africa e poi è stata notevolmente rafforzata dal sostegno degli Stati Uniti negli anni '80. La presenza militare dell'MPLA era più forte nelle città angolane, nella regione costiera e nei giacimenti petroliferi strategici. Ma l'UNITA controllava gran parte dell'interno dell'altopiano, in particolare l' altopiano di Bié e altre regioni strategiche del paese. Fino a 300.000 angolani sono morti nella guerra civile.

Movimento di guerriglia

Negli anni '80 e all'inizio degli anni '90, Savimbi ha cercato relazioni ampiamente ampliate con gli Stati Uniti. Ha ricevuto una guida considerevole da The Heritage Foundation , un influente istituto di ricerca conservatore a Washington, DC che ha mantenuto forti relazioni sia con l' amministrazione Reagan che con il Congresso degli Stati Uniti. Michael Johns , il massimo esperto della Heritage Foundation sulle questioni relative all'Africa e al Terzo Mondo, ha visitato Savimbi nei suoi campi base clandestini nell'Angola meridionale, offrendo al leader dell'UNITA consigli tattici, militari e politici. Attraverso gli sforzi di lobbying di Paul Manafort e della sua azienda Black, Manafort, Stone e Kelly, che ricevevano $ 600.000 all'anno da Savimbi a partire dal 1985, l'UNITA ottenne un forte sostegno dall'amministrazione Reagan.

Nel 1986, i conservatori statunitensi convinsero il presidente Ronald Reagan a incontrare Savimbi alla Casa Bianca . Sebbene l'incontro stesso fosse riservato, Reagan ne emerse con supporto ed entusiasmo per gli sforzi di Savimbi, affermando che poteva immaginare una "vittoria che elettrizza il mondo" dell'UNITA, suggerendo che Reagan considerava l'esito del conflitto angolano critico per tutto il suo Reagan Dottrina politica estera, consistente nel sostegno ai movimenti di resistenza anticomunista in America Centrale, Sud-est asiatico e altrove.

Sotto la guida di Savimbi, l'UNITA si è dimostrata particolarmente efficace militarmente prima e dopo l'indipendenza, diventando uno dei movimenti di resistenza armata più efficaci al mondo della fine del XX secolo. Secondo il Dipartimento di Stato americano , l'UNITA è arrivata a controllare "vaste zone dell'interno (dell'Angola)". La stessa sopravvivenza di Savimbi in Angola in sé e per sé è stata vista come un risultato incredibile, ed è diventato noto come "il combattente della boscaglia più duraturo d'Africa" ​​dati i tentativi di omicidio, aiutato da vaste truppe militari, consiglieri e supporto sovietici, cubani e della Germania orientale , che è sopravvissuto.

, i quali, con il sostegno degli Stati Uniti, si stavano opponendo con successo ai governi sponsorizzati dai sovietici, come prova che gli Stati Uniti erano cominciando a prendere il sopravvento nel conflitto della Guerra Fredda e che la Dottrina Reagan stava funzionando. I critici, d'altra parte, hanno risposto che il sostegno dato all'UNITA, ai contras e ai mujaheddin afgani stava infiammando i conflitti regionali con grandi spese per queste nazioni. Inoltre, l'UNITA, come il governo angolano che ha combattuto, è stata criticata per le violazioni dei diritti umani.

anni '80

L'UNITA ha guadagnato una certa notorietà internazionale nel 1983 dopo aver rapito 66 civili cecoslovacchi e detenuto un terzo di loro per circa 15 mesi. Il Belgio alla fine ha negoziato il rilascio dei civili. I combattimenti in Angola continuarono fino al 1989, quando, con l'avanzamento militare dell'UNITA, Cuba ritirò il suo sostegno, rimuovendo diverse migliaia di truppe che aveva inviato in Angola per combattere l'UNITA di Savimbi. Con molti commentatori e specialisti di politica estera che vedevano che la Guerra Fredda stava volgendo al termine, il sostegno statunitense di Savimbi, che era stato forte, iniziò a essere messo in discussione, con alcuni al Congresso che sollecitavano la fine del sostegno statunitense all'UNITA. Le cose sono state ulteriormente complicate dai ripetuti rapporti secondo cui il segretario generale sovietico Mikhail Gorbaciov aveva raccolto il sostegno degli Stati Uniti all'UNITA in diversi incontri al vertice formali e informali con il presidente George HW Bush , esercitando ulteriori pressioni sugli Stati Uniti per porre fine al loro sostegno all'UNITA.

Un adesivo dell'UNITA, emesso per le celebrazioni del suo 20° anniversario nel 1986. L'adesivo reca il simbolo dell'UNITA e lo slogan "Socialismo - Negritudine - Democrazia - Non allineamento"

Quando la guerra iniziò a includere componenti sia militari che diplomatici, Johns e i principali conservatori statunitensi hanno esortato Savimbi a subordinare un cessate il fuoco all'accordo dell'MPLA per "elezioni libere ed eque". Quando la richiesta dell'UNITA è stata inizialmente respinta dall'MPLA, Savimbi ha notevolmente intensificato la sua pressione militare, sostenendo che l'MPLA stava resistendo a elezioni libere ed eque perché temeva una vittoria elettorale dell'UNITA. Nel frattempo è stato raggiunto un accordo che prevedeva l'allontanamento delle truppe straniere dall'Angola in cambio dell'indipendenza della Namibia dal Sud Africa. In Angola, tuttavia, Savimbi ha detto a Johns e al leader conservatore Howard Phillips di non essersi sentito adeguatamente consultato sui negoziati o sull'accordo ed era contrario ad esso. "Ci sono molte scappatoie in quell'accordo. L'accordo non va affatto bene", ha riferito Johns Savimbi dicendo a entrambi durante una visita del marzo 1989 con Savimbi in Angola".

Alla fine è stato negoziato un cessate il fuoco e il leader dell'MPLA José Eduardo dos Santos e il Comitato centrale dell'MPLA hanno respinto il suo passato marxista e hanno accettato la richiesta di Savimbi di elezioni libere ed eque, sebbene l'UNITA e i suoi sostenitori considerassero le promesse con scetticismo, soprattutto perché le relazioni dell'MPLA con l'Unione Sovietica L'unione è rimasta forte.

anni '90

Il leader dell'Unita Jonas Savimbi .
.

Quando Savimbi ha ripreso a combattere, l'ONU ha risposto attuando un embargo contro l'UNITA attraverso la risoluzione 1173 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite . Il rapporto Fowler commissionato dalle Nazioni Unite ha descritto in dettaglio come l'UNITA ha continuato a finanziare il suo sforzo bellico attraverso la vendita di diamanti (in seguito conosciuti come diamanti insanguinati ) e ha portato a ulteriori sanzioni sotto forma di risoluzione 1295 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e azioni per porre fine al commercio di diamanti insanguinati attraverso il Kimberley Process Certification Scheme . Alla fine del 1992 in seguito alle elezioni generali , il governo degli Stati Uniti, che non aveva mai riconosciuto la legittimità dell'MPLA, riconobbe finalmente il governo angolano e smise di sostenere l'UNITA, alienando ulteriormente Savimbi. Dopo i colloqui falliti nel 1993 per porre fine al conflitto, un altro accordo, il Protocollo di Lusaka, è stato attuato nel 1994 per formare un governo di unità nazionale. Nel 1995 arrivarono le forze di pace delle Nazioni Unite. Ma l'UNITA si staccò dall'accordo di Lusaka nel 1998, adducendone le violazioni da parte dell'MPLA. Alla fine del 1998, un gruppo militante che si faceva chiamare UNITA Renovada si staccò dall'UNITA tradizionale, quando diversi comandanti dell'UNITA, insoddisfatti della leadership di Jonas Savimbi , posero fine alla loro fedeltà alla sua organizzazione. Altre migliaia di unità hanno abbandonato l'UNITA nel 1999 e nel 2000.

Nel 1999, un'offensiva militare dell'MPLA ha danneggiato considerevolmente l'UNITA, essenzialmente distruggendo l'UNITA come forza militare convenzionale e costringendola a tornare a tattiche di guerriglia più tradizionali.

anni 2000

La guerra civile angolana si è conclusa solo dopo la morte di Savimbi, ucciso in un'imboscata il 22 febbraio 2002. La sua morte è stata scioccante per molti angolani, molti dei quali erano cresciuti durante la guerra civile angolana e hanno assistito alla capacità di Savimbi di eludere con successo gli sforzi dalle truppe sovietiche, cubane e angolane per ucciderlo.

Sei settimane dopo la morte di Savimbi, nell'aprile 2002, l'UNITA ha concordato un cessate il fuoco con il governo. In base a un accordo di amnistia, i soldati dell'UNITA e le loro famiglie, che comprendono circa 350.000 persone, sono stati riuniti in 33 campi di smobilitazione nell'ambito del "Programma per il reinserimento sociale e produttivo degli sfollati di guerra e smobilitati". Nell'agosto 2002, l'UNITA ha ufficialmente rinunciato al suo braccio armato e l'UNITA ha concentrato tutti i suoi sforzi sullo sviluppo del suo partito politico. Nonostante il cessate il fuoco, permane un profondo conflitto politico tra UNITA e MPLA.

A Savimbi successe subito António Dembo , morto poco dopo Savimbi. Dopo Dembo, nelle elezioni contestate dal generale Paulo Lukamba , Dinho Chingunji e Isaías Samakuva , Samakuva ha vinto le elezioni dell'UNITA ed è emerso come nuovo presidente dell'UNITA.

Nel novembre 2019, Isaias Samakuva si è dimesso da presidente ed è stato sostituito da Adalberto Costa Júnior con Arlete Leona Chimbinda come nuovo vicepresidente.

Sostegno estero

L'UNITA ha ricevuto il sostegno di diversi governi in Africa e in tutto il mondo, tra cui Bulgaria , Egitto , Francia , Israele , Marocco , Repubblica popolare cinese , Arabia Saudita , Zaire e Zambia .

stati Uniti

vieta il coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra civile, il segretario Haig disse a Savimbi nel dicembre 1981 che gli Stati Uniti avrebbero continuato a fornire assistenza all'UNITA.

Il governo degli Stati Uniti "ha incoraggiato esplicitamente" i governi di Israele, Marocco, Arabia Saudita, Sud Africa e Zaire ad aiutare l'UNITA. Nel 1983 i governi degli Stati Uniti e del Sud Africa hanno deciso di spedire armi dall'Honduras , dal Belgio e dalla Svizzera al Sud Africa e poi all'UNITA in Angola. Gli Stati Uniti hanno anche scambiato armi con il Sud Africa per informazioni sulla guerra civile.

e hanno promosso il trasferimento di armi americane alla sua guerra.

Johns e altri conservatori americani si incontravano regolarmente con Savimbi nella remota Jamba , culminando nell'" Internazionale Democratica " nel 1985. Savimbi in seguito ha attirato le lodi del presidente degli Stati Uniti Ronald Reagan , che lo ha salutato come un combattente per la libertà e ha parlato di Savimbi che ha ottenuto una vittoria che " elettrizza il mondo" mentre altri alludevano a un regime molto più oscuro, liquidando Savimbi come un propagandista assetato di potere.

Dopo le elezioni generali angolane del 1992 , l'UNITA ha perso il sostegno degli Stati Uniti ed è stata sostenuta solo dal Sud Africa.

Storia elettorale

Elezioni presidenziali

Elezione Candidato di partito Voti % Risultato
1992 Jonas Savimbi 1.579.298 40,07% Perduto X rossa
n

Elezioni dell'Assemblea Nazionale

Elezione Capo del partito Voti % Sedili +/– Posizione Governo
1992 Jonas Savimbi 1.347.636 34,10%
70/220
Aumento 70 Aumento Opposizione
2008 Isaias Samakuva 670.363 10,39%
16/220
Diminuire 54 Costante Opposizione
2012 1.074.565 18,66%
32/220
Aumento 16 Costante Opposizione
2017 1.790.320 26,70%
51/220
Aumento 19 Costante Opposizione

Guarda anche

Appunti

Riferimenti

Ulteriori letture

  • Didier Péclard, "Les incertitudes de la nation en Angola: Aux racines sociales de l'Unita", Parigi: Karthala, (2015).
  • Hoekstra, Quint. "L'effetto del sostegno dello stato straniero all'UNITA durante la guerra in Angola (1975-1991)." Piccole guerre e insurrezioni 29.5-6 (2018): 981–1005.
  • Pearce, Giustino. "Dalla ribellione all'opposizione: l'impegno sociale dell'UNITA nell'Angola del dopoguerra". Governo e opposizione 55.3 (2020): 474–489.
  • Wright, Giorgio. La distruzione di una nazione: la politica degli Stati Uniti nei confronti dell'Angola dal 1945 (1997)